“Nemesi” Mostra di Eleonora Pozzi

Eleonora-Pozzi-Nemesi-Attesa-Fides-2018-fusaggine-acrilico-gesso-e-resine-su-tela-
Eleonora-Pozzi-Nemesi-Attesa-Fides-2018-fusaggine-acrilico-gesso-e-resine-su-tela-

Un eros ritualizzato che pochi conoscono e che invece aiuta esprimere al meglio sè stessi, permette un ampliamento dei propri orizzonti, induce la ricerca dei limiti e delle possibilità più estreme del corpo e della mente.
Ma soprattutto un eros che richiede fiducia, complicità, intmità, rispetto e dialogo reciproco. In una parola, Amore.

C’è tutto questo nelle opere di Eleonora Pozzi che compongono la mostra “Nemesi”, esposte dal 10 maggio al 13 luglio alla Galleria Après-coup Arte di Milano, e raccontano la sottomissione sessuale volontaria di una donna a un uomo nell’ambito di un rapporto consenziente, l’accettazione di un “rito privato” che, dall’esterno, potrebbe essere stigmatizzato come violenza.

Ma nel pensiero e di Eleonora Pozzi la violenza nulla c’entra.
Il bisogno in tutti noi di intellettualizzare le pulsioni sessuali, questo sì.
Nelle dieci opere realizzate ad hoc per la mostra “Nemesi”, curata da Sarah Lanzoni, l’artista concentra sulla relazione tra un essere umano dominante e uno sottomesso e, in particolare, la sottomissione volontaria di una donna a un uomo circoscritta al solo arco di tempo che racchiude un rapporto erotico.

Après-coup Arte
Via Privata della Braida 5, Milano
10 maggio – 13 luglio 2018
Ingresso libero

Inaugurazione: giovedì 10 maggio dalle 18 alle 22
Orari di apertura mostra: da martedì a sabato 08.30 – 22.00
Per informazioni: galleria@apres-coup.it

“Primati” nuovo album de Lo Stato Sociale

primati
primati

Al via lunedì il preorder su Amazon di “Primati” (Universal Music/Garrinchia Dischi), il nuovo album de Lo Stato Sociale in uscita dappertutto il 9 Febbraio, e il presave su Spotify del singolo “Una Vita in Vacanza” (http://www.umgitaly.com/unavitainvacanza). Quasi un anno dopo l’uscita del loro ultimo album “Amore, lavoro e altri miti da sfatare”, la band bolognese torna con un progetto discografico che accompagnerà la loro partecipazione alla 68esima edizione del Festival di Sanremo.

“Primati” è una “raccolta differenziata” di singoli del collettivo bolognese; contiene i tre inediti “Una vita in vacanza”, “Fare mattina” e “Facile” scritti successivamente all’uscita dell’ ultimo disco, oltre ad una nuova versione di “Sono così indie” tutti e quattro prodotti da Fabio Gargiulo e altri tredici singoli che hanno segnato il percorso della band dalla fondazione fino alla partecipazione al Festival di Sanremo.

“Una vita in vacanza”, il brano che la band porterà sul palco dell’Ariston, è un’arguta riflessione sul mondo del lavoro di oggi, in cui i regaz mettono in discussione la tendenza sempre più diffusa ad identificare completamente l’individuo con la sua professione.

É il racconto epico dello scontro fra il lavoro e la sua nemesi di sempre; la vacanza. Attraverso un elenco di professioni improbabili, il collettivo vuole spingere il pubblico a interrogarsi sui perché della nostra ricerca di definizione attraverso le scelte professionali.

Il pezzo, scritto e arrangiato da Lo Stato Sociale, unisce la canzone d’autore alle sonorità tipiche dell’elettronica, fondendo i due generi in uno stile unisco ed originale. “Una vita in vacanza” è stato prodotto artisticamente e orchestrato da Fabio Gargiulo (F. Michielin, C.De Andrè, Arisa) e gli archi sono stati incisi e coscritti con Davide Rossi (Coldplay, U2, Goldfrapp).

Lo Stato Sociale è:
Alberto “Albi” Cazzola (voce, basso), Francesco “Checco” Draicchio (voce, sintetizzatori, percussioni), Lodovico “Lodo” Guenzi (voce, chitarra, pianoforte), Alberto “Bebo” Guidetti (voce, drum machines, programmazioni), Enrico “Carota” Roberto (voce, sintetizzatori, pianoforte, rhodes, programmazioni).