“Io, Claude Monet”: nei cinema italiani il docufilm sull’artista impressionista

Monet_POSTER
Monet_POSTER

Tremila lettere di Claude Monet.
È a partire da questo immenso patrimonio che si snoda Io, Claude Monet, il nuovo docu-film di Phil Grabsky che arriva al cinema solo il 14 e 15 febbraio nell’ambito della stagione della Grande Arte al Cinema di Nexo Digital (elenco delle sale a breve su www.nexodigital.it).

museiProprio a partire dagli scritti di Monet (Parigi, 1840 – Giverny, 1926), accostati alle straordinarie opere conservate nei più importanti musei del mondo, il film rivela la tumultuosa vita interiore del pittore di Giverny, tra momenti di intensa depressione e giorni di assoluta euforia creativa, offrendone così un ritratto complesso e commuovente.

Attraverso più di cento dipinti filmati in alta definizione lo spettatore potrà conoscere la vita emotiva e creativa del pittore che con il suo Impression. Soleil levant, esposto nell’aprile del 1874 nello studio del fotografo Nadar, fece parlare il critico Louis Leroy della prima “esposizione degli impressionisti”, dando involontariamente vita al termine che avrebbe segnato buona parte della storia dell’arte europea di fine Ottocento.

 Riportate alla vita dall’acclamato attore britannico Henry Goodman, le lettere di Monet narrano infatti il percorso dell’artista da enfant prodige e appassionato caricaturista a maestro indiscusso di fama internazionale e registrano con attenzione gli incontri più importanti – come quelli col pittore Eugène Boudin e col primo ministro e amico Georges Clemenceau, che nel 1899 gli scrive “Voi ritagliate dei pezzetti di cielo e li gettate in faccia alla gente. Niente sarebbe così stupido come dirvi grazie: non si ringrazia un raggio di sole”.

 Molte lettere mostrano inoltre la disperazione, i momenti di oscura depressione e anche il tentativo di suicidio, i problemi di salute, i lutti e le complesse relazioni con Camille Doncieux e Alice Hoschedé, prima e seconda moglie dell’artista. “Sono assolutamente disgustato e demoralizzato dall’esistenza che sto conducendo da così tanto tempo… Ogni giorno porta con sé nuovi affanni e nuove difficoltà, da cui non riuscirò a liberarmi”, scrive Monet al medico George de Bellio sul finire degli anni ’70 dell’Ottocento.

 Ma in egual misura la corrispondenza di Monet celebra le gioie della pittura e del mondo naturale. Siamo nella “Mecca dell’Impressionismo”, quella Giverny in cui Monet dipingeva sotto il sole cocente e sotto la pioggia battente per studiare tutte le infinite sfumature della luce.

Un luogo descritto come una visione paradisiaca dai visitatori del tempo, gli stessi che si fermano sul bordo della strada a sbirciare papaveri di campo, primule, violette, margherite, fiordalisi, o che allungano il collo dai finestrini del treno per scorgere il ponticello giapponese o un angolo dello stagno, con quelle ninfee “silenti e misteriose più di ogni altro fiore”, passione e ossessione decennale di un artista che inseguì il sogno della forma e del colore quasi fino all’autodistruzione. erano l’anima del duo giardino.

Io, Claude Monet ripercorre i luoghi in cui Monet dipinse e scrisse le sue lettere, da Honfleur a Étretat, da Parigi a Venezia, da Londra a Le Havre e dà inoltre spazio alla corrispondenza poco nota coi colleghi impressionisti Bazille, Manet e Pissarro e agli accesi scambi di opinione col mercante Paul Durand-Ruel, mostrando il rapporto spesso conflittuale di Monet con il mondo dell’arte.

 Il regista Phil Grabsky spiega: “Amo molto lavorare sulle biografie degli artisti, perché quando si legge con attenzione la loro corrispondenza, quando si torna nei luoghi in cui hanno vissuto e si esaminano attentamente i dipinti che hanno realizzato, se ne rintraccia una personalità più ricca e sincera. È quanto accaduto con Monet. Non c’è nulla scontato in questo artista. Ciò che colpisce con maggior forza è la sua passione, la sua ricerca senza fine e, infine, la sua genialità”.

