Piccolo Teatro Grassi: “Misericordia”

MISERICORDIA_dasx LoSiccoSaffiZambelliCarroccio2_phÂMasiarPasquali
MISERICORDIA

Dopo l’esperienza “senza parole” di Bestie di scena, spettacolo con il quale è iniziata la collaborazione artistica con il Piccolo, Emma Dante porta nuovamente sulla scena un silenzio, quello delle donne. Lo fa con una favola contemporanea, Misericordia, al Teatro Grassi per oltre un mese di recite, dal 14 gennaio al 16 febbraio.

«Misericordia racconta una realtà squallida, intrisa di povertà, analfabetismo e provincialismo, esplora l’inferno di un degrado terribile, sempre di più ignorato dalla società».

Così Emma Dante introduce il nuovo spettacolo, coprodotto dal Piccolo Teatro con Atto Unico / Compagnia Sud Costa Occidentale eTeatro Biondo di Palermo.

Milano: riqualificazione area Stazione Centrale

assessore urbanistica, Maran
assessore urbanistica, Maran

Partirà dalla riqualificazione dell’area della stazione lungo piazza Luigi Di Savoia il piano di sviluppo e rivitalizzazione del quartiere attorno alla Stazione Centrale e i Magazzini Raccordati. Entro l’estate Grandi Stazioni Retail, in accordo con l’Amministrazione, aprirà alcuni spazi laterali di Stazione, insediandovi nuove attività commerciali con l’obiettivo di garantire maggior presidio e vivibilità alla piazza e liberare nuovi spazi pedonali.

È quanto emerso questa mattina all’Hotel Excelsior Gallia nel corso dell’iniziativa “Cantiere Centrale. Dalle parole ai fatti. Progetti concreti per il futuro del quartiere intorno alla Stazione Centrale e i Magazzini Raccordati”, un momento di confronto e ascolto organizzato dal Comune, Grandi Stazioni Retail e le associazioni che con il loro attivismo nel territorio contribuiscono a migliorarne l’attrattività.

Dalla Stazione Centrale, su cui ogni giorno gravitano circa 400mila persone, ai Magazzini Raccordati, passando per quartieri NoLo e Greco, c’è una grande area della città che sta vivendo un nuovo sviluppo grazie ai progetti e all’impegno di tanti soggetti mossi da un obiettivo comune: rivitalizzarla e renderla più bella, sicura e fruibile per tutti.

L’intervento su piazza Luigi di Savoia farà da apripista a un percorso di rigenerazione urbana che vedrà, nell’estate 2019, un intervento analogo anche su piazza Quattro Novembre, incrementando così ulteriormente lo spazio pubblico libero e fruibile.

“L’intervento di Grandi Stazioni Retail su piazza Luigi Di Savoia rappresenta un passo concreto verso la riqualificazione completa della piazza, una delle priorità dell’Amministrazione – dichiara l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. L’area attorno alla Stazione storicamente si deve confrontare con un tema di presidio e decoro, ma stiamo finalmente passando dalle parole ai fatti per avviare la riqualificazione di cui ha bisogno e fare in modo che il rilevato ferroviario non rappresenti più una cesura per la città ma un valore aggiunto. Per questo è importante il contributo di tutti”.

“Milano in questi anni ha dimostrato di saper ridisegnare e rivalutare aree che mostravano solo degrado. Con l’intervento su piazza Luigi di Savoia – sottolinea Alberto Baldan amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail – si potrà iniziare a lavorare anche qui con questi stessi obiettivi. Impegnandoci insieme, collaborando e confrontandoci. Soggetti diversi che hanno a cuore il miglioramento del tessuto urbano per migliorare la quotidianità di tutti.”

“L’appuntamento di oggi segna un’ulteriore tappa del percorso di trasformazione che porta Milano Centrale ad essere, oltre che edificio iconico della città, un grande hub europeo di mobilità integrata nonché la smart station del prossimo futuro – dichiara Renato Mazzoncini, ad di FS -. L’area della stazione, così rivitalizzata, contribuirà all’ulteriore crescita di Milano nell’offerta di servizi di qualità. Un tessuto territoriale ricco nel quale è presente anche il Memoriale della Shoah che auspichiamo conti sempre più visitatori. Il percorso di rigenerazione urbana di cui si parla oggi, vede tra i protagonisti Grandi stazioni Retail e Grandi Stazioni Rail, che vorrei ringraziare per il loro l’impegno”.

