Vaccino Covid

Nicola Magrini
Nicola Magrini

Nicola Magrini (AIFA) a 24Mattino su Radio 24: “Vaccino covid, annunci creano diffidenza aspettiamo i dati per valutazione seria”

Annunci di efficacia del vaccino per il Covid “i dati comunicati come forma di comunicazione immediata per stimolare un convincimento che i vaccino sono in una fase avanzata ha generato anche un po’ di diffidenza perché i dati da vicino ancora nessuno li ha visti”. Lo ha detto Nicola Magrini, Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “I dati per essere visti e condivisi vanno sulle riviste scientifiche e alle agenzie regolatorie affinché siano valutati nel modo più dettagliato e critico. Il riferimento al 90% o al 94% è interpretabile in vari modi, sono purtroppo comunicazioni difettose, solo dopo che le avremo potuti guardare in dettaglio e resi credibili saranno da comunicare nel modo dovuto. I dossier degli studi di cui parlano i giornali non sono ancora giunti e dovrebbero arrivare all’Agenzia europea nelle prime settimane di dicembre, poi penso che un’agenzia serie debba valutarli con calma e serietà nell’arco di alcune settimane”.

Nicola Magrini (AIFA) a 24Mattino su Radio 24: “No vax, non bisogna sottrarsi al confronto ma la medicina è bella perché cura tutti”

La diffidenza delle persone verso il vaccino “va affrontata con serietà e impegno, non bisogna sottrarsi al confronto, molti sembrano preoccupati di trame e dietrologie e temono che qualcuno possa fregarci. Il vaccino sarà uno strumento a disposizione di tutti, non possiamo vendicarci sui non vaccinati, la medicina è bella e etica perché cura tutti, gli inadempienti, gli scorretti, i furbi, chi non paga le tasse. Bisogna occuparsi attivamente e con piena disponibilità anche dei no vax”. Lo ha detto Nicola Magrini, Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Il mercato farmaceutico è complesso, molto regolato ma anche profitable, e molte industrie pagano l’immagine di mirare al profitto perché a volte hanno fatto scelte in questa direzione. I vaccini rappresentano uno dei principali successi della medicina, è scomparso il vaiolo e la poliomielite, il covid non è grave come l’ebola ma certamene sta creando molti problemi soprattutto sulla popolazione anziana.”

 

Lopalco: dubbi su efficacia zona rossa Milano

Pierluigi Lopalco
Pierluigi Lopalco

Pierluigi Lopalco (ass. Salute Puglia e ordinario di Igiene all’Università di Pisa) a 24Mattino su Radio 24: Dubbi su efficacia zona rossa Milano

Milano dovrebbe diventare zona rossa ? “Sono dubbioso sull’efficacia dell’istituzione di zone rosse come mezzo di prevenzione di questa infezione, soprattutto se coinvolge milioni di abitanti”. Lo ha detto l’assessore alle Politiche della Salute della Regione Puglia e ordinario di Igiene all’Università di Pisa, Pierluigi Lopalco a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Non permettere alle persone di entrare e uscire ha poco senso perché il virus è dappertutto, a Milano si sta manifestando di più, bisognerebbe intervenire con mezzi di prevenzione territoriale”.

 

Coronavirus “entro fine settimana prime valutazioni”

Lorenzo Guerini Ministero Difesa
Lorenzo Guerini Ministero Difesa

Guerini (Difesa) a 24Mattino su Radio 24: Coronavirus, “entro fine settimana prime valutazioni”

“Alla fine di questa settimana potremo avere le prime valutazioni in ordine all’efficacia delle misure che in generale abbiamo predisposto, che sono state assunte sulla base delle valutazioni di tutta la comunità scientifica. Sono misure pesanti ma necessarie, la popolazione sta capendo l’importanza di queste misure”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24

Guerini (Difesa) a 24Mattino su Radio 24: Coronavirus, “altri voli per rimpatriare connazionali Assieme a Farnesina per ritorno italiani bloccati in altri Paesi”

“Effettueremo probabilmente altri voli per riportare a casa altri connazionali che sono bloccati in alcuni Paesi. Stiamo lavorando con i canali diplomatici e con il ministero degli Esteri”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24

Guerini (Difesa) a 24Mattino su Radio 24: Coronavirus, “solidarietà e attenzione da colleghi Ue”

Dai miei colleghi europei “ho trovato attenzione e solidarietà per la situazione che stiamo vivendo in Italia. Attenzione anche per le politiche che stiamo adottando e le scelte che stiamo facendo perché tutti siamo consapevoli che il virus non conosce frontiere e che quindi situazioni di questo tipo possono nascere anche in altri Paesi, dove inizia ad esserci analoga preoccupazione perché’ i casi iniziano ad essere statisticamente significativi. C’è la consapevolezza che dobbiamo fronteggiare un problema comune”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24

Coronavirus: no riapertura attività

Massimo Galli, primario del Sacco
Massimo Galli, primario del Sacco

Galli (Sacco) a 24Mattino su Radio 24: Coronavirus, Riapertura attività per la prossima settimana? ” No, è fantascienza”

Riapertura attività per la prossima settimana? ” No, è fantascienza. Non credo che una situazione con queste caratteristiche si normalizzi al punto da tornare a breve alla normalità“. Lo afferma Massimo Galli, docente alla Statale di Milano e primario dell’ospedale Sacco a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. “Mi auguro di sbagliarmi ma dovremo gestire questo virus per un periodo non così breve da poter far finta di niente a breve scadenza”.

Galli (Sacco) a 24Mattino su Radio 24: Coronavirus, “L’isolamento domiciliare non è garanzia al contenimento. Ospedali, abbiamo bisogno di tutte le strutture possibili”

“La mia preoccupazione maggiore è che non c’è capienza negli ospedali per le persone che stanno bene pur essendo positivo al virus e sono avviate all’isolamento a casa. L’isolamento domiciliare non è garanzia di contenimento del problema. Il rischio è che il problema diventi ciclico”. Lo dice Massimo Galli, docente alla Statale di Milano e primario dell’ospedale Sacco a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. “Non so se basteranno gli spazi dell’ospedale militare di Milano, dobbiamo prepararci a ciò che può ancora succedere” e avverte “in Lombardia abbiamo bisogno di tutte le risorse e strutture possibili, nessuno può permettersi di non scendere in campo “