La Grande Arte al Cinema è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner  Sky Arte HD e MYmovies.it.

Aggiunte nuove date al “Beyond Tour” di Mario Biondi

Mario Biondi_foto di Ale Fonta Run_B concerti
Dopo il successo dei concerti in tutta Italia e all’estero nel 2015, a grande richiesta si aggiungono nuove date al “Beyond Tour” di MARIO BIONDI, che proseguirà a partire da febbraio nei teatri d’Italia.

Intanto, da  venerdì 5 febbraio, è in rotazione radiofonica “You Can’t Stop This Love Between Us”, il nuovo singolo estratto da “Beyond Special Edition” (Sony Music), l’edizione speciale del disco d’oro “Beyond” con in più 5 storici brani dei Commodores rivisitati, che racconta un amore vissuto nella magica Parigi unendo il romanticismo ad un ritmo inarrestabile.

 Nel “Beyond Tour” l’artista presenterà live “Beyond Special Edition” e i suoi più grandi successi, in un imperdibile viaggio in musica.

Queste le prossime date confermate: il 20 febbraio al Casinò di Campione d’Italia – Como (NUOVA DATA),  il 18 marzo al Teatro Pala Banco di Brescia, il 21 marzo al Teatro Odeon di Biella, il 23 marzo al Gran Teatro Geox di Padova, il 2 aprile al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi, il 3 aprile al Teatro Politeama di Catanzaro, il  5 aprile al Teatro Vittorio Emanuele di Messina (NUOVA DATA), l’8 aprile al Pala Ravizza di Pavia (NUOVA DATA), il 10 aprile al Gran Teatro Palabam di Mantova (NUOVA DATA) e il 15 aprile al Nuovo Teatro Carisport di Cesena (NUOVA DATA).

I biglietti sono acquistabili su www.ticketone.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (per informazioni www.fepgroup.it).

 www.mariobiondi.com – www.youtube.com/user/mariobiondiofficial

www.facebook.com/mariobiondiufficiale – twitter.com/mariobiondi

Nuove date per i Casting per “Il Divo Nerone – Opera Rock”

LOGO_DIVO_NERONE_ITA_1000
In meno di dieci giorni il sito divonerone.it ha registrato più di 1500 iscrizioni per partecipare ai casting previsti a Febbraio e così convinto la produzione, Artisti Associati & Partners, ad aggiungere nuove date.

 Il 22 e il 23 Febbraio sono i nuovi giorni previsti per i casting abbinati a quelli già fissati a Roma (dal 15 al 18 Febbraio), prevista invece per il 2 Marzo la data per i casting di Londra.

 La commissione che giudicherà e selezionerà  i futuri protagonisti dell’opera più attesa dell’anno sarà composta da Franco Migliacci e Gino Landi.

A partire da giugno 2016 Roma rivivrà, esattamente nei luoghi che hanno fatto la storia, i fasti imperiali, grazie all’impegno produttivo dell’Artisti Associati&Partners che porta in scena il più sensazionale spettacolo d’intrattenimento made in Italy mai realizzato.

 Nell’estate 2016 Nerone infiammerà ancora Roma. A suon di musica. In anteprima mondiale “Divo Nerone – Opera rock”, il più sensazionale spettacolo d’intrattenimento made in Italy mai realizzato, si preannuncia una sfida senza precedenti.

Per la prima volta si uniranno in un poker d’assi tricolore i più importanti maestri italiani che hanno dato vita alla grande musica, al teatro e al cinema, per creare un progetto artistico destinato a entrare nella storia: il vincitore di 2 Grammy Awards Franco Migliacci, il regista e coreografo dei più acclamati musical italiani Gino Landi, il 3 volte Premio Oscar Dante Ferretti scenografo di grandi produzioni hollywoodiane e la famosa costumista, Premio Oscar Gabriella Pescucci.

L’opera racconta 14 anni di vita del tiranno ed è costellata da tutti i protagonisti di allora. Il Divo Nerone Opera Rock sarà anche un efficace promotore turistico e archeologico per i milioni di visitatori che ogni anno vengono a Roma, grazie alle collaborazioni dell’Artisti Associati & Partners con i player più importanti del settore italiano ed estero. Il colossal musicale sarà messo in scena in due lingue: italiano per gli spettatori del nostro Paese ed inglese per il pubblico internazionale.

Capitani Coraggiosi – il Tour triplica Napoli

baglioni-morandi

Dopo il clamoroso successo dei dodici eventi di settembre, nell’Arena Centrale del Foro Italico di Roma e delle due trionfali serate in diretta tv del 6 e 7 ottobre, su RaiUno, a grandissima richiesta e chiamata, i “Capitani Coraggiosi” – Claudio Baglioni e Gianni Morandi – si riuniscono e partono, per la prima volta insieme in tour, da febbraio.

Un calendario con numerosi appuntamenti già annunciati, a cui si aggiunge una terza data a Napoli, dove i Capitani Coraggiosi si fermeranno il 2, 3 e 4 marzo.

Una serie di nuovi favolosi concerti, per tre ore di straordinaria musica dal vivo e 50 memorabili titoli del repertorio italiano degli ultimi cinquant’anni, eseguiti con un supergruppo di polistrumentisti, in uno spazio scenico innovato e spettacolare nei grandi spazi delle arene indoor delle  città italiane.

Le vendite al pubblico inizieranno dalle 11.00 di mercoledì 30 dicembre su www.ticketone.it e presso i punti vendita abituali.
Le prevendite riservate ai rispettivi fanclub, saranno aperte dalle 11.00 di martedì 29 dicembre alle ore 10.00 di mercoledì 30 dicembre.

Tutte le info su fepgroup.it e baglionimorandilive.it

Gli eventi sono prodotti e organizzati da F&P Group.

CAPITANI CORAGGIOSI 2016 – IL TOUR

PADOVA – 19 e 20 febbraio – Arena Spettacoli Padova Fiere Pad.7
MILANO – 23, 24 e 25 febbraio – Mediolanum Forum
FIRENZE – 27 e 28 febbraio – Nelson Mandela Forum
NAPOLI – 2 ,3 e 4 marzo – PalaPartenope
ROMA – 7 marzo – PalaLottomatica
ACIREALE – 11 e 12 marzo – Palasport
EBOLI – 14 marzo – PalaSele
PESARO – 16 marzo – Adriatic Arena
TORINO – 18 e 19 marzo – Pala Alpitour
BOLOGNA – 22 e 23 marzo – Unipol Arena

Kendrick Lamar, The Weeknd e Taylor Swift, protagonisti dei Grammy Awards 2016

58 the grammys

Universal Music è orgogliosa di comunicare che KENDRICK LAMAR, THE WEEKND e TAYLOR SWIFT, con rispettivamente 11 nomination il primo e 7 i secondi, saranno gli assoluti protagonisti dei Grammy Awards 2016 che si terranno il prossimo 15 febbraio allo Staples Center di Los Angeles.

Oltre a loro, in lizza per ricevere il prestigioso premio anche Florence + The Machine e Drake (con 5 nomination), Ellie Goulding e James Bay (tre nomination), The Chemical Brothers, Disclosure, Tory Kelly, Sam Hunt e molti altri. (vedi elenco allegato)

Da sottolineare il fatto che tutte le 5 nomination per la categoria Album of the Year sono di artisti Universal  (Alabama Shakes, Kendrick Lamar, Chris Stapleton, Taylor Swift e The Weeknd), così come lo sono ben 3 dei 5 nominati come Best New Artist (James bay, Tory Kelly e Sam Hunt).

Per quanto riguarda il rap, gli artisti Universal hanno inoltre ottenuto quattro delle sei nomination come Best Rap Performance e quattro nomination su cinque nelle categorie Best Rap/Sung Collaboration, Best Rap Album, Best Country Duo/Group Performance and Best Country Album.

Infine, la colonna sonora di “Cinquanta sfumature di grigio”, grazie anche alle hit di The Weeknd e Ellie Goulding, è in lizza per 6 nomination.