Midnight Jazz Festival: Patrizio Fariselli

midnight jazz festival
midnight jazz festival

MARTEDÌ 16 LUGLIO 2019,

• ORE 18.30
A 40 ANNI DALLA SCOMPARSA DI Demetrio Stratos

Nell’anniversario della morte, con l’aiuto di Giordano Casiraghi, giornalista musicale e saggista, verranno raccontati il profilo artistico e umano di DEMETRIO STRATOS e quello straordinario momento in cui il mondo artistico e l’universo giovanile, si incontrarono nell’ultimo, grande evento musicale di massa di quell’epoca rock: il CONCERTO PER DEMETRIO, all’Arena di Milano il 14 Giugno 1979.
Un’escursione tra immagini estratte da video ufficiali del concerto, documentari su Demetrio Stratos e racconti di amici e testimoni di quella indimenticabile esperienza.

• ORE 21.00
PATRIZIO FARISELLI e “AREA OPEN PROJECT”, in:
“100 Ghosts”_ Live

Tra i fondatori degli Area, Patrizio Fariselli, pianista tastierista e compositore, ritorna con una nuova formazione live di altissimo livello, reduce dalla pubblicazione del suo ultimo album “100 GHOSTS” (Warner Music).

Nel disco, Fariselli si muove tra mondi apparentemente distanti nello spazio e nel tempo, arrivando addirittura ad arrangiare il brano “Song From Ugarit”, la più antica melodiapervenuta a noi in caratteri cuneiformi, su tavoletta d’argilla, 3.500 anni fa e cantata in lingua originale dalla versatile voce, dal background jazz, di Claudia Tellini.

Nonostante l’energia rock sotto-traccia, che a volte riemerge, il jazz mantiene comunque un ruolo centrale, come dimostrano i riferimenti a John Coltrane e a Joe Zawinul.
Nel repertorio si alterneranno anche brani classici degli Area ed un originale omaggio all’amico Demetrio Stratos, che scomparve 40 anni fa. Fariselliè coadiuvato dal batterista Giovanni Giorgi e dalla talentuosa bassista Caterina Crucitti.

Patrizio Fariselli (pianoforte, tastiere);
Claudia Tellini (voce);
Caterina Crucitti (basso);
Giovanni Giorgi (batteria).

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Midnight Jazz Festival

mjfmini
mjfmini

La nuova edizione del MIDNIGHT JAZZ FESTIVAL, stenderà un coraggioso “fil rouge” per connettere e ampliare il fascino della cultura jazz, affiancando repertori originali – anche fuori dagli schemi della classicità – ad omaggi ai grandi nomi della musica attuale e riletture del loro repertorio, con il consueto sguardo alla canzone di qualità e non solo.

Cinque progetti esclusivamente creati per il MJF, in sintonia con il significato più aderente alla filosofia di “festival”; una ricerca a cui gli artisti in cartellone hanno aderito, mettendosi in gioco con un “doppio passo”, appunto: proponendo il proprio punto di arrivo (o di partenza) nel loro percorso artistico, accostandone parte del repertorio ad una rilettura stilistica, dialettica o di citazione del repertorio di artisti scomparsi (come DjangoRehinardt e PINO DANIELE) o viventi come il grande trombonista e compositore Marcello Rosa, omaggiato da RudyMigliardi; nomi che hanno lasciato una traccia nella storia della musica, non solo jazz.

Ecco il programma:

MARTEDÌ 16.7; ORE 18.30 –
Apertura straordinaria per commemorare Demetrio Stratos

MARTEDÌ 16.7; ORE 21 –
PATRIZIOFARISELLI con “AREA OPEN PROJECT” in “100 Ghosts”_ Live

GIOVEDÌ 18.7; ORE 21 –
RUDY MIGLIARDI in “SUPER-BONES SEXTET”

LUNEDÌ 22.7; ORE 21 –
“AURORE VOILQUÈ Quartet, featuring ANGELO DEBARRE”i

MERCOLEDÌ 24.7; ORE 21 –
“ROBERTO MARTINELLI ALL STARS ENSEMBLE with special guest SARAH JANE MORRIS (vocal) & TONY REMY (guitar)”

MERCOLEDÌ 31.7; ORE 21 –
“MARCOTULLI, DI BATTISTA, TOMMASO, VARELA Quartet”

XI Edizione del Midnight Jazz Festival 2018

borsa-milano- Palazzo mezzanotte
borsa-milano- Palazzo mezzanotte

Anche quest’anno il Jazz torna in Borsa Italiana, in occasione del Midnight Jazz Festival.
Cinque concerti e diverse iniziative culturali animeranno gli spazi del Centro Congressi di Palazzo Mezzanotte in Piazza degli Affari.

L’imminente edizione del MIDNIGHT JAZZ FESTIVAL sembra essere stata influenzata dalla kabala: 300 anni dalla fondazione della città di New Orleans, 100 anni dalla prima incisione fonografica di musica “Jass”, a opera del siciliano NICK LA ROCCA e, dulcis in fundo, poco più di 10 anni dalla prima edizione del MJF, che saranno festeggiati con la produzione di uno straordinario vinile celebrativo, dedicato al Festival e realizzato, recuperando brani musicali da registrazioni di alcune delle passate edizioni.

Un sottile riferimento, tra il sacro e il profano, all’epopea avviata, nel 1917, da Nick La Rocca e dal suo quintetto THE ORIGINAL DIXIELAND JAZZ BAND.

Nel pomeriggio di apertura, MICHELE CINQUE, giovane regista e pluripremiato film-maker, presenterà il suo film SICILY JASS, un docu-flm sull’avventura artistica di Nick La Rocca e del suo primo disco.
Il festival, inoltre, proporrà una singolare mostra di dischi originali di jazz di inizio ‘900, tratti dalla collezione privata del clarinettista Alfredo Ferrario.

Come tutti gli anni l’accesso sarà libero, fino a esaurimento posti, e durante le serate sarà possibile sostenere due Onlus (Fondazione Dr. Ambrosoli Memorial Hospital e Associazione CAF) che saranno presenti in sala per informazioni, donazioni, etc.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI APERTURA

• Martedì 17 Luglio
h. 18.15 Incontro con MICHELE CINQUE, autore e regista del docu-fim “Sicily Jass”
h. 18.30 Proiezione del film
h. 19.45 Inaugurazione della mostra-installazione di supporti fonografici e materiali editoriali rari del jazz degli anni tra il 1940 e 1950, (coll. di ALFREDO FERRARIO)
h. 20.30 Apertura Porte
h. 21.00 Inizio del concerto dedicato ai 300 anni della città di New Orleans

Jazz Festival a Milano

Jazz festival
Jazz festival

“Investimenti Culturali”: i primi appuntamenti

Palazzo Mezzanotte 19/20 Luglio 2017 – ore 21.00, Piazza Affari, 6 – Milano – INGRESSO GRATUITO

Al via la 10ª Edizione di “MIDNIGHT JAZZ FESTIVAL”, la rassegna musicale al confine tra jazz e musica d’autore, creata da GIORGIO DELEO, Direttore Artistico e sostenuta da BORSA ITALIANA, con il patrocinio del Comune di Milano e la partecipazione di importanti partners.

Mercoledì 19 Luglio, ore 21, ad avviare questo breve ma intenso viaggio, nella suggestiva cornice della “sala delle grida” di Palazzo Mezzanotte, toccherà a SERVILLO/ GIROTTO/ MANGALAVITE, un trio che ormai, nel breve corso di qualche anno, ha saputo costruire e consolidare un progetto artistico che li vede protagonisti già di due album, di cui l’ultimo,“PARIENTES”, sarà il centro del loro concerto: un viaggio e un mondo il cui incontro offre qualcosa di inaspettato tra canzoni di foggia antica che, nel loro splendido linguaggio musicale, diventano straordinariamente moderne e nuove composizioni forgiate nella evidente parentela tra la cultura argentina e quella italiana.

Peppe Servillo (voce) , casertano, fondatore, autore e cantante del gruppo “AVION TRAVEL”, band che ha caratterizzato la scena cantautorale dell’ultimo ventennio, è anche attore e coautore cinematografico.
Javier Edgardo Girotto (Sax soprano e baritono), argentino di Cordoba, studia e insegna sassofono e flauto traverso. Dopo il suo trasferimento a Boston, fonda il gruppo degli “AIRES TANGO”. La sua musica attraversa sinuosa i territori del tango, del jazz e della contaminazione etnica. Ha collaborato con i nomi più rappresentativi della scena jazz internazionale.

Natalio Luis Mangalavite (piano, tastiere, voce), altro argentino, vive da più di vent’anni in Europa, frequentando la canzone d’autore e il jazz.

In questo ambito rappresenta il punto d’insieme tra le diverse provenienze, dando familiarità ad una frequentazione che proprio nelle famiglie, trova la sua unione narrativa.

La sera dopo, Giovedì 20 Luglio, ore 21, ecco una prima escursione nella galassia che vive di ricerca e coraggiosa inventiva come POKER, il quartetto composto da LUIGI BONAFEDE; MARCO VAGGI; NICOLA ANGELUCCI e, “special guest”, PIETRO TONOLO.

Nella loro intenzione, l’obiettivo di trovare uno “swing” in senso anche interiore, oltre che jazzistico, proponendolo come esperienza comunicativa e coinvolgente. Quale dovrebbe essere la funzione principale della musica.

Le composizioni di Luigi Bonafede sono tutte originali e riescono a costruire interazioni tra loro pur mantenendo la loro natura autonoma.
Luigi Bonafede (piano, composizione) è anche batterista e arrangiatore di fama internazionale. Ha partecipato a numerosi festival jazz anche internazionali e vanta una rete estesissima di collaborazioni. Il suo legame fondamentale con Milano ruota soprattutto attorno all’indimenticabile esperienza al “Capolinea”, dove conosce anchePietro Tonolo.

Pietro Tonolo (sax tenore, sax soprano) appartiene anche lui all’esperienza formativa del “Capolinea” qualificandosi come elemento di spicco a livello internazionale. Con Bonafede ha collaborato con il batterista Gianni Cazzola e suonato nel “Five For Jazz” condividendo la musica con il grande Massimo Urbani.

Marco Vaggi (contrabbasso) ha iniziato l'attività di musicista entrando a far parte del quintetto del batterista Gianni Cazzola. Da allora ha collaborato con alcuni tra impiù conosciuti musicisti della scena nazionale e internazionale del jazz, tra cuimGiorgio Gaslini, Franco Cerri ed Enrico Intra, Luigi Bonafede e Massimo Urbani.
ffianca il gusto dell’improvvisazione alla passione per la didattica.

Nicola Angelucci (batteria) giovane e talentuoso batterista, disegna il suo primo profilo di collaborazioni a livello internazionale per completare, successivamente la raccolta suonando con i più creativi nomi della scena italiana.

La manifestazione, a cura di Borsa Italiana e patrocinata dal Comune di Milano, rappresenta una tappa ulteriore del dialogo tra Borsa e la città, iniziato con Bookcity, le Giornate di Primavera del FAI, continuato con il supporto e l’apertura straordinaria al pubblico per Museocity, Photocity e il progetto Borsa Italiana Gallery nell’ambito di Finance for Fine Arts.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

25 LUGLIO ELISA MARANGON Quintet ore 21 Elisa Marangon, voce; Renato Podestà, chitarra; Roberto Olzer, pianoforte; Marco Micheli, contrabbasso; Nicola Stranieri, batteria

26 LUGLIO ATTILA KORB & HIS ROLLINI PROJECT
ore 21 Attila Korb, sax basso, trombone; Malo Mazourie, tromba; Felix Hunot, banjo; David Lukacs, clarinetto; Harry Kanters, pianoforte 27 LUGLIO PAOLO JANNACCI Quartetore 21 Paolo Jannacci, pianoforte; Daniele Moretto, tromba; Marco Ricci, basso elettrico, contrabbasso; Stefano Bagnoli, batteria

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

www.borsaitaliana/midnightjazzfestival.it