David Ermini a Radio 24

Ermini
David Ermini

Ermini a Radio 24, Palamara capro espiatorio? Tanti i fascicoli aperti

Ermini, Palamara capro espiatorio? Tanti i fascicoli aperti Dal Pg della Cassazione e dal Csm “Non ho partecipato al processo Palamara, mi sono astenuto, perchè leggendo le intercettazioni non potevo essere sereno nel giudicarlo. Ma ci sono tanti procedimenti aperti, 27 secondo quanto ha detto il Pg della Cassazione”. E anche al Csm “sono aperti tanti fascicoli in Prima Commissione che sta esaminando tutte le chat”. Così il vice presidente del Csm Davide Ermini, intervistato da Radio 24, ha risposto alla domanda se Luca Palamara, l’ex presidente dell’Anm radiato dalla magistratura, possa essere considerato un capro espiatorio.

Ermini a Radio 24, per credibilità toghe serve rivoluzione condotte

Ermini, per credibilità toghe serve rivoluzione condotte Spezzare il filo tra Anm e Csm Dalla perdita di credibilità della magistratura, conseguente al caso Palamara, “se ne esce con presa di coscienza etica”. Le leggi non bastano, ” ci deve essere una rivoluzione nel modo di comportarsi di tutti i magistrati”. Lo ha detto a Radio 24 il vice presidente del Csm David Ermini, evidenziando che “la stragrande maggioranza dei magistrati che non hanno partecipato agli accordi sui direttivi sono spettatori inorriditi da quello che è accaduto”. Per Ermini va spezzato anche il filo che ha legato il Csm all’Associazione nazionale magistrati. ” Le correnti della magistratura sono degenerate nel cosiddetto carrierismo. E questo è accaduto perché non si è mai interrotto il filo tra Anm e Csm che sono due cose istituzionalmente diverse” Sulle nomine ” la discrezionalità messa in mano al Csm perché scegliesse i migliori non è stata usata bene”, ha detto ancora Ermini individuando tra i possibili rimedi quello di ancorare le scelte dei dirigenti a una serie di parametri a cominciare dalla capacità di coordinamento

Giustizia: Ermini a Radio 24, ovvio servano manager in uffici giudiziari

Giustizia: Ermini,ovvio servano manager in uffici giudiziari – “E’ ovvio che accanto a ogni direttivo ci vorrebbe un manager. Oggi gestire tribunali significa gestire personale, mezzi informatici, rapporti con la polizia giudiziaria”. Così il vice presidente del Csm David Ermini intervistato da Radio 24 ha risposto alla domanda se condivida la posizione del presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia, favorevole a introdurre la figura del manager negli uffici giudiziari.