Eletta Miss Italia 2018

Miss Italia 2018
Miss Italia 2018

Carlotta Maggiorana è Miss Italia 2018. La ventiseienne di Cupra Marittima, in provincia di Ascoli Piceno, era arrivata a Jesolo con la fascia di Miss Marche, conquistata a Pieve Torina, uno dei paesi più colpiti dal terremoto del 2016. Una vittoria, quella marchigiana, dedicata al padre scomparso dieci anni fa, “che mi guarda sempre da lassù”, aveva detto Carlotta.

Nata a Montegiorgio (Fermo), capelli e occhi castani, alta 1,73, Carlotta è sposata da un anno con il costruttore Emiliano Pierantoni. Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Psicopedagogico, ha frequentato i corsi di danza classica dell’Accademia Nazionale di Danza. È stata valletta in “Avanti un altro”, “Paperissima” e nel mondiale superbike 2016.

Ha partecipato a diversi film e fiction di successo e ha recitato una piccola parte nel film “Tree of Life”, diretto da Terrence Malick con Brad Pitt e Sean Penn. Ha inoltre recitato nella commedia “Un fantastico via vai” di Leonardo Pieraccioni e interpretato il ruolo di Sofia nella fiction “L’Onore e il Rispetto”.

Per lei si tratta della seconda volta a Miss Italia: si era già iscritta al Concorso nel 2011, ma dopo aver partecipato alle prime selezioni aveva deciso di ritirarsi. Una storia simile a quella di Miss Italia 1999 Manila Nazzaro, che aveva ottenuto la corona partecipando al Concorso per la seconda volta.

“Non me l’aspettavo, devo ancora metabolizzare ma mi sembra proprio di volare. Spero che oggi inizi una bella carriera e dedico la vittoria al mio papà che non c’è più, alla mia mamma che ha pianto tanto e alla mia regione, le Marche, afflitta dal terremoto”, ha dichiarato ai giornalisti subito dopo l’elezione.

Carlotta Maggiorana ha 26 anni compiuti lo scorso 3 gennaio ed è tra le vincitrici ‘meno giovani’ della storia del Concorso: prima di lei, un’altra ventiseienne conquistò la corona di Miss Italia, Nadia Bengala. Era il 1988 e sono passati 30 anni.

Carlotta ha battuto Fiorenza D’Antonio, la numero 29, eletta Miss Italia Social 2018. Terza classificata Chiara Bordi, la 18enne di Tarquinia con una protesi alla gamba, Miss Ethos Profumerie 2018.

Con Carlotta Maggiorana, le Marche conquistano il titolo per la quarta volta nella storia del Concorso. Ultima prima di lei Patrizia Nanetti, che aveva conquistato la fascia 37 anni fa, nel 1981.

La regione che ha collezionato il maggior numero di titoli in assoluto è la Sicilia, con ben 11 Miss Italia. Seguono il Lazio e la Lombardia con 10, il Veneto con 6, il Friuli e la Calabria con 5, il Piemonte, la Toscana e le Marche con 4, la Campania con 3, l’Emilia Romagna, la Liguria, la Sardegna e l’Umbria con 2, la Puglia e l’Abruzzo con una sola miss.

Carlotta Maggiorana, nei giorni scorsi, aveva conquistato le fasce nazionali di Miss Tv Sorrisi e Canzoni e di Miss Piazza Italia. Mantiene la prima fascia, in quanto cumulabile per regolamento con altri titoli, mentre cede la seconda fascia a Gloria Tonini, 22 anni di Piazza al Serchio (LU), insegnante di clarinetto.

il weekend di Atletica

Cipolloni

Protagonisti i lanciatori al campo scuola Mauro Bracciolani del capoluogo piceno, per una nuova edizione dell’AscoliMeeting, riunione nazionale organizzata come sempre dal Centro Marcia Solestà. Nel disco maschile, l’atleta di casa Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro) si impone con un buon 59.32, poco distante dal personale di 59.65 realizzato in giugno nella Coppa Italia di Firenze. Al secondo posto Marco Zitelli (56.99), davanti a Federico Apolloni (56.83) e all’altro ascolano Eduardo Albertazzi, quarto con 56.37. Ma anche il peso femminile regala un risultato da copertina, soprattutto per merito della vicecampionessa tricolore Julaika Nicoletti che ottiene 16.95 al primo tentativo. La riminese della Forestale compie quindi il suo ingresso nella top ten italiana di sempre, portandosi all’ottavo posto, per un miglioramento di oltre mezzo metro rispetto al suo precedente personal best di 16.43. Sulla pedana del martello, successi dei toscani Elisa Palmieri (64.93) e Lorenzo Rocchi, con 67.17 per battere il 65.74 della promessa reatina Simone Falloni, mentre il campione italiano under 23 Giacomo Puccini si aggiudica il giavellotto con 71.71 sull’anconetano Gianluca Tamberi, 64.48, invece lo junior ascolano Joel Enrico Giorgi è quinto con 55.97. Nel peso, 16.42 vincente di Paolo Capponi, poi l’astista Marco Esposti, specialista dell’Asa Ascoli e argento tricolore under 20, si piazza secondo con 4.20 alle spalle dell’abruzzese Andrea Sinisi (4.50). In un programma arricchito anche da diverse gare del settore promozionale, per le categorie ragazzi e cadetti, assegnati i consueti trofei alle migliori società secondo la classifica a punti: al femminile la Tecno Adriatletica Marche conquista il 22° Memorial Iannetti, tra gli uomini la 16ª Coppa Sant’Emidio va all’Atletica Gran Sasso.

