Design Week 2019

Cristina-Tajani
Cristina-Tajani

Un Fuorisalone più attento alla qualità dei progetti, capace di integrarsi con le celebrazioni per i cinquecento anni della morte di Leonardo Da Vinci o con la XXII Triennale, nonché più attento alle richieste di occupazione del suolo pubblico per garantire una maggiore fruibilità della manifestazione.

Sono queste alcune delle linee di indirizzo, approvate dall’Amministrazione nel corso dell’ultima seduta di Giunta, per la realizzazione delle iniziative che si svolgeranno in occasione della Design Week, in programma a Milano dal 9 al 14 aprile.

“Un provvedimento – spiega Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Moda e Design – necessario a mantenere sempre alto il livello di qualità degli eventi proposti in città durante la Design Week, affinché questa continui ad essere un vero punto di riferimento per gli operatori nazionali e internazionali, contribuendo alla valorizzazione del Made in Italy nel settore del design, dell’arredo e della ricerca. Porremo così un argine a tutti quegli appuntamenti, spesso prettamente commerciali, non in piena sintonia con una manifestazione fondamentale per l’attrattività della città”.

Le nuove linee guida individuano precisi criteri affinché un appuntamento possa rientrare nell’ampio palinsesto della Design Week. Con il patrocinio dal Comune di Milano verrà riconosciuto alle singole iniziative ammesse oltre all’interesse pubblico anche l’abbattimento del 50 per cento del canone per l’eventuale occupazione del suolo.

Nello specifico verranno ritenute meritevoli di far parte del prossimo programma tutte quelle iniziative, installazioni, progetti espositivi, mostre e workshop capaci di porsi in sintonia con gli importanti appuntamenti che avranno luogo in città nel corso del 2019, come ad esempio le iniziative legate ai cinquecento anni della scomparsa di Leonardo da Vinci o la XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano.

Saranno altresì accolte le iniziative in grado di proporre tematiche rilevanti per l’Amministrazione tra cui: la valorizzazione dell’economia circolare, la sostenibilità, la moderna manifattura, sino all’impiego di nuovi materiali a basso impatto o che promuovano buone pratiche per il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Verranno considerate di interesse pubblico anche tutte quelle iniziative che prevedano la realizzazione di oggetti, arredi e installazioni di design destinati ad essere collocati in maniera permanente in città, dalle periferie al centro, in sintonia con quanto già proposto dall’Amministrazione nell’edizione 2018 del Salone del Mobile.

Per agevolare gli operatori, e semplificare i loro procedimenti per l’occupazione suolo, l’Amministrazione realizzerà in via sperimentale una mappa georeferenziata e interattiva di tutti i luoghi idonei ad ospitare iniziative e installazioni in cui verranno indicate precisamente vocazione, delimitazioni delle aree e relative planimetrie.

Al fine di garantire anche una migliore fruizione del Fuorisalone ed evitare, come accaduto in passato, la presenza di situazioni non in sintonia con la manifestazione, saranno vietate tutte le attività di vendita e somministrazione di cibi e bevande non strettamente connesse alle iniziative patrocinate.

Vietata anche la vendita, su area pubblica, di prodotti non alimentari che poco hanno a che fare con il design e la promozione del made in Italy in tutte le aree coinvolte: Tortona, Brera sino alla nuova piazza Gae Aulenti, Ventura-Lambrate, Porta Venezia, 5 Vie, Sant’Ambrogio, via Durini, Distretto Isola Porta Romana e Ventura Centrale.

Inoltre, per limitare al massimo i disagi alla popolazione residente, e garantire il rispetto delle normative presenti in materia di chiusure di vie e limitazione al traffico nelle zone interessate dal Fuorisalone, verranno controllare in modo capillare dagli uffici comunali tutte le domande di occupazione suolo per le data dal 9 al 14 aprile al fine di impedire richieste estranee all’iniziativa.

Nei prossimi giorni sulle pagine del sito del Comune di Milano, nella sezione bandi e gare, verrà pubblicato l’avviso pubblico con tutte le informazioni per partecipare alla creazione del palinsesto della Design Week 2019.

Nina Moric a “La Repubblica delle donne”

nina moric
nina moric

Questa sera 28 Novembre, in prima serata su Retequattro Piero Chiambretti a “#CR4 – La Repubblica delle donne”, intervista Nina Moric che, in merito alla notizia secondo cui si sarebbe rivolta alla Sacra Rota per annullare il matrimonio con Fabrizio Corona smentisce: «Non mi sono rivolta alla Sacra Rota».

E continua: «Non rinnego questa posizione che ho preso in quel momento e questo voto che ho dato davanti al Signore. È successo quello che è successo, però questo non significa che io debba essere condannata a non sposarmi più. Se un giorno dovesse accadere di risposarmi, non lo farò in Chiesa».

