Guardando oltre il muro

nigeria-burned-church

Giovedì 8 novembre allo Spazio Oberdan: inaugurazione dell’installazione “Guardando oltre il muro” e incontro “23 Anni dopo la caduta del Muro. Libertà religiosa e persecuzioni dei cristiani”.

Giovedì 8 novembre, alle ore 20.30, presso il Foyer dello Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2, inaugurazione dell’installazione “Guardando oltre il muro” e, a seguire, alle ore 21.00, presso la Sala Alda Merini di Spazio Oberdan, incontro sul tema “23 Anni dopo la caduta del Muro – Libertà religiosa e persecuzioni dei cristiani”.
L’iniziativa è promossa dalla Provincia di Milano/Assessorato alla Cultura, da Alleanza Cattolica e dalla Laogai Research Foundation Italia Onlus.
Intervengono: Novo Umberto Maerna, Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Milano; Rodolfo Casadei, giornalista; Toni Brandi, Presidente Laogai Research Foundation Italia Onlus; Massimo Introvigne, coordinatore dell’Osservatorio della Libertà Religiosa promosso dal Ministero degli Esteri.

Ingresso libero.

La caduta del Muro di Berlino, avvenuta 23 anni fa, è il simbolo del crollo dell’impero social-comunista che ha portato all’acquisizione della libertà di tanti popoli dell’Est. Per il mondo Occidentale però le sfide politiche e culturali non sono ancora finite e i valori che hanno contribuito a raggiungere quel risultato devono ora rimettersi in campo per abbattere i nuovi muri che impediscono ad altri popoli di vivere nel rispetto delle loro identità. La difesa della libertà religiosa significa anche difesa dell’identità culturale, ed è alla base di ogni altro diritto.
Nell’occasione verranno presentati, anche con l’ausilio di immagini esclusive, due volumi: “La persecuzione dei cattolici in Cina” della Laogai Research Foundation Italia Onlus (Sugarco, 2012), che racconta la drammatica situazione dei Laogai dove spariscono sacerdoti e vescovi cattolici, monaci tibetani, religiosi di ogni confessione, oppositori politici, con iniqui processi; e il volume “Tribolati ma non schiacciati – storie di persecuzione, fede e speranza” di Rodolfo Casadei (Lindau, 2012), che presenta i cristiani perseguitati non solo come vittime, ma anche come testimoni della loro fede, grazie alla quale affrontano la prova anche con eroico spirito di carità verso i loro persecutori.

“La Provincia di Milano celebra ancora una volta il 9 novembre, una data che simboleggia la riconquista della libertà e la definitiva estinzione di tutte quelle dottrine che hanno cercato di cancellare la dignità della persona. –  osserva il Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia, Novo Umberto Maerna – Credo non sia improprio accostare l’immagine di quegli eroi dei nostri tempi che subiscono ancora persecuzioni, come i cristiani in molte parti del mondo, a un altro grande dissidente anticomunista quale è stato unanimemente riconosciuto l’autore di Arcipelago Gulag, ossia Aleksandr Solzhenitsyn. Il significato della caduta del muro di Berlino non va dunque ricercato solo nel crollo dei regimi comunisti, ma anche nell’avvio di uno dei più grandi processi di allargamento dell’Unione europea dopo anni di forzato e violento isolamento. Il senso più profondo che accomuna questi eventi – conclude Maerna – è l’invito a riscoprire i fondamenti della cultura europea ed occidentale, valori millenari che nel corso del Novecento il totalitarismo ha cercato, senza successo, di conculcare col terrore”.

Per informazioni:
– Spazio Oberdan tel. 02.7740.6388/6302, www.provincia.milano.it/cultura
– Alleanza Cattolica tel. 3495007708, www.comunitambrosiana.org