 

RISULTATI (Ascoli Piceno, 30 luglio 2011)

Maschili. 100 (vento -1.6): Marco Bastarelli (Sport Atl. Fermo) 11”41; 400: Teo Turchi (Carabinieri) 49”04; 2. Alessandro Gaetani (Tecno Adriatletica Marche) 49”61; 3000: Andrea Falasca Zamponi (Atl. Recanati) 8’45”33; alto: Valentino Teodori (Sport Atl. Fermo) 1.95; asta: Andrea Sinisi (Atl. Gran Sasso) 4.50; 2. Marco Esposti (Asa Ascoli Piceno) 4.20; lungo: Alessio Guarini (Fiamme Oro) 7.21 (0.0); peso: Paolo Capponi (Fiamme Oro) 16.42; giavellotto: Giacomo Puccini (Virtus Cr Lucca) 71.71; martello: Lorenzo Rocchi (Atl. Cento Torri Pavia) 67.17; 2. Simone Falloni (Studentesca Cariri) 65.74; disco: Nazzareno Di Marco (Fiamme Oro) 59.32; 2. Marco Zitelli (Aeronautica) 56.99; 3. Federico Apolloni (Aeronautica) 56.83; 4. Eduardo Albertazzi (Fiamme Gialle) 56.37.

Femminili. 100 (-1.2): Elena Basile (Atl. Gran Sasso) 13”10; 2. Sara Tulli (Tecno Adriatletica Marche) 13”28; 1500: Ilenia Narcisi (Tecno Adriatletica Marche) 4’45”45; lungo: Betti Sgariglia (Sport Atl. Fermo) 5.64 (+2.0); peso: Julaika Nicoletti (Forestale) 16.95; 2. Elena Carini (Esercito) 14.80; 3. Aurora Narcisi (Tecno Adriatletica Marche) 12.78; martello: Elisa Palmieri (Esercito) 64.93; 2. Micaela Mariani (Assindustria Padova) 59.23; 3. Silvia Koller (Esercito) 55.42; 4. Aurora Narcisi (Tecno Adriatletica Marche) 52.47; disco: Chiara Centofanti (Audacia Record) 43.94.

Cadetti. 80: Valerio Cipriani (Atl. Roma Sud) 9”64 (-2.0); 2. Livio Santarelli (Atl. Sangiorgese Tecnolift) 9”68 (-0.7); 1000: Paolo Rocchetti (Asa Ascoli Piceno) 2’52”07; lungo: Livio Santarelli (Atl. Sangiorgese Tecnolift) 5.52 (+2.2).

Cadette. 80 (-1.0): Valentina Kalmykova (Olimpia Nettuno) 10”47; 2. Lara Becci (Atl. Senigallia) 10”85; 1000: Chiara Lepidi (Atl. Elpidiense Avis Aido) 3’25”38; lungo: Kalmykova 5.26 (+2.3).

Ragazzi. 60: Floriano Cirilli (Collection Atl. Sambenedettese) 8”41.

Ragazze. 60: Stefania Barrucci (Atl. Gran Sasso) 8”64; 3. Alessia Biondi (Atl. Sangiorgese Tecnolift) 9”06

Assegnati i titoli italiani assoluti delle prove multiple nel week-end, allo Stadio degli Aranci di Formia (LT), con la sambenedettese Enrica Cipolloni che ottiene il quarto posto nell’eptathlon femminile a quota 5046 punti. Dopo aver corso sabato in 14”89 sui 100 ostacoli (vento -1.0), la promessa della Tecno Adriatletica Marche ha saltato 1.72 nell’alto, poi 11.33 nel peso e 26”92 (-0.3) sui 200 metri. La seconda giornata si è aperta con il lungo, 5.76 (+1.0), proseguendo sulla pedana del giavellotto (34.15), prima di chiudere con 2’33”93 sugli 800 metri. Settima posizione finale per la sua compagna di squadra Jennifer Massaccisi che realizza uno score di 4885 punti, con i seguenti parziali: 15”04 (-1.0); 1.66; 10.91; 25”78 (-0.4); 5.17 (+1.2); 32.06; 2’28”22. Maglia tricolore alla veneta Elisa Trevisan (5649), davanti a Cecilia Ricali (5504) e Sara Tani (5457).

Un’altra maglia azzurra per il pesista Lorenzo Del Gatto, impegnato stavolta al Festival Olimpico della gioventù europea, detto anche EYOF dall’acronimo inglese di European Youth Olympic Festival. Nella città turca di Trebisonda, il diciassettenne della Tecno Adriatletica Marche non riesce a raggiungere la finale, risultando il primo degli esclusi con il suo tredicesimo posto e un miglior lancio di 16.84, mentre sarebbe servito almeno un 17.16 per passare il turno. L’allievo di Montegiorgio (FM), che ha un personale di 18.61, di recente ha partecipato anche ai Mondiali under 18 di Lilla, in Francia.