“Monumentale 4 Kids”

Monumentale 4 kids
Monumentale 4 kids

Monumentale. Torna la rassegna teatrale dedicata ai ragazzi

Sabato 19 settembre doppio appuntamento con “Monumentale 4 Kids”, per raccontare ai più giovani la storia, l’arte e le memoria del più ¬grande Museo a cielo aperto della città

Riprende, dopo la sospensione dovuta all’emergenza sanitaria, “Monumentale 4 Kids”, la rassegna di spettacoli teatrali gratuiti per ragazzi dagli 8 ai 13 anni all’interno del Cimitero Monumentale.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano e realizzata da Fondazione Milano, che da tempo collabora per la valorizzazione culturale del Cimitero Monumentale attraverso gli appuntamenti domenicali gratuiti della rassegna “Museo a cielo Aperto”.

In tre giornate – sabato 19 settembre, sabato 3 ottobre, sabato 17 ottobre – si susseguiranno cinque appuntamenti gratuiti con due spettacoli scritti ad hoc e interpretati da diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi con i musicisti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado: protagonisti lo spirito creativo di Bruno Munari e l’opera immortale di Alessandro Manzoni.

Il progetto sceglie il linguaggio del teatro per avvicinare i più giovani a un luogo ricco di arte e memoria, che nel 2019 ha accolto tra i suoi viali alberati oltre 100mila visitatori.

“Monumentale 4 kids” mette in scena le storie dei personaggi che hanno fatto grande Milano, molti dei quali sepolti e ricordati al Cimitero Monumentale, e le cui storie aspettano solo di essere raccontate.

Il primo appuntamento è sabato 19 settembre alle ore 11.30 e alle ore 15 con lo spettacolo “Tutto ciò che prima non c’era” di Luca Rodella con Paola Campaner, Giuseppe Palasciano e musiche di Roberto Dibitonto. Grazie allo spirito creativo di Bruno Munari scopriamo come anche un mondo ultraterreno sia tutto da creare, in un viaggio fantastico tra le tombe del Monumentale, tra musica, colori, forme e scarabocchi. I ragazzi saranno condotti in un aldilà tutto da immaginare e inventare, perché fantasia è tutto ciò che prima non c’era anche se irrealizzabile.

Lo spettacolo sarà replicato sabato 17 ottobre alle 11.30 e alle ore 15.

Sabato 3 ottobre alle ore 15 andrà invece in scena lo spettacolo “Oserei dire: Provvidenziale!” di Luca Rodella con Giuseppe Palasciano, Sara Zanobbio e musiche di Roberto Dibitonto. Due istrioni del Seicento irrompono in scena a suon di versi: lui sanguigno e prepotente, lei cauta e di lui innamorata. L’impresa impossibile è creare un’opera immortale, che narri l’Italia degli umili e oppressi, coi suoi paesaggi colmi di speranze e timor di Dio, e poi ancora le crisi, le pestilenze, le ottusità popolari, qualche virtù… Un assaggio dei Promessi Sposi di Manzoni in chiave leggera e divertente.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza e saranno confermati anche in caso di pioggia.

L’ingresso agli spettacoli è gratuito con prenotazione obbligatoria. Dato il numero limitato di posti disponibili si accetta la prenotazione di un solo accompagnatore per ogni bambino.

Per le prenotazioni del primo appuntamento di sabato 19 settembre: https://monumentale4kids-19sett2020.eventbrite.it/

 

Break in Jazz – Evening Aperitif

Break 2020
Break 2020

dal 13 luglio
Torna Break in Jazz XXIV Edizione nella cornice della Milano del futuro a City Life in piazza Tre Torri

Quest’anno all’ora dell’Aperitivo

Break in Jazz – Evening Aperitif

CityLife Milano, Piazza Tre Torri
dal 13 al 19 luglio
dalle ore 18.30 alle 20.00
ingresso libero sino a esaurimento dei posti disponibili

