Terrorismo

viviana-beccalossi
viviana-beccalossi

“A cento giorni dalla sua morte e in concomitanza dell’arresto di persone appartenenti a una cellula jihadista a Venezia, mi chiedo: ma il corpo del terrorista Anis Amri, l’autore della strage di Natale a Berlino, ucciso a Sesto San Giovanni, si trova ancora all’obitorio di Milano? Da quanto mi risulta la risposta e’ affermativa. Qualche settimana fa e’ stata ufficializzata la notizia che l’autopsia e gli esami tossicologici sono gia’ stati effettuati.

Non so se gli inquirenti abbiano necessita’ di ulteriori approfondimenti, ma rinnovo l’appello ai ministri Minniti e Alfano affinche’ si attivino immediatamente per risolvere la questione. L’Italia non deve ospitare questa persona. Neppure da morto”.

Lo dice Viviana Beccalossi, assessore al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana di Regione Lombardia, nel giorno dell’arresto, a Venezia, di pericolosi soggetti appartenenti a una cellula terroristica jihadista.

 “Siccome spesso la forma e’ sostanza- prosegue Viviana Beccalossi -, ritengo che spedire prima possibile il corpo, di quello che non ho alcun problema a definire ‘mostro’, in Tunisia sia un atto doveroso e necessario per confermare la linea del rigore e dell’intransigenza da parte del nostro Paese contro il terrorismo”.

“Ribadisco ancora una volta – conclude l’assessore Beccalossi – che sarebbe una macabra beffa per tutti gli italiani, e in particolare per la famiglia della povera Fabrizia Di Lorenzo, rimasta uccisa nella strage di Berlino, se il nostro Governo e il Comune di Sesto San Giovanni si facessero carico di tutte le spese susseguenti alla morte del terrorista. A pagare il conto deve essere il Governo tunisino”.

Attacco al Parlamento di Londra

Parlamento di Londra
Parlamento di Londra

Tutto è iniziato sul ponte di Westminster, quando un uomo a bordo di un’automobile, sembra un Suv, si è scagliato contro persone e ciclisti, provocando diversi feriti.

Arrivato davanti al Parlamento di Londra, ha accoltellato una guardia dentro il cortile, uccidendola.

L’uomo ha poi tentato di entrare nella sede del Parlamento di Londra, ma non c’è riuscito.  Le forze della Polizia hanno sparato , uccidendo l’uomo, un asiatico.

Sempre la Polizia londinese parla di un chiaro ed evidente attacco di terrorismo.

Le sedute del Parlamento sono state sospese e per sicurezza è stata evacuata la Premier Theresa May.

Sembra inoltre ci sia un’altro morto e sia una donna.

 

Davide Falco

Cordoglio per Istanbul, del Vicepresidente di Regione Lombardia F. Sala

sala-fabrizio-
sala-fabrizio-

“Sono stato a Istanbul diverse volte, l’ultima proprio con Regione Lombardia per promuovere Expo 2015, un evento cui la Turchia ha partecipato con grande impegno e dedizione e che ha reso il popolo turco amico della Lombardia e di Milano.
Non posso che provare cordoglio per quanto accaduto nella capitale turca, un episodio che ci segna e fa capire una volta di piu’ la necessita’ di sconfiggere il cancro del terrorismo islamista”.

Lo ha detto il Vicepresidente di Regione Lombardia e Assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, commentando l’attentato all’aeroporto della capitale turca avvenuto ieri sera.

 ATTENZIONE ANCHE IN CASE POPOLARI- “Questo episodio ci deve far riflettere una volta di piu’ su quanto sia necessario, anche qui in Lombardia, non abbassare i riflettori sui temi della sicurezza e dell’immigrazione – ha aggiunto il Vicepresidente Sala – Nel campo dell’edilizia popolare questo assume un valore forte, dato che molto spesso le occupazioni abusive generano situazioni di insicurezza e di incertezza rispetto all’identita’ degli occupanti abusivi degli alloggi. Con la nuova legge sui Servizi abitativi approvata ieri in Consiglio Regionale aumenteranno i controlli in tal senso e non e’ stata una scelta casuale”.