EA7 Emporio Armani Olimpia Milano – Acea Roma

Assago (Milano), 12 aprile 2015 di Stefano Daprile. Senza più distrazioni di alcun tipo lˋOlimpia vince nella netta solita maniera la 20esima partita consecutiva in campionato superado l’Acea Roma e agguatando matematicamente il primo posto in regular season.

Sin dalle prima battute Milano è padrone del match nonostante dia la netta sensazione di tenere il piede solamente appena appoggiato sull’acceleratore. Passata la prima metà di frazione il vantaggio dell’Emporio è già in doppia cifra, arrivando a toccare le 14 lunghezze sul 22 a 8, con l’intero starting five già a referto. Iniziato il valzer delle sostituzioni il già basso livello di gioco scende ancor di più. Milano riesuma dalla panchina Gigli e James, trovando poco dal primo e danni dal secondo. Roma abbozza un timido tentativo di giocarsi la gara interrompendo l’agonia di triple durata ben 17 minuti. È Curry , e con quel cognome c’erano pochi dubbi, a trovare la prima retina dall’arco che vale il meno 4, prima che Brooks, a ridosso dell’intervallo lungo, trovi le giocate giuste per un più tranquillo 35 a 27.

Nella ripresa Coach Banchi rimette le pedine al proprio posto e la differenza di valori è subito evidente nonostante continui l’imbarazzo dello zero assoluto alla voce tiri da 3 realizzati.
Inevitabilmente il baricentro del gioco si sposta sotto le plance dove il solito Samuels e le danze di Gentile rimettono il gap in doppia cifra per non toglierlo più. Moss dopo 36 minuti e con i titoli di coda già partiti, indovina dall’angolo la tripla del nuovo massimo vantaggio sul 69 a 51. È il preludio di un finale tutto bianco rosso dove il giovane Francesco Villa dalla lunetta scrive il 77 a 56 finale.

Pagelle: Ragland 5,5 – Brooks 6 – Gentile 7,5 – Gigli 5,5 – Cerella N.E. – Melli 6,5 – Kleiza 5 – Elegar N.E. – James 5 – Hackett 6 – Samuels 6,5 – Moss 6,5.