Anteo Palazzo del Cinema: rassegna Sigmund Freud – tra cinema e teatro

miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema
miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema

Al via lunedì 5 febbraio all’Anteo Palazzo del Cinema
la rassegna SIGMUND FREUD – Tra cinema e teatro

Un percorso, attraverso il cinema, per avvicinarsi a Freud

La rassegna, organizzata da Piccolo Teatro di Milano e Anteo Palazzo del Cinema, in collaborazione con Intesa San Paolo, propone una selezione di titoli dal forte legame con le tematiche psicanalitiche. Come spiega Maurizio Porro, curatore della rassegna, «tutto il cinema confina con la psicanalisi, Billy Wilder prima di partire per Hollywood tentò non a caso di intervistare Freud: la cinepresa, rispetto al teatro che allora non aveva gli effetti speciali, era l’arma nuova.»

Serata speciale lunedì 12 febbraio: la proiezione del film 8 e mezzo sarà introdotta da un breve intervento di Maurizio Porro e Fabrizio Gifuni, protagonista dello spettacolo in scena al Piccolo Teatro di Milano Freud o l’interpretazione dei sogni.

PROGRAMMA

Lunedì 5 febbraio 2018
ore 19.30 – Freud – Passioni segrete
di John Huston, 1962 – 120’
ore 22.10 – A Dangerous Method
di David Cronenberg, 2011 – 99’

Lunedì 12 febbraio 2018
ore 19.30 – 8 e mezzo
di Federico Fellini, 1963 – 138’
La proiezione sarà introdotta da un saluto in sala di Fabrizio Gifuni e Maurizio Porro
ore 22.00 – Hollywood Ending
di Woody Allen, 2002 – 112’

Lunedì 19 febbraio 2018
ore 19.30 – L’eclisse
di Michelangelo Antonioni, 1962 – 126’
ore 21.50 – Melancholia
di Lars von Trier, 2011 – 130’

Lunedì 26 febbraio 2018
ore 19.30 – La donna che visse due volte
di Alfred Hitchcock, 1959 – 128’
ore 21.50 – L’uomo che non c’era
di Joel Coen e Ethan Coen, 2001 – 116’

Lunedì 5 marzo 2018
ore 19.30 – Teorema
di Pier Paolo Pasolini, 1968 – 98’
ore 21.30 – Il fascino discreto della borghesia
di Luis Buñuel, 1972 – 105’

Lunedì 12 marzo 2018
ore 19.30 – Che fine ha fatto Baby Jane?
di Robert Aldrich, 1962 – 134’
ore 21.50 – Volver
di Pedro Almodóvar, