Revoca misure antismog

Revoca misure antismog
Revoca misure antismog

SMOG. Revocate da domani le misure temporanee a Milano, Bergamo, Brescia, Pavia e Lodi

Saranno revocate da domani, venerdì 20 novembre, le misure temporanee di primo livello attive nei Comuni con più di 30.000 abitanti, oltre a quelli aderenti su base volontaria nelle province di Milano, Bergamo, Brescia, Pavia e Lodi. Per due giorni consecutivi, infatti, i valori medi di PM10 sono stati al di sotto del limite in queste province.

AMBITI – Le misure temporanee di primo livello riguardano, nei Comuni con più di 30.000 abitanti, il riscaldamento domestico (riduzione di 1° delle temperature nelle abitazioni), l’agricoltura (divieto di spandimento liquami zootecnici) e divieto assoluto di combustioni all’aperto (accensione di fuochi, falò, barbecue, fuochi d’artificio) e il divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli. Si raccomanda inoltre la massima adozione dello smartworking. Sono invece sospese le misure temporanee sul traffico, quindi le limitazioni temporanee per i veicoli euro 4 diesel, tenuto conto della delibera della Giunta Regionale del 9 novembre 2020 e del fatto che la Lombardia è collocata nello ‘scenario di tipo 4′, in forza delle misure restrittive nazionali introdotte con il DPCM 3 novembre 2020 e con l’ordinanza 4 novembre 2020.

RILEVAZIONE QUOTIDIANA – I dati sulla qualità dell’aria vengono esaminati ogni giorno e viene data comunicazione in maniera tempestiva circa la cessazione delle limitazioni temporanee. Come previsto dalla delibera regionale 7095 del 18 settembre 2017 e n. 712 del 30 ottobre 2018, qualora si registrasse un valore al di sotto della soglia unito a previsioni metereologiche con condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti, oppure valori al di sotto della soglia per due giorni consecutivi, si potrà procedere con la disattivazione delle misure temporanee.