Sempre sull’ex marito Fabrizio Corona, che si attribuisce di avere un “diavolo in corpo”, afferma: «Credo che sia un suo modo di fare per attirare attenzione verso sé. È soltanto leggermente confuso».

Riguardo la possibilità che un magistrato possa chiedere l’arresto all’ex re dei paparazzi per la lite televisiva con Ilary Blasi, risponde: «Voglio dire soltanto una cosa: non credo che sia proprio andata così, però allo stesso tempo credo che Fabrizio questa volta non si meriti assolutamente questo».

E aggiunge «Vorrei ribadire che adesso non sono d’accordo su quello che dissi in un’altra trasmissione televisiva, ovvero che lui non è capace di amare. Invece qui, adesso, rinnego questa cosa perché ultimamente, dopo il nostro amore un po’ sbandato, abbiamo trovato un punto d’incontro che è Carlos, nostro figlio. Dopo l’ultima sentenza, ho visto in Fabrizio la capacità di amare suo figlio: ho visto una persona nuova. E questo amore incondizionato, l’ho visto anche in Carlos verso suo padre. Magari non è ancora pronto per amare una donna. Adesso è concentrato sull’amore per il proprio figlio».

Infine chiarisce il suo rapporto con Casapound: «Non sono mai stata un’esponente del Partito! Per un periodo mi volevo informare su questo movimento che ho trovato abbastanza affascinante – e con una frecciatina conclude – «Ma, visto quanto sta facendo il signor Salvini, credo che Casapound sia latte caldo in confronto a lui».

Dinosaurs, science road movie

poster-dinosaurs
poster-dinosaurs

Il documentario Dinosaurs, diretto da Francesco Invernizzi, è un viaggio emozionante alla scoperta dei giganti del passato raccontato, con un approccio scientifico, attraverso l’esperienza di collezionisti, paleontologi e ricercatori che si dedicano con passione e competenza alla raccolta dei reperti fossili che tutti noi possiamo ammirare oggi nei musei di storia naturale di tutto il mondo.

In molti credono che gli scheletri dei dinosauri ammirati nei musei di storia naturale siano emersi dal suolo nelle condizioni in cui sono esposti, ma non è così. Dinosaurs è un documentario scientifico che racconta i retroscena legati ai più recenti ritrovamenti di queste affascinanti creature preistoriche, le più grandi che la terra emersa abbia mai conosciuto.

Alcuni, soprattutto i carnivori, terribilmente feroci, arrivavano alle dimensioni e al peso di un carro armato, all’altezza di un edificio di due piani, con mascelle e denti in grado di stritolare i loro avversari. Gli erbivori, dal canto loro, per difendersi svilupparono corazze e corna imponenti.

Al di là del fascino che sono ancora in grado di suscitare per grandi e piccoli, pochi sanno però che la maggior parte degli scheletri esposti nei musei sono ricostruzioni e che nel mondo gli esemplari originali si sono possono contare sulle dita di una mano. Da dove arrivano? Chi sono gli scienziati che li trovano e li studiano? E dopo quali processi finiscono nei luoghi visitati ogni anno da milioni di persone?

Francesco Invernizzi, regista e produttore, risponde a queste domande ricostruendo il viaggio che affrontano i resti di queste creature straordinarie, dal ritrovamento nelle aree più remote del pianeta ai laboratori dei maggiori esperti mondiali, fino alle gallerie più esclusive e nelle case d’asta dove i grandi collezionisti e gli istituti scientifici prestigiosi si recano per aggiudicarsi questi rarissimi esemplari.

Come afferma Peter Larson nel film, il paleontologo che ha trovato il TRex più completo mai rinvenuto: «Nel primo film di Jurassic Park usano delle esplosioni che all’improvviso fanno emergere la meravigliosa immagine di un dinosauro perfettamente articolato da sottoterra. Ma questo è un falso».
Dinosaurs, distribuito da MAGNITUDO con CHILI arriverà nei cinema italiani solo il 10, 11 e 12 dicembre.

David Gilmour Live at Pompeii

locandina David Gilmour
locandina David Gilmour

Gilmour in uno dei picchi creativi della sua carriera, in un ambiente unico, in un’occasione speciale resa straordinaria dal racconto offerto dal grande schermo.

Una resa sfavillante per un concerto indimenticabile, nella cornice di Pompei.

Un film di Gavin Elder.

Uscita mercoledì 13 settembre 2017

Genere: Documentario

Atomica bionda

locandina - Atomica bionda
locandina – Atomica bionda

Una spia viene mandata a Berlino per indagare sulla vita di alcuni colleghi sospettati di tradimento.

Una spy story dotata di sospetti e di colpi di scena. Charlize Theron è la collega alla pari di James Bond.

Un film di David Leitch.  Con Charlize Theron, James McAvoy, Sofia Boutella, John Goodman, Toby Jones, Daniel Bernhardt, Eddie Marsan, Roland Møller.

Uscita giovedì 17 agosto 2017.
Genere: Azione