Anche i Magazzini Raccordati sono destinati a una nuova fase. Mentre è allo studio da parte di Grandi Stazioni Retail un progetto di sviluppo sul lungo termine, gli spazi saranno la location esclusiva delle esposizioni di Ventura Project in occasione del Fuorisalone.
Entro il secondo semestre del 2018 inizieranno i lavori per il parcheggio denominato ‘CM7’ realizzato da Grandi Stazioni Rail nei locali posti al di sotto del binari della stazione, situati al livello del piano stradale, delimitati a est da via Ferrante Aporti, a ovest da via Giovanni Battista Sammartini e a nord dal sottopasso di viale Lunigiana. Il parcheggio avrà una superficie di circa 26.400 mq e offrirà 430 posti auto e 75 posti moto.

Nelle prossime settimane inoltre partirà ‘Seminiamo’, il progetto di Zack Goodman che riqualificherá e toglierà dal degrado le aree verdi di piazza Duca D’Aosta.
“I nuovi spazi urbani riqualificati si configurano come una efficace piattaforma per portare al territorio ulteriori opportunità in termini di vivacità, attrattività e sicurezza – dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Nel corso dell’incontro, che ha visto anche un interessante contributo sul tema dello spazio pubblico da parte dell’architetto Riccardo Marini della Ghel Architects, sono intervenute le Associazioni impegnate nella valorizzazione e portavoci delle istanze del territorio.

Riqualificazione degrado Aree urbane

2-Degrado-urbano-
Risorse ai Comuni italiani per interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate. E’ stato infatti  pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre 2015 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 ottobre 2015 recante “Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate”.

Al Decreto, di cui il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio è proponente, è allegato il bando per la presentazione di proposte per la predisposizione del “Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” in attuazione dell’articolo 1, commi 431, 432, 433 e 434 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Il bando stabilisce le modalità per la presentazione, da parte dei Comuni, di progetti di riqualificazione che potranno riguardare sia la riqualificazione urbanistica sia la riqualificazione socio culturale di aree urbane particolarmente difficili.

La dotazione del Fondo per l’attuazione del Piano nazionale e’ di euro 44.138.500,00 per il 2015 e di euro 75.000.000,00 per ciascuno degli anni 2016 e 2017, per complessivi euro 194.138.500,00.

Sono ammessi a presentare i progetti e domanda di finanziamento, entro il 30 novembre 2015, i Comuni che  abbiano  nel loro territorio la presenza di aree urbane degradate.

Sul sito istituzionale dell’ANCI sono pubblicate le Faq sul bando unitamente ai dati statistici di tutti i comuni e ad un foglio excel che permette di calcolare l’indice di disagio sociale e l’indice di disagio edilizio.

Le domande devono essere inviate entro il termine perentorio del 30 novembre 2015 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento per le pari opportunità a mezzo posta elettronica certificata al seguente indirizzo: areeurbane.po@pec.governo.it.

Per ulteriori informazioni http://www.mit.gov.it/mit/site.php?p=cm&o=vd&id=4122

 

Sopralluogo Isola Pedonale Navigli 2012

 

Anche per il 2012 l’inizio della nuova fase di gestione dell’area dei NAVIGLI mostra le difficoltà ed i problemi spesso segnalati – ma inascoltati – negli scorsi anni.
Il degrado, il mancato rispetto delle regole, l’incapacità di attrarre nuove utenze e nuove attività non si combattono solo modificando l’organizzazione di un luogo, la quotidianità della comunità residente, e vietando l’uso delle auto, ma con un insieme di progetti, d’iniziative e d’incentivi e anche di divieti che danno prospettive diverse e indirizzi più appropriati a un luogo. Forse è necessario avere il coraggio di scontentare qualcuno e non sempre gli stessi i soliti noti che da anni subiscono le conseguenze di una frequentazione troppo spesso mal tollerata.
Nella passeggiata che i referenti del Comitato dei Navigli hanno svolto col la prospettiva non solo di denunciare ma anche di proporre, molti degli aspetti che rappresentiamo da anni si sono ripresentati come un cliché a puntate. Rumore, degrado, aree di spaccio, gestori di locali in completa anarchia a causa della ben nota assenza di controlli efficaci. Ma qualche piccolo segnale positivo lo rileviamo. Vie, un tempo assediate dai locali notturni e oggi finalmente in parte liberate anche per la loro chiusura, sono state restituite alla comunità residente e si sono rivelate più vivibili e belle.
Continueremo a guardare e a indicare alle istituzioni ciò che non cambia, come anche ciò che mostra un volto nuovo e positivo.
Per questi motivi inviamo le osservazioni che abbiamo scritto su una serata di “movida” sui Navigli.