Fedez alla Mondadori Megastore

cast_fedez
cast_fedez

Le sorprese di Fedez per tutti i suoi fan non sono ancora terminate! Domani, lunedì 3 dicembre, alle ore 15 l’artista sarà presente in via del tutto eccezionale alla Mondadori Megastore di via Marghera, 28 a Milano per presentare in anteprima assoluta tutti i contenuti esclusivi dedicati ai fan inclusi nel nuovo album “Paranoia Airlines”.

Tutti coloro che saranno presenti all’evento potranno acquistare il pre-order del disco, in uscita il 25 gennaio, e avere accesso ad un fantastico regalo.

L’album “Paranoia Airlines” è stato anticipato dal singolo “Prima di ogni cosa”, disco d’oro in una sola settimana, in, che ad oggi conta oltre 8 mln di stream su Spotify e 17 mln di visualizzazioni su YouTube. Fedez ha inoltre annunciato il tour, organizzato da Vivo Concerti e Newtopia, che lo vedrà esibirsi nelle principali città italiane a partire da marzo 2019.

Fedez: “Paranoia Airlines” – nuovo album

Fedez
Fedez

È disponibile da oggi il preorder fisico del nuovo attesissimo album di Fedez “Paranoia Airlines”, in uscita il 25 gennaio 2019 per Sony Music. Per l’occasione, l’artista ha voluto regalare tantissime sorprese a tutti i suoi fan.

La prima novità è lo special package disponibile in esclusiva su Amazon, in poche ore già #1 in classifica. Il formato fisico prenotabile sul sito amazon.it contiene un esclusivo kit da concerto con:

• mantella personalizzata
• braccialetto personalizzato
• cordino pass personalizzato
• mano in eva (spugna)
• cd con poster

L’album è stato anticipato dal singolo, certificato disco d’oro, “Prima di ogni cosa”, in radio e in digitale da venerdì 2 novembre, che ad oggi conta oltre 8 mln di stream su Spotify e 17 mln di visualizzazioni su YouTube.

Ad una settimana dall’uscita, il brano si è posizionato in vetta alla classifica FIMI/GfK dei singoli più venduti ed è stata la più alta nuova entrata della classifica EarOne dei brani più trasmessi in radio.

Fedez ha inoltre annunciato il tour, organizzato da Vivo Concerti e Newtopia, che lo vedrà esibirsi nelle principali città italiane a partire da marzo 2019. Qui tutte le date:

CALENDARIO
Venerdì 15 Marzo 2019 || Firenze @ Nelson Mandela Forum
Sabato 16 Marzo 2019 || Torino @ Pala Alpitour
Giovedì 21 Marzo 2019 || Bologna @ Unipol Arena
Sabato 23 Marzo 2019 || Montichiari (BS) @PalaGeorge
Giovedì 28 Marzo 2019 || Ancona @ PalaRossini
Sabato 30 Marzo 2019 || Eboli @ PalaSele
Martedì 2 Aprile 2019 || Acireale @ Pal’Art Hotel
Venerdì 5 Aprile 2019 || Roma @ PalaLottomatica
Lunedì 8 Aprile 2019 || Milano @ Mediolanum Forum
Sabato 13 Aprile 2019 || Padova @ Kioene Arena
Domenica 14 Aprile 2019 || Conegliano @ Zoppas Arena

“Prima di ogni cosa”, nuovo singolo di Fedez

Cover FEDEZ
Cover FEDEZ

Esce oggi, venerdì 2 novembre – in radio, nei digital store e piattaforme streaming – “Prima di ogni cosa”, il nuovo attesissimo singolo di Fedez, già primo nella classifica ITunes e su Apple Music. È online il videoclip ufficiale, diretto da Darren Craig, noto per aver firmato i video di Shakira, Rihanna, Justin Timberlake, Afrojack e molti altri.

Con “Prima di ogni cosa” Federico esprime tutto il suo amore per il figlio Leone che crescendo e vivendo le prime esperienze della vita, gli insegna a essere padre per la prima volta e a rinunciare al lato più disincantato che lo ha caratterizzato negli anni precedenti.

Leone apre quindi la porta a una nuova vita a Federico che si impegna a esserci sempre al suo fianco e a prendersi cura di lui, prima di qualsiasi altra cosa. Il brano è prodotto da Michele Canova.