Manifestazione organizzata
dall’Associazione Culturale Musica Oggi
in collaborazione con Citylife

con studenti e docenti dei Civici Corsi di Jazz

I Civici Corsi di Jazz e Musica Oggi sono più attivi che mai. Dopo aver concluso brillantemente l’anno accademico più difficile degli ultimi decenni, completando con originalità didattica tutti i corsi del triennio e del biennio accademico e anche quelli del pre-accademico, i Civici Corsi di Jazz, fondati da Musica Oggi, parte integrante della Civica Scuola di Musica C. Abbado e, al pari dei Conservatori, in grado di rilasciare titoli AFAM, propongono anche l’edizione numero ventiquattro di Break in Jazz, una delle manifestazioni più amate dai milanesi, quella che avvicina la nostra città all’Europa, quest’anno nell’insolito orario dell’aperitivo e nel mese di luglio. Ed è un’edizione che assume un significato particolare: quello della rinascita dopo i lunghi mesi del lockdown.

Una sola settimana, ma intensa, dal 13 luglio, con alcune giornate dalla doppia programmazione che coinvolgono i prestigiosi docenti e i migliori studenti di quella che è una vera e propria università del jazz.
Fondamentale la presenza dell’orchestra simbolo della scuola, la Civica Jazz Band diretta da Enrico Intra, che guarda alle composizioni dei jazzisti italiani e a quelle dei nostri grandi autori di musica per film, sviluppando quell’attenzione all’Italia e ai suoi repertori (stimolanti e ispiratori quanto quelli americani) che distingue i corsi milanesi da tutte le altre accademie nazionali. Una linea che si ritrova nei concerti di Marco Vaggi e di Claudio Fasoli, il primo sensibile alle produzioni italiane contemporanee, il secondo originale nel proporre il suo singolare mondo musicale. Una direzione che non cancella la storia, come dimostra il Coro da Camera dei Civici Corsi di Jazz diretto da Giorgio Ubaldi, che presenta il Gospel e la tradizione del Jazz Choir, esaltando la forte presenza di voci, completata dal concerto di Luigina Bertuzzi. Ma c’è anche un’America attualizzata e trasformata nelle piccole band di Mario Rusca, Gabriele Comeglio, Andrea Andreoli e Marco Mariani, che spaziano lungo un vasto panorama storico del jazz. Senza tempo è invece il concerto che unisce due icone del jazz italiano ed europeo quali Paolo Tomelleri, maestro dello Swing e del Bebop, e un artista proteiforme come Enrico Intra.

Break in Jazz, nella versione Evening Aperitif, dalle ore 18.30, riporta il jazz al centro della vita culturale milanese confermandosi momento insostituibile della Milano della musica e dimostrando che, anche in tempi complicati, i Civici Corsi di Jazz guidati da Enrico Intra sono in grado di mantenere il livello di eccellenza didattica che li contraddistingue da sempre.

________________________________________
Civici Corsi di Jazz, Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano
via Decorati 10 – 20138 Milano, Italia tel. 02.54.55.428
civijazz@associazionemusicaoggi.it – www.associazionemusicaoggi.it – musica.fondazionemilano.eu

Milano, Estate Sforzesca 2020

Estate Sforzesca 2020
Estate Sforzesca 2020

Estate Sforzesca 2020

VIII edizione

21 giugno – 3 settembre

manifestazione estiva realizzata dal Comune di Milano, Assessorato alla Cultura

21 giugno 2020

Milano, Castello Sforzesco, Cortile delle Armi

ore 16.30 (prima parte )

ore 18,00 (seconda parte)

ingresso libero su prenotazione fino a esaurimento posti

(link sul sito yesmilano.it)

L’età d’oro dello swing

nell’ambito di

Festa Europea della Musica

Civica Orchestra di Fiati di Milano

in collaborazione con

Civica Jazz Band

direttore Enrico Intra

Civici Corsi di Jazz – Civica Scuola di Musica Claudio Abbado

e

Paolo Tomelleri and friends

Anche quest’anno torna a Milano Estate Sforzesca, manifestazione organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano.

