Dinosaurs, science road movie

poster-dinosaurs
poster-dinosaurs

Il documentario Dinosaurs, diretto da Francesco Invernizzi, è un viaggio emozionante alla scoperta dei giganti del passato raccontato, con un approccio scientifico, attraverso l’esperienza di collezionisti, paleontologi e ricercatori che si dedicano con passione e competenza alla raccolta dei reperti fossili che tutti noi possiamo ammirare oggi nei musei di storia naturale di tutto il mondo.

In molti credono che gli scheletri dei dinosauri ammirati nei musei di storia naturale siano emersi dal suolo nelle condizioni in cui sono esposti, ma non è così. Dinosaurs è un documentario scientifico che racconta i retroscena legati ai più recenti ritrovamenti di queste affascinanti creature preistoriche, le più grandi che la terra emersa abbia mai conosciuto.

Alcuni, soprattutto i carnivori, terribilmente feroci, arrivavano alle dimensioni e al peso di un carro armato, all’altezza di un edificio di due piani, con mascelle e denti in grado di stritolare i loro avversari. Gli erbivori, dal canto loro, per difendersi svilupparono corazze e corna imponenti.

Al di là del fascino che sono ancora in grado di suscitare per grandi e piccoli, pochi sanno però che la maggior parte degli scheletri esposti nei musei sono ricostruzioni e che nel mondo gli esemplari originali si sono possono contare sulle dita di una mano. Da dove arrivano? Chi sono gli scienziati che li trovano e li studiano? E dopo quali processi finiscono nei luoghi visitati ogni anno da milioni di persone?

Francesco Invernizzi, regista e produttore, risponde a queste domande ricostruendo il viaggio che affrontano i resti di queste creature straordinarie, dal ritrovamento nelle aree più remote del pianeta ai laboratori dei maggiori esperti mondiali, fino alle gallerie più esclusive e nelle case d’asta dove i grandi collezionisti e gli istituti scientifici prestigiosi si recano per aggiudicarsi questi rarissimi esemplari.

Come afferma Peter Larson nel film, il paleontologo che ha trovato il TRex più completo mai rinvenuto: «Nel primo film di Jurassic Park usano delle esplosioni che all’improvviso fanno emergere la meravigliosa immagine di un dinosauro perfettamente articolato da sottoterra. Ma questo è un falso».
Dinosaurs, distribuito da MAGNITUDO con CHILI arriverà nei cinema italiani solo il 10, 11 e 12 dicembre.

Tutor ortodontico®: L’APP della Sido

Stiamo vivendo anni difficili in cui qualsiasi certezza viene meno al pari  delle disponibilità economiche e finanziarie delle persone e dello Stato il quale non può disporre della cifra necessaria per garantire un welfare adeguato ad ogni cittadino.

Per portare un utile contributo e porre un argine a questa situazione, in cui le cure dentali sono tra le prime ad essere cancellate (il 12% degli Italiani ha rinunciato ad una visita odontoiatrica: dati ISTAT 2013) proprio quando si è dimostrato che la salute orale è fondamentale per il benessere dell’intero organismo ma soprattutto per portare a conoscenza delle persone la reale situazione delle arcate dentali e mascellari dei bambini su cui bisogna intervenire durante la crescita, per evitare problemi futuri, la SIDO (Società Italiana di Ortodonzia) ha messo a punto l’App “Tutor Ortodontico®”, nelle lingue più diffuse, scaricabile gratuitamente anche in versione 3D che verrà lanciata in autunno.

“La SIDO, applicando il concetto di sussidiarietà e tenendo in considerazione i suggerimenti impartiti dall’Osservatorio per il monitoraggio delle ‘app’ legate alla salute, in via di istituzione, intende dare un contributo perchè si possa identificare il problema relativo al proprio apparato dentale, evidenziare la necessità di ulteriori approfondimenti diagnostici e si possano effettuare cure opportune nel momento giusto di crescita (www.sido.it)” spiega il prof. Giampietro Farronato, Ordinario di ortodonzia presso l’Università degli Studi di Milano e Presidente SIDO.

“Abbiamo studiato la APP Tutor Ortodontico® in funzione dei disturbi più diffusi nella popolazione: respirazione, fonazione e deglutizione perché abbiamo riscontrato che manca la giusta informazione sulla relazione tra sintomo di alterata funzione e alterazione anatomica. Il 38% della popolazione generale e l’81% dei soggetti in età evolutiva presenta disturbi dell’articolazione del linguaggio correlati alle alterazioni delle funzioni orali; circa 1.600,000 Italiani soffrono di apnee respiratorie; in altre parole, respirare con difficoltà può essere conseguenza di un palato stretto; la difficile pronuncia delle consonanti “dentali” (es.: t, d, q) o “sibilanti” (es.: s, z) può derivare da un’alterata posizione degli elementi dentali mentre disturbi di deglutizione o digestivi, peraltro di difficile evidenziazione, potrebbero essere correlati ad un non perfetto allineamento delle arcate dentali. Intervenendo durante la crescita, si possono ottenere risultati non più raggiungibili con l’aumentare dell’età quando i disturbi possono provocare effetti spiacevoli (es.: roncopatie, apnee notturne, sonnolenza diurna, ecc.) anche per la vita di relazione e necessitare di un impegno terapeutico più invasivo e importante come, per esempio, un intervento chirurgico”.

La APP, realizzata in modo semplice e didascalico, si chiude con un autoscatto o selfie che ha diverse valenze: consentire al cittadino di verificare la correttezza dell’autovalutazione da parte di un esperto SIDO, di consapevolezza presente e di valutare il livello nella popolazione.

La APP sarà disponibile a partire dal 30 ottobre durante lo svolgimento della giornata SIDO presso l’Auditorium di Padiglione Italia all’interno di EXPO nel contesto del 46° Congresso Internazionale SIDO.

SIDO metterà gratuitamente la sua APP a disposizione degli Ortodontisti SIDO ma anche dei medici e pediatri di famiglia, degli otorinolaringoiatra, dei logopedisti, dei foniatri e di tutti gli altri specialisti con l’auspicio che possa essere strumento indispensabile per i cittadini che la potranno scaricare dal sito www.sido.it