Il brano anticipa il nuovo attesissimo progetto discografico a cui il cantante sta lavorando, e arriva dopo l’annuncio del tour, organizzato da Vivo Concerti e Newtopia, che lo vedrà esibirsi nelle principali città italiane a partire da marzo 2019.
Qui tutte le date:
CALENDARIO:
Venerdì 15 Marzo 2019 || Firenze @ Nelson Mandela Forum
Sabato 16 Marzo 2019 || Torino @ Pala Alpitour
Giovedì 21 Marzo 2019 || Bologna @ Unipol Arena
Sabato 23 Marzo 2019 || Montichiari (BS) @PalaGeorge
Giovedì 28 Marzo 2019 || Ancona @ PalaRossini
Sabato 30 Marzo 2019 || Eboli @ PalaSele
Martedì 2 Aprile 2019 || Acireale @ Pal’Art Hotel
Venerdì 5 Aprile 2019 || Roma @ PalaLottomatica
Lunedì 8 Aprile 2019 || Milano @ Mediolanum Forum
Sabato 13 Aprile 2019 || Padova @ Kioene Arena
Domenica 14 Aprile 2019 || Conegliano @ Zoppas Arena

Settimanale F: intervista a Marina Di Guardo

F N 24
F N 24

Marina Di Guardo, scrittrice di romanzi noir e madre della web influencer e star dei social, Chiara Ferragni, intervistata su F – il settimanale di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei – in edicola domani, racconta per la prima volta di sé e di come abbia cresciuto la futura moglie di Fedez e mamma di Leone.

«Ho capito che Chiara sarebbe diventata una donna volitiva un giorno di 18 anni fa. Lei ne aveva 13: con suo padre l’abbiamo accompagnata all’aeroporto dove si sarebbe imbarcata per andare a trovare un amichetto. Io ero molto preoccupata, lei invece ci ha salutato e non si è mai voltata indietro. Quando ho realizzato che non si sarebbe più girata, mi son detta: questa è tosta».

Lei ha tre figlie. Poteva immaginarsi che Chiara sarebbe diventata una star? «No, perché la sua carriera è nata per caso, anche se è sempre stata molto volitiva (…). No, non sono mai stata il genere di madre alla Anna Magnani in Bellissima che spingeva la figlia».

Separata dal padre delle bambine 15 anni fa, Marina alla domanda su come abbia educato le sue figlie risponde: «Quando sono nata, primogenita, mio padre avrebbe voluto un maschio e questa cosa me l’ha sempre fatta pesare, mettendomi dietro agli altri, i miei fratelli. Per lui ero invisibile e di questo ho sofferto moltissimo (…). Ragion per cui ho sempre cercato di far sentire le mie figlie importanti, capaci, con autostima».

È vero che Chiara ha preso la passione della fotografia da lei? «Sì. Giravo con la Rolleiflex e una telecamera sempre nello zaino e scattavo alle bambine migliaia di foto che poi mettevo in album grandi e ordinatissimi (…). Loro però erano maschiacce per nulla vezzose, non certo le bimbe che ti chiedono vestitini, rossetto, smalto: mi avrebbe fatto orrore».

Che cosa ha pensato quando Chiara si è fidanzata con Fedez? «Il loro è stato un bellissimo incontro perché pur avendo un background differente sono molto simili: tutti e due sono partiti dal nulla, hanno voluto qualcosa di diverso e hanno avuto il coraggio di perseguirlo. Con Fede ho un rapporto molto bello, lo trovo geniale».

Sua figlia e Fedez sono stati molto criticati per la loro scelta di postare sui social le foto del figlio Leone neonato. «Ci sono migliaia di persone, anche non famose, che postano sui social foto dei figli e la loro gioia di vivere. Ci sono problemi ben più grandi al mondo».

Non teme che nella vita di Chiara pubblico e privato si confondano? «Lei documenta solo quello che vuole far vedere, è un’illusione. I social sono come dei begli album di foto: mettiamo solo cose belle, non la vita vera».

Il settimanale F è disponibile anche in versione iPad e iPhone, nell’edicola di iTunes Store.

J-Ax & Fedez- “La Finale”

j-ax & Fedez
j-ax & Fedez

Dopo due anni ai vertici delle classifiche, questa sera J-Ax & Fedez,
protagonisti indiscussi del panorama musicale italiano, salgono per la prima volta sul palco dello Stadio
di San Siro per “La Finale”, il concerto evento con cui i due artisti celebrano e concludono il loro progetto musicale da record.

Il live ha registrato il sold out con oltre 79.500 presenze ed è solo l’ultimo
degli incredibili traguardi raggiunti.

Lo show ripercorrerà le tappe fondamentali delle carriere soliste di entrambi fino al loro sodalizio artistico, iniziato con il lancio, nel maggio 2016, di “Vorrei ma non posto” (hit da 7 dischi di Platino) e
proseguito con la pubblicazione, a gennaio 2017, dell’album “Comunisti Col Rolex”.

Quest’ultimo è stato il disco italiano più venduto dell’anno, insieme al brano “Senza Pagare”, ottenendo 25 dischi di
Platino tra album e singoli.