“Gravity”, nuovo show del Circo di Mosca

Locandina Brescia 2020
Locandina Brescia 2020

Circo di Mosca Gravity

È all’insegna del brivido e della sfida alle leggi di gravità il ritorno del grande circo a Brescia. 2 ore con un cast internazionale per tornare a sorridere, in sicurezza
A Brescia il Circo di Mosca sfida la gravità con gli artisti del Festival di Monte Carlo e dei talent show (in totale sicurezza!)
Campioni del Mondo di Street Magic, artisti premiati al Festival del Circo di Monte Carlo, uomini proiettile, equilibristi estremi, ombre cinesi, giocolieri talentuosi, maestri del brivido laureati a “Tu Si Que Vales” e “Italia’s Got Talent”, acrobati dell’aria protagonisti di un caleidoscopio di atmosfere ed emozioni.
Dal 29 ottobre all’8 novembre. Brixia Forum (Parcheggio “A”), Via Caprera
Lo spettacolo si tiene nel rispetto dei protocolli di sicurezza
Dal 29 ottobre all’8 novembre arriva a Brescia, nel Parcheggio A del Brixia Forum (Via Caprera), il Circo di Mosca con il nuovo show “Gravity”: una sfida alle leggi di gravità, ma soprattutto un invito a concedersi due ore tra sogno e realtà per recuperare quella voglia di svago, emozione e divertimento di cui soprattutto oggi abbiamo grande necessità: “Stiamo attraverso un momento sicuramente difficile, siamo stati tutti messi duramente alla prova – racconta Larry Rossante, produttore dello show – ma proprio per questo sentiamo forte il bisogno di offrire emozioni forti, felicità e divertimento. Fa parte della natura del circo accettare le sfide e cercare di superare i limiti che incontriamo lungo il percorso: lo spettacolo in fondo è una metafora della situazione che stiamo vivendo e con un cast di talentuosi artisti vogliamo accettare la sfida del momento e condurre il pubblico (in totale sicurezza e nel rispetto dei protocolli vigenti) in un mondo di stupore e meraviglia, nel solco della tradizione – conclude Rossante – ma con quella capacità di osare e di rinnovare lo spettacolo dal vivo che da sempre caratterizza il circo”. Il Circo monterà al Brixia Forum in una area inconsueta per il Circo in quanto la tradizionale area di Via San Polo non è disponibile da alcuni mesi a seguito dell’emergenza sanitaria.
“Gravity” ripercorre la storia del circo in un susseguirsi di esibizioni di alto livello accompagnati in questo viaggio da Mister David, il vulcanico imbonitore e filo conduttore dello spettacolo. La stampa lo definisce “l’Harry Houdini del circo”: nel suo DNA equilibrismo estremo, ma anche illusionismo ed escapologia. Davide Demasi in arte Mister David solca i palcoscenici di tutto il mondo con performance che prevedono l’evasione da catene, camicie di forza e manette in equilibrio su monocicli di altezza vertiginosa. Detentore del titolo di Campione Italiano di Street Magic e di diversi Guinness World Record, è noto al grande pubblico per le numerose partecipazioni a trasmissioni televisive italiane e non, quali “Italia’s Got Talent”, “Si può fare” (Rai 1), “Romania’s Got Talent”, “I Soliti Ignoti” (Rai Uno), etc.
Tra i protagonisti dello show i Saly Brothers, che con il loro numero di boleadoras sono stati i primi artisti di questa specialità ad essere invitati al Festival del Circo di Monte Carlo in oltre 40 anni della kermesse monegasca dove hanno riscosso grandi consensi grazie a un perfetto mix di ritmo, carisma e tecnica sopraffina. Adrenalina pura con i tiri di precisione su bersaglio umano del Duo Niuman che ha lasciato a bocca aperta i giudici di “Tu si que vales” con la loro performance con affilati pugnali e balestre acuminate. Grande attesa per l’uomo proiettile Onelio Cussadiè (formatosi in Russia e reduce da una tournée internazionale) che si fa sparare dalla bocca di un cannone compiendo un volo di 30 metri sopra le teste del pubblico: brivido, rischio e spettacolarità per una performance che non manca mai di stupire. Le leggi della gravità saranno messe in discussione del prodigio della giocoleria di Warren in grado di fare roteare un numero sempre crescente di palline. E dall’acrobata aerea Elena, elegante danzatrice ai tessuti protagonista di un momento di vera poesia. E ancora l’incanto fiabesco delle ombre cinesi, la comicità senza tempo del clown e l’esotismo dei giochi del Far West con lazos e fruste. Un caleidoscopio di emozioni ed atmosfere all’insegna del brivido e del divertimento. E non mancheranno le sorprese…
Biglietti, da 12 a 20 € a seconda degli ordini di posto, in vendita alla biglietteria del Circo o sul circuito liveticket.it. Debutto giovedì 29 ottobre ore 21.00. Venerdì ore 17.30 e 21.00; sabato ore 16.30 e 21.00; domenica ore 15.30 e 18.30. Lunedì e giovedì unico spettacolo ore 17.30. Martedì e mercoledì riposo. Informazioni www.circodimosca.it. Infoline 389/0478705. Lo spettacolo si tiene nel rispetto delle normative anti-covid.
Biglietteria on line: https://www.liveticket.it/circodimosca
Sito web: www.circodimosca.it
Il Circo di Mosca sarà installato presso il parcheggio “A” del Brixia Forum di Via Caprera a Brescia
Pagina Facebook: Circo di Mosca
Profilo Instagram: Circo_di_Mosca
Biglietteria on line: https://www.liveticket.it/circodimosca

Smog – aggiornamenti

smog
smog

“La situazione della qualità dell’aria – ha spiegato l’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo – è migliorata su tutto il territorio regionale grazie alle condizioni meteo-climatiche. La media delle concentrazioni di Pm10 in provincia di Milano nella giornata di ieri era pari a 39,5 e in quella di Monza a 29,3.