Il programma del 21 giugno, in occasione della Festa Europea della Musica, vede protagonisti la Civica Orchestra di Fiati di Milano,

i Civici Corsi di Jazz della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, e Paolo Tomelleri and Friends.

Il concerto, L’età d’oro dello swing, ha due anime.

La prima, attraverso i brani di Franco D’Andrea, Enrico Pieranunzi, Enrico Intra, Enrico Rava e Gianluigi Trovesi è un inno

al suono italiano: incisivo, melodioso e allo stesso tempo pieno di ritmo e di “black swing”.

Nella seconda, dalle note del clarinetto di Paolo Tomelleri, riaffioreranno i successi della “golden age” dello swing e del bebop:

da Benny Goodman a Ella Fitzgerald, da Cole Porter a Charles Trenet.

https://musica.fondazionemilano.eu/news/civica-jazz-band-estate-sforzesca-2020-e
https://www.comune.milano.it/-/-estate-sforzesca-il-cuore-di-aria-di-cultura-apre-con-80-appuntamenti-di-musica-teatro-e-danza-ogni-sera-dal-21-giugno-al-3-settembre

_______________

Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano®, Villa Simonetta – via Stilicone 36 – 20154 – Milano

info_musica@scmmi.it – www.fondazionemilano.eu/musica

 

“Charme” Civica Scuola di Musica C. Abbado

Brera Musica
Brera Musica

“Charme”

Jules Combarieu ci ricorda che la parola francese “charme” (che usiamo colloquialmente come sinonimo di “fascino”, il cui etimo ha tuttavia un significato assai meno rassicurante), così come l’italiano “incantesimo” condividono una radice etimologica comune. Risalgono entrambi al latino “carme”, che a sua volta ha la radice nel verbo “canĕre”, cantare. In ambito latino arcaico, la parola carme sussume in sé il significato di un’azione magica, volta al conseguimento di un preciso risultato, formulata solennemente in versi e cantata. In greco, la parola “ode” ha una valenza simile e tutto ciò ci induce a riflettere sul lato profondamente “attivo”, non necessariamente ed esclusivamente contemplativo del canto.

Tracce di questa concezione sopravvivono nel cristianesimo, nelle processioni e nell’uso “incantatatorio” dei salmi, ad esempio per ottenere la pioggia (Salmo 146), il bel tempo (Salmo 66), o per far cessare la peste (Salmo 6).

Va da sé che tutto ciò si “camuffa” in modo carsico e insospettabile lungo l’ampissima arcata storica del grande repertorio musicale. Così Beethoven, solo per fare un esempio tra gli innumerevoli possibili, dopo lunga malattia, con l’Adagio del Quartetto op. 132, ringrazia per la propria convalescenza la Divinità nel propiziatorio e antico “modo Lidio”. La “Canzona”, il suo “carme” in musica si dispiega su un “tono” che fonde in modo indissolubile e sorprendente l’esperienza del dolore, della gioia, del risorgere delle forze ed il senso di una gratitudine più profonda.

Benvenuti a Brera Musica di maggio!

Il Museo è chiuso ma il cuore di Brera continua a battere a tempo di musica
con gli allievi della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado

https://musica.fondazionemilano.eu/news/-5

° ° ° ° °

Quarantine Suite

snare drum solo by Michael Colgrass

backing track by Jacopo Martignoni

https://youtu.be/UCCZZBMgjMs

° ° ° ° °

Turandot, la storia

(tra enigmi, scissioni psicanalitiche e slanci d’amore)

Maria Silvana Pavan

° ° ° ° °

Birdland

di Joe Zawinul

Giovanna Carroccetto, Davide Garruto, Alberto Stasi

° ° ° ° °

Civicamente

Per continuare a creare cultura e condividere con tutti i nostri video, la nostra musica,

i nostri libri, i nostri spettacoli, la nostra radio e i tanti consigli d’autore

Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado al Castello Sforzesco

Acqua in musica

Alfredo Bernardini, direttore

https://musica.fondazionemilano.eu/civicamente/musica-in-acqua

La voce lirica nella musica sacra d’autore

Allievi di Roberto Coviello in concerto

https://musica.fondazionemilano.eu/civicamente/la-voce-lirica-nella-musica-sacra-dautore

_________________________________________

Milano, 25 maggio 2020

Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano®, Villa Simonetta – via Stilicone 36 – 20154 – Milano

se avete nostalgia di noi
https://musica.fondazionemilano.eu/news/se-avete-nostalgia-di-noi-se-vi-mancano-i-nostri-appuntamenti

Fondazione Milano: didattica a distanza

Fondazione Milano
Fondazione Milano

Tutte le attività a distanza delle Scuole Civiche di Fondazione Milano

Registi, sceneggiatori, interpreti, traduttori, musicisti e filmmaker sono tornati a lezione, dal 2 marzo a distanza. Ma non solo: a distanza ci si può laureare, dialogare con l’ufficio Erasmus, partecipare all’open day. In programma anche di riaprire la radio con pillole della trasmissione Frequenza obbligatoria. Lanciata una call per un palinsesto di consigli per continuare a fare e condividere cultura.

Milano, 6 marzo 2020 – Fondazione Milano è polo universitario civico che forma professionisti dello spettacolo dal vivo e comunicazione nelle sue quattro scuole: Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli.

A fronte delle disposizioni che prevedono la sospensione dell’attività didattica in presenza subito tutte le Scuole si sono mobilitate per garantire il più possibile lezioni a distanza per gli iscritti ai 61 corsi di laurea triennali e ai 26 magistrali. Aule virtuali, video, conference call e podcast sono le modalità attivate per non fermare l’anno accademico. Ma non si tratta solo di fare lezione, sempre più attività e servizi si spostano online.

Alla Civica Scuola Interpreti e Traduttori Altiero Spinelli le prime lezioni a distanza hanno preso il via già la scorsa settimana e oggi il 95% della didattica è ripartita e si svolge online per tutti gli studenti: interpreti, traduttori, esperti di comunicazione e mediatori linguistici. L’ufficio Erasmus è aperto agli studenti in uno spazio virtuale in cui è possibile tramite un link accedere e dialogare con i referenti. Il 14 marzo l’Open Day in programma non verrà annullato: sarà presto disponibile una videopresentazione dei corsi e una linea diretta con i coordinatori per tutte le domande e gli approfondimenti.

Anche i registi teatrali, gli autori e gli organizzatori della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi stanno partecipando alle lezioni a distanza e si stanno attrezzando aule virtuali anche per gli attori e i danzatori.

Alla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti sono già ripartiti i corsi per gli sceneggiatori, quelli di animazione, produzione, regia e social video maker.

Alla Civica Scuola di Musica Claudio Abbado le prime lezioni a ripartire sono state quelle di Musica Antica, Classica e Ricerca Musicale. Mercoledì è stata discussa a distanza una tesi di diploma accademico in composizione che ha meritato il massimo dei voti.

“Si tratta di un passaggio articolato e complesso, una vera e propria sfida che ci mette alla prova” dice il presidente di Fondazione Milano, Stefano Mirti “Alle nostre Scuole Civiche, che hanno nel loro Dna una grande capacità di innovazione e resilienza, il compito di trasformare le difficoltà in una grande occasione di sperimentazione e sviluppo.”

Lavori in corso anche per far ripartire la radio degli studenti FM Web Radio e la loro trasmissione Frequenza Obbligatoria, già sono state registrate le prime pillole.

Oggi è stata lanciata una call per creare un palinsesto di contenuti a cura delle Scuole Civiche di Fondazione Milano per continuare a fare e condividere cultura.

Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano®

Villa Simonetta – via Stilicone 36 – 20154 – Milano tel. 02.97.15.24 – uff. st. Alessandra Arcidiaco 339.85.30.339 – info_musica@scmmi.it – musica.fondazionemilano.eu