Il 2017 è stato anche l’anno di un tour che, in sei mesi e 33 tappe, ha
registrato tutte le date sold out, con oltre 230 mila presenze – tra cui quattro Forum di Assago (Milano), doppia data a Roma e Taormina.

L’ultimo successo pubblicato è “Italiana”, la nuova hit dell’estate 2018, che in poche ore si è posizionata in vetta alle classifiche dei singoli più venduti. Un ritratto dell’Italia contemporanea, nella quale si incontrano e scontrano i punti di forza e le debolezze del nostro bel Paese.

Ad accompagnare i due artisti, saranno presenti sul palco molti ospiti speciali: Levante, Malika Ayane, Noemi, Nina Zilli, Grido, Gué Pequeno, Il Cile, Sergio Sylvestre, Stash.

Sul palco anche Cris Brave, artista diversamente abile di 21 anni, che presenterà il suo brano inedito “La Panchina”, prodotto insieme a Newtopia. Dopo l’incontro con J-Ax & Fedez,

Cris avrà la straordinaria opportunità di esibirsi a San Siro per raccontare la sua storia al pubblico, in occasione del lancio della sua campagna di crowdfunding “La mia indipendenza” (https://www.gofundme.com/cris-brave-la-miaindipendenza).

Ad aprire il concerto, invece, sarà la Dark Polo Gang, il fenomeno più discusso del panorama musicale italiano. Il collettivo romano porterà sul palco di San Siro il nuovo singolo “British” e tutti i suoi brani più
famosi, contraddistinti dall’inimitabile flow della gang, che unisce il rap al genere della trap.

Alla tastiera e fisarmonica Paolo Jannacci; alla chitarra Marco Arata; alla batteria Steve Luchi e Paola Caridi; al basso Paola Zadra, accompagnati da DJ Zack, che durante il live si esibirà in un intermezzo musicale. I vocalist saranno: Sewit Jacob Villa, Space one e Sopreman.

Inoltre, in alcuni momenti, gli artisti saranno accompagnati dal quartetto d’archi Florenze Art Ensemble String Quartet, composto
da: Lorenzo Borneo, Elena Pascasu (Viola), Liuba Morao (Violino), Margherita Pelandri (Violino) e Salvatore Iaia (Violoncello).

La direzione artistica e le coreografie de “La Finale” sono a cura di Emanuel Lo, con la produzione musicale di Fausto Cogliati. L’ideazione e la progettazione sono state curate da Giorgio Ioan, responsabile di produzione per Lemonandpepper.

Il palco a 360°, posizionato al centro dello stadio, è uno dei grandi protagonisti de “La Finale”. La sua forma ricorda un ring, a simboleggiare l’ultimo incontro della coppia di artisti, e garantisce ampia visibilità da ogni lato dello stadio.

La struttura ha un’altezza totale di 26m e il palco e la passerella coprono un’area di 50x50m. Per tutta la durata del concerto, la band sarà posizionata su una pedana girevole motorizzata di 14m di diametro
e, esattamente come se si trovasse su un grande giradischi, ruoterà affacciandosi sulle varie sezioni dello stadio.

Il palco ospiterà anche due ascensori, trasformando il ring in una vera e propria astronave, che solleverà gli artisti al centro dell’arena.
Un ponte trasparente sovrasta il pubblico presente nel prato, la pedana sarà l’ingresso per tutti i protagonisti del concerto: ospiti, performer, biker e ballerini.

Oltre 800 fari disposti su tutto lo stadio. Non mancheranno effetti pirotecnici e laser show. Oltre 500mq di schermi a led e un impianto di diffusione audio a 360° consentirà una resa sonora ineccepibile.

Tra
gli elementi tecnici più suggestivi, un ampio pavimento led da 100mq posizionato su una passerella che scende a livello terra, su cui saranno proiettate immagini videografiche che interagiranno con l’intera coreografia e con gli artisti che vi si esibiranno.

Inoltre, diverse passerelle si insinuano negli spazi dedicati al pubblico, tra cui una pensata per “abbracciare” il pubblico e un’altra dotata di lift. Tra
le altre dotazioni di produzione: oltre 4.000 kW di corrente, 40 autoarticolati per il trasporto delle strutture scenografiche, audio, luci, e video.

Il tutto sarà gestito da uno staff specializzato di 250 persone, 400 unità di personale locale e un imponente sistema di sicurezza, composto da oltre 1.000 unità.

I contenuti video sono realizzati da Mikkel Garro, le immagini live elaborate da Giulio Maestri. Andrea
Arlotti è il light designer del concerto.
Il live è prodotto da Saludo Italia e Newtopia.