In provincia di Bergamo la media si è attestata a 35 e a Brescia a 42. Lo stesso vale per tutte le altre province della Lombardia, in cui le concentrazioni medie di Pm10 sono state sotto al limite di 50 µg/m³”.

I dati sulla qualità dell’aria vengono esaminati ogni giorno e viene data comunicazione in maniera tempestiva circa la cessazione delle limitazioni temporanee. Come previsto dalle delibere della Giunta regionale 7095 del 18 settembre 2017 e 712 del 30 ottobre 2018, qualora si registrassero un valore al di sotto della soglia unito a previsioni metereologiche con condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti oppure valori al di sotto della soglia per due giorni consecutivi si potrà procedere con la disattivazione delle misure temporanee.

Sergio Bologna: presentazione del libro “Ritorno a Trieste. Scritti over 80, 2017-2019″

Sergio Bologna
Sergio Bologna

Martedì 4 febbraio 2020 alle ore 18, presso la Fondazione Luigi Micheletti (Via Cairoli 9, Brescia), sarà presentato il libro “Ritorno a Trieste. Scritti over 80, 2017-2019″ scritto da Sergio Bologna e edito da Asterios.

Ne discuteranno con l’autore: René Capovin (Fondazione musil), Romano Colombini (Presidente Commissione Scuola ANPI Brescia), Marino Ruzzenenti (Fondazione Micheletti).

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con ANPI Brescia – Commissione Scuola “Dolores Abbiati” e la Casa della Memoria.

“Sono tre i campi d’interesse cui il libro fa riferimento: la storia contemporanea, le trasformazioni del lavoro e la logistica, in particolare il suo segmento marittimo-portuale. La storia contemporanea è la materia in cui mi sono laureato e che ho insegnato all’università, ma di essa fa parte anche la mia esperienza politica, la mia attività di militante, è storia che ho ricostruito dai documenti e storia che ho vissuto. Gli altri due campi d’interesse sono invece capitati per caso nel mio percorso, si sono materializzati quando a 50 anni ho dovuto ricominciare daccapo. A questa frattura esistenziale però non ha fatto riscontro alcuna frattura mentale, culturale. Anzi, il mio metodo di pensiero è rimasto lo stesso. Ed è questo che conferisce unitarietà al trattamento di argomenti così distanti tra loro, sia pure con notevolissimi intrecci” [Sergio Bologna].

Sergio Bologna (Trieste, 1937) ha insegnato in varie Università, in Italia e in Germania. Si è occupato di storia del movimento operaio, ha partecipato alla fondazione di riviste quali «Classe operaia» e «Primo Maggio». Espulso dall’Università, ha scelto di fare il consulente e in questa veste è stato coordinatore del settore merci del Piano Generale dei Trasporti e della Logistica (1998-2000), membro del Comitato scientifico per il Piano Nazionale della Logistica (2010-2012) ed esperto del CNEL sui problemi marittimo-portuali.

Incendio caseificio a Leno (Bs)

foto incendio Leno
foto incendio Leno

I tecnici di Arpa Lombardia sono intervenuti per un incendio all’interno del caseificio Solat, a Leno (Bs). Le fiamme sono divampate durante un intervento di manutenzione e hanno invaso il magazzino all’interno del quale sono stoccate 24.000 forme di Grana Padano.

Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono presenti: carabinieri, Polizia locale, ATS e il sindaco di Leno.

Secondo le prime informazioni, si prevede che l’incendio durerà ancora parecchie ore, per questa ragione, Arpa Lombardia ha attivato il Gruppo Specialistico di Contaminazione Atmosferica che installerà un campionatore ad alto volume per la rilevazione delle diossine e IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici).

Al momento, i primi rilevi speditivi effettuati dai tecnici del dipartimento di Brescia – Mantova, dell’Agenzia, non hanno mostrato variazioni dei parametri indagati (CO, NH3, COV).

Il bollettino meteo di Arpa Lombardia prevede ancora piogge per le prossime ore.