Bollate: Buoni spesa

Buono spesa bollate
Buono spesa bollate

C’è tempo ancora fino al 30 aprile, alle ore 12, per i cittadini di Bollate che hanno i requisiti per fare richiesta per i buoni spesa.

Ricordiamo che il contributo varia da un minimo di 250 euro a un massimo di 500 per nucleo familiare, con un’aggiunta di 50 euro per famiglie con bambini da 0 a 3 anni o con persone disabili. Va richiesto compilando il modulo scaricabile dal sito del Comune e verrà assegnato dopo la valutazione delle domande e la verifica dei requisiti, fino a esaurimento delle risorse economiche disponibili.

Ma facciamo il punto
Ad oggi sono stati assegnati 467 buoni spesa per importo complessivo di 159.800 euro,
426 già consegnati e 41 sono stati consegnati oggi pomeriggio, direttamente al domicilio dei beneficiari.

Sono state invece 131 le pratiche negative per assenza dei requisiti previsti dalle linee guida o per discrepanza tra quanto dichiarato e le verifiche anagrafiche condotte dagli uffici (le comunicazioni saranno anticipate via mail e inviate via posta).

RICORDIAMO CHE
Il Buono Spesa è un contributo riservato agli acquisti di generi alimentari e di prodotti di prima necessità. Consiste in una carta d’acquisto prepagata che sarà distribuita dal Comune a chi ha determinati requisiti e ne fa richiesta. Le carte potranno essere utilizzate nei negozi del territorio che hanno aderito all’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale (si tratta dei principali supermercati cittadini).

Al Buono Spesa hanno diritto i cittadini che si trovano in stato di necessità a causa dalla riduzione del reddito familiare per motivi legati all’emergenza sanitaria COVID19. Rientrano tra i requisiti ammessi, ad esempio, la perdita di lavoro per licenziamento, la riduzione dell’orario di lavoro o la sospensione della prestazione, la sospensione dell’attività professionale autonoma e a partita IVA, la sospensione/cessazione del Reddito di Cittadinanza.

L’importo dei Buoni Spesa sarà variabile, in base ai requisiti e alle dimensioni della famiglia di chi farà richiesta; per ottenerlo dovrà essere usata la modulistica pubblicata sul sito del Comune, seguendo la modalità indicata. Ogni famiglia potrà presentare una sola domanda.

Le richieste presentate ENTRO IL 30 APRILE 2020 ALLE ORE 12 verranno valutate progressivamente dall’ufficio Servizi Sociali del Comune in ordine di arrivo. Verificato il possesso dei requisiti, il Comune procederà a comunicare l’accettazione o meno del Buono Spesa, l’importo concesso e le modalità di utilizzo. Gli assistenti sociali, inoltre, potranno chiamare telefonicamente i cittadini che hanno fatto richiesta per eventuali approfondimenti ritenuti necessari.

ATTENZIONE
Il Modello della domanda è scaricabile dal sito del Comune di BOLLATE. Deve essere compilato in ogni sua parte e trasmesso in via prioritaria telematica all’indirizzo mail:
protocollo@comune.bollate.mi.it allegando copia della carta d’identità del richiedente.

Per particolari condizioni di impedimento accertato all’accesso agli strumenti telematici, il cittadino potrà contattare il Servizio Sociale al tel. 02-35005568 dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 e il martedì anche dalle 14:00 alle 17:00 e ricevere informazioni su come procedere.

Air Italy: tutela dei lavoratori e continuità dei voli

air italy
air italy

Nel corso dell’incontro di oggi 12 febbraio, convocato dalla ministra Paola De Micheli con i liquidatori della società, Enrico Laghi e Franco Maurizio Lagro, la sottosegretaria allo Sviluppo Economico, Alessandra Todde e il presidente di Enac, Nicola Zaccheo, il Governo ha ribadito ai commissari della compagnia Air Italy la sua forte irritazione per le modalità di gestione della vicenda e il mancato coinvolgimento delle istituzioni.

Oggi ai rappresentanti dell’azienda è stata avanzata la richiesta di esplorare percorsi alternativi alla liquidazione in bonis in grado di garantire le maggiori tutele possibili ai lavoratori, oltre alla continuità dei voli.

Sono state formulate proposte volte a evitare ulteriori difficoltà ai passeggeri e in particolar modo al traffico aereo sulla Sardegna, considerate anche le vigenti garanzie di continuità territoriale.

Obiettivo prioritario del Governo, ribadito oggi, è la tutela dell’occupazione, motivo per cui la prossima settimana è stato fissato un nuovo incontro con i liquidatori, i sindacati e i rappresentanti delle due Regioni coinvolte, Sardegna e Lombardia, per un ulteriore approfondimento delle proposte oggi avanzate.

I commissari dal canto loro hanno confermato l’intenzione dei soci di Air Italy di rispettare gli impegni assunti con tutti i fornitori.
Al termine dell’incontro la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha confermato l’intenzione, più volte manifestata, di avviare nel mese di febbraio, in collaborazione con Enac, la definizione di un nuovo Piano Aeroporti nonché di procedere alla revisione delle regole del trasporto aereo, anche alla luce dell’evidente contraddizione tra la crescita del mercato e le difficoltà delle aziende del settore.

Teatro Il Celebrazioni: rinvio concerto di Peter Bence

celebrazioni_scritta
celebrazioni_scritta

A causa di circostanze impreviste non dipendenti dalla volontà dell’artista, siamo spiacenti di dover annunciare che i concerti di PETER BENCE, in programma a maggio in tutt’Italia, sono stati rinviati a dicembre 2018.

In particolare il concerto previsto al Teatro Il Celebrazioni di Bologna il 25 maggio 2018 è rinviato al 6 dicembre 2018 (ore 21.00).

I biglietti precedentemente acquistati resteranno validi per la nuova data del 6 dicembre.

Nel caso in cui non vi fosse più la possibilità di assistere al concerto nella nuova data sarà possibile chiedere il rimborso entro e non oltre venerdì 22 luglio 2018. Non sarà possibile ottenere il rimborso oltre questa data.

Tale rimborso prevede il prezzo del biglietto comprensivo dei diritti di prevendita. Come da condizioni di vendita non è rimborsabile alcun costo e/o spesa accessoria o personale.

Per ottenere il rimborso è necessario essere in possesso del titolo di accesso integro. Senza il titolo di accesso non sarà possibile ottenere alcun rimborso.

Modalità di rimborso TICKETONE con richiesta da effettuare entro e non oltre venerdì 22 luglio 2018:
 Biglietti acquistati presso i punti vendita Ticketone: il rimborso dei biglietti potrà essere richiesto presso il punto vendita in cui è stato effettuato l’acquisto.
 Biglietti acquistati sul sito www.ticketone.it o tramite call center: il customer service invierà un’e-mail ai clienti contenente i dettagli.

Modalità di rimborso VIVATICKET con richiesta da effettuare entro e non oltre venerdì 22 luglio 2018:
 Per i biglietti acquistati presso i punti prevendita dei circuiti Vivaticket il cliente potrà rivolgersi allo stesso punto prevendita dove ha effettuato l’acquisto.

Modalità di rimborso per coloro che hanno acquistato il biglietto direttamente in BIGLIETTERIA:
 Sarà possibile recarsi in biglietteria fino alla sua data di chiusura estiva prevista per venerdì 29 giugno 2018. Per ulteriori informazioni: 051.4399123 – info@teatrocelebrazioni.it.

Bollate: Inaugurazione altalene

vassallo sindaco-Bollate
vassallo sindaco-Bollate

Si terrà mercoledì 16 maggio alle ore 16,45 l’inaugurazione (con merenda) delle due nuove altalene del parco Montessori, una delle quali per bambini portatori di handicap.

L’iniziativa nasce da una richiesta precisa di una bimba disabile che ha chiesto all’Amministrazione un’altalena apposita anche per chi ha difficoltà.

Dalla richiesta è partito l’impegno dell’Amministrazione, culminato nell’installazione dei due nuovi giochi. I lavori sono stati realizzati da Gaia Servizi.

Saranno presenti all’inaugurazione il Sindaco Francesco Vassallo, il Vicesindaco Alberto Grassi, il Presidente di Gaia Servizi Felice Caccavale e alcune classi delle scuole Montessori e di Cassina Nuova, da dove arriva la richiesta dell’altalena.

Per i bimbi presenti, merenda offerta dall’Amministrazione comunale.

Ema: ricorsi trasferiti alla Corte di Giustizia

Ema-
Ema-

È di oggi la notizia che il Tribunale europeo, accogliendo la richiesta del Comune di Milano, ha trasferito i due giudizi – di annullamento e di urgenza – alla Corte di Giustizia dell’UE, dove già pende il ricorso del Governo italiano.

Proseguono quindi, diversamente da quanto aveva chiesto il Consiglio al Tribunale nei propri atti, le iniziative giudiziarie del Comune di Milano, che ora potrà far valere, insieme al Governo italiano, le proprie ragioni dinanzi al massimo Giudice europeo. Si è appreso peraltro che in tali giudizi ha chiesto di intervenire, oltre alla Regione Lombardia, anche il Governo Olandese.

Nella giornata di ieri il Comune ha altresì visto accolta la propria richiesta di accesso agli atti da parte della Commissione europea, che ha fornito documentazione utile per gli stessi giudizi.

Parallelamente, nei giorni scorsi, le competenti commissioni del Parlamento Europeo hanno, anche a seguito delle iniziative del Comune di Milano, opportunamente affermato le prerogative del Parlamento medesimo e la necessità di assicurare che il procedimento per il trasferimento dell’EMA garantisca il pieno rispetto delle regole del diritto europeo, a tutela degli interessi di tutti i cittadini europei.

Il Comune di Milano esprime la propria soddisfazione per le iniziative che le Istituzioni europee stanno assumendo e conferma il proprio impegno affinché il trasferimento della sede dell’EMA avvenga nel rispetto delle regole e degli interessi dei cittadini europei.