Aggiornamenti Alitalia

aereo-alitalia
aereo-alitalia

Crescono i ricavi e i passeggeri relativi al traffico business di Alitalia nel mese di luglio. Nel settimo mese dell’anno, la Compagnia italiana ha registrato un incremento del 8,1% dei ricavi e del 9,7% dei passeggeri rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Complessivamente 195.938 passeggeri hanno scelto di volare nel mese di luglio nelle classi Magnifica, Business e Premium dell’intera rete Alitalia, di cui molto generato grazie alla crescita dell’intercontinentale che nel mese di luglio ha registrato un incremento passeggeri corporate del 33,7 % e dei ricavi business del 12,4%.

Prosegue il trend positivo del settore corporate di Alitalia, complessivamente i ricavi relativi al trasporto passeggeri business nei primi 7 mesi dell’anno sono aumentati del 5,8% e i passeggeri del 7%.
Nei primi sei mesi del 2019 Alitalia ha incrementato anche i ricavi del segmento PMI (piccole e medie imprese) del +44,7%.

La crescita del settore business è il frutto della nuova strategia di Alitalia dedicata ai clienti di alto valore, con un focus sia organizzativo che di definizione di servizi ad hoc che vanno dall’esperienza di volo legata alle classi Magnifica e Premium ai servizi Sky Priority a terra – banchi check-in e varchi di sicurezza dedicati, imbarco prioritario – al rinnovamento del catering di bordo fino a servizi di supporto personalizzati sia per le Aziende che per il Trade.

L’incremento del traffico business di Alitalia dei primi 7 mesi del 2019 è dovuto anche all’avvio di importanti attività di partnership commerciali come il programma ‘University’, da poco avviato in collaborazione con la Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), che prevede agevolazioni tariffarie e iniziative dedicate a studenti, ricercatori, docenti e tutto il personale impiegato presso gli atenei.

Novità in CAP Holding

Alessandro Russo pres Gruppo CAP
Alessandro Russo pres Gruppo CAP

Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, l’azienda che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, entra a far parte della Federazione delle imprese dei servizi pubblici di acqua ambiente e energia, nel ruolo di consigliere. La nomina è avvenuta nel corso dell’Assemblea di Utilitalia, riunita ieri all’Auditorium di Via Veneto a Roma. Russo farà parte della giunta esecutiva e del consiglio direttivo (acqua).

Oltre alla nomina degli organi federali (giunta esecutiva, consigli direttivi e collegio dei revisori), l’Assemblea ha confermato presidente Giovanni Valotti per altri tre anni alla guida di Utilitalia. Valotti ha messo al centro della sua relazione il “Patto per lo sviluppo del Paese”, documento programmatico condiviso con tutte le aziende associate.

Una strategia per il bene dell’Italia, che coinvolge Stato, Istituzioni territoriali, comunità locali, imprese e cittadini in un percorso con quattro punti cardine: gestione della transizione energetica ed ambientale verso la green economy, sviluppo di un sistema infrastrutturale efficiente, sostenibilità sociale e ambientale, valorizzazione dei territori e delle comunità servite.

“È fondamentale”, si legge nel documento approvato dall’Assemblea, “declinare le strategie nazionali nelle scelte regionali e locali, specialmente nei comparti dell’energia, dell’ambiente e delle risorse idriche. L’obiettivo è garantire ai cittadini servizi di qualità sempre migliore, efficienti e accessibili, colmando le differenze infrastrutturali tra i diversi territori e sviluppare una cultura industriale dei servizi pubblici tutelando in particolare le fasce deboli della popolazione”.

Italgas e Microsoft

italgas-microsoft
italgas-microsoft

Italgas, leader in Italia nel settore della distribuzione del gas naturale e terzo operatore in Europa, annuncia ufficialmente la collaborazione con Microsoft per un progetto di trasformazione digitale che ruota intorno al Cloud Computing.

Nell’ambito del Piano Industriale 2017-2023, Italgas ha infatti sviluppato un programma di innovazione unico nel settore gas, che punta sulla digitalizzazione degli asset e dei processi, sull’Industrial IoT e sulla dematerializzazione e automazione.

Al centro di questa disegno, la strategia cloud e la scelta di migrare il datacenter su Microsoft Azure, adottando anche la piattaforma di produttività Office 365. L’ambizioso progetto, in fase di avvio, verrà portato a termine entro agosto 2018, con l’obiettivo di gestire l’intero sistema Italgas secondo criteri innovativi finalizzati al raggiungimento di migliori livelli di efficienza e flessibilità.

Insieme alle sue partecipate, Italgas conta oltre 4000 dipendenti, gestisce una rete di circa 66.000 Km, 7,5 milioni di utenze servite in 1600 Comuni e ha deciso di puntare sul Cloud pubblico, predisponendo una nuova Infrastruttura as a Service, migrando gli applicativi e gli asset IT precedentemente on premise, e configurando una nuova rete connessa al Cloud.

La scelta è ricaduta su Microsoft Azure, anche in virtù dell’ampia disponibilità – 140 Paesi e 17 lingue – e dell’investimento di 14 miliardi di dollari che Microsoft dedica alla sua infrastruttura di datacenter globale per renderla sempre affidabile e all’avanguardia.

La piattaforma di public cloud di Microsoft offre grandi capacità computazionali e di storage adatte a gestire le esigenze di una rete complessa e ad accompagnare l’azienda in un percorso di crescita flessibile, rispondendo in modo scalabile ai prevedibili picchi di domanda connessi con lo svolgimento delle gare per l’assegnazione del servizio e ottimizzando i costi IT.

Il tutto con garanzia di sicurezza in termini di business continuity, un elemento strategico in un settore cruciale come quello dell’energia, ma anche in termini di privacy in linea con il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati.

L’interoperabilità di Azure assicura, inoltre, la compatibilità con l’ambiente IT eterogeneo di Italgas preservando gli investimenti precedenti in una logica di innovazione sostenibile e, non solo, Azure è stato anche scelto per la capacità di supportare l’evoluzione tecnologica dell’azienda abilitando lo sviluppo di soluzioni innovative nelle aree Analytics, IoT e Big data.

In prospettiva, una volta ultimato il processo di migrazione, Italgas potrà infatti beneficiare di funzionalità di monitoraggio remoto e manutenzione predittiva e potrà nel complesso migliorare ulteriormente la qualità del servizio grazie ad un più efficace uso del patrimonio informativo.

Sempre per aumentare l’efficienza e raggiungere l’eccellenza operativa, un altro elemento cardine della trasformazione digitale di Italgas è l’adozione della piattaforma di produttività cloud Office 365, che coinvolgerà oltre 3.000 utenti entro agosto.

Un’occasione per liberare il potenziale delle persone, introducendo un nuovo modo di collaborare al passo con i tempi: in un settore in cui essere fuori sede è spesso lo standard, Office 365 consentirà di accedere ai dati e alle applicazioni aziendali in sicurezza, ovunque e in qualunque momento, contribuendo, con un maggior empowerment di tutti i componenti dell’organizzazione, al percorso di crescita dell’azienda.

“Lo spostamento in Cloud della totalitá della nostra mappa applicativa – commenta Francesca Vergara Caffarelli, CIO di Italgas – é un passo fondamentale nel processo di digitalizzazione che stiamo realizzando. Oltre agli immediati benefici di aumentare efficienza e affidabilità, ci permette di avere accesso a tutte le nuove tecnologie che Microsoft offre e offrirà, creando la base tecnologica necessaria per la trasformazione dei processi aziendali mediante l’utilizzo di tecnologie innovative”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con una realtà come Italgas: l’innovazione è una componente importante del piano strategico dell’azienda e siamo sicuri che grazie alla digitalizzazione delle reti e dei processi con il cloud Italgas possa accrescere la propria efficienza e competitività.

Questo progetto di trasformazione digitale così avanzato nel panorama Oil&Gas ci auguriamo possa ispirare molte altre realtà, contribuendo allo sviluppo socio-economico del Paese.

Il Cloud Computing può naturalmente fare la differenza in questo senso, ottimizzando i processi, consentendo una gestione flessibile delle reti, facilitando lo scambio sicuro dei dati e abilitando nuove forme di collaborazione e produttività. Puntare sul Cloud significa puntare sul futuro ed essere pronti ad accogliere le nuove prospettive legate a Industrial IoT e Artificial Intelligence”, dichiara Vincenzo Esposito, Direttore della Divisione Enterprise Commercial di Microsoft Italia.