Shakira: “Me gusta”

MeGusta_Cover
MeGusta_Cover

In attesa della sua esibizione il 2 febbraio alla 54a edizione del Super Bowl, Shakira, l’artista multiplatino pluripremiata ai Grammy Awards, torna con “ME GUSTA”, il nuovo singolo, già disponibile in digitale e dal 24 gennaio in rotazione radiofonica, in collaborazione con il cantante e rapper portoricano ANUEL AA, rivelazione del 2019 con la hit mondiale “China” interpretata con Daddy Yankee, Karol G, J Balvin e Ozuna.

“Me Gusta” arriva dopo alcuni mesi importanti per l’artista, che ha concluso l’anno con un medley dei suoi più grandi successi in occasione della finale di Coppa Davis 2019 e ha pubblicato lo scorso novembre l’album live “Shakira In Concert: El Dorado World Tour”.

‘O Zulù dei 99 Posse, in tour con: “Quant’ ne vuo’ – 99 minuti live’”

Zulu99Live
Zulu99Live

Luca Persico in arte ‘O Zulù, frontman dei 99 Posse, è in tour con “Quant’ ne vuo’ – 99 minuti live’”: 99 minuti di concerto, 30 anni di musica e 15 dischi. L’ultimo – “Sono questo, sono quello – Quant’ ne vuo’’” (Musica Posse/Artist First)” – è pensato espressamente per fare da impalcatura e collante a questo live in 99 minuti, insieme a Donix e a Dj Spike, in cui i confini tra nuova produzione e repertorio si fanno labili.

E’ il meglio di ‘O Zulù in 27 riddims e 50 canzoni, tra inediti, medley, mash-up e remix dei 99 Posse per ballare al ritmo di una storia vissuta pericolosamente borderline, spesso contromano e sempre correndo.

Il set dal vivo dello storico artista napoletano è arrivato il 20 marzo anche nella metropoli multietnica per antonomasia, Londra, riempiendo di musica ed energia contagiosa il Brixton Jamm.

Le prossime date del tour di ‘O Zulù sono in Italia:
il 31 marzo al Codice a Barre di Foggia,
il 7 aprile allo spazio Kaos di Lumezzane (BS),
il 20 aprile ai Magazzini Fermi di Aversa (CE) e a Napoli al Mezzocannone
il 19 maggio.

Da venerdì 2 marzo è in radio “Il mio nome è Zulù”, il nuovo singolo anticipato dal videoclip con la regia di Gianluigi Sorrentino.

Integrazione e riscatto sociale sono i concetti cardine al centro del video con protagonista, insieme a ‘O Zulù, l’Afro Napoli United, esempio virtuoso di squadra di calcio multietnica composta da napoletani e migranti, appena promossa in Eccellenza con ben quattro giornate di anticipo dalla fine di campionato.

Nel video, che ha totalizzato finora più di 20.000 visualizzazioni online, c’è anche la tifoseria Brigata Spallatella, che sostiene i propri atleti mantenendo alti i valori dell’antirazzismo e antifascismo.

Il gioco del calcio, lo sport in generale è così strumento efficace non per combattere il razzismo, ma per costruire l’altro, anzi, l’unico mondo possibile: una società multiculturale che è già reale, è già la normalità dell’odierna civiltà.

SanremoYoung: la vincitrice

sanremoyoung-la-finale-vince-elena-manuele
sanremoyoung-la-finale-vince-elena-manuele

ELENA MANUELE, giovane cantante di soli 15 anni di origine siciliana, è la vincitrice della prima edizione di SANREMOYOUNG, il teen talent RAI condotto da Antonella Clerici, in onda live dal 16 febbraio su Rai1 dal Teatro Ariston di Sanremo.

La FINALISSIMA di ieri sera ha appassionato il pubblico in studio e a casa e ha conquistato il prime time televisivo con quasi il 20% di share – pari a 4 milioni 277 spettatori – e i Social, posizionandosi al primo posto dei programmi più commentati nella fascia prime time con oltre 178mila interazioni.

ELENA, la vincitrice di questa prima edizione ha debuttato nella prima puntata di SANREMOYOUNG interpretando il brano “La Cura” di Franco Battiato. Nel terzo appuntamento, superando lo “SHOWDOWN”, è passata alla finale del 14 marzo, serata dedicata ai duetti, in cui si è esibita insieme a Marco Masini, accompagnandosi al pianoforte sulle note di “Ci vorrebbe il mare”, uno dei classici senza tempo del repertorio dell’artista toscano, suscitando grande emozione anche nell’orchestra.

Per l’ultimo imperdibile appuntamento di ieri sera, ELENA ha duettato, con una delle voci più suggestive della musica leggera, Gino Paoli, cantando un medley delle sue canzoni più famose, “Una lunga storia d’amore” e “Il cielo in una stanza”, brani che hanno fatto la storia della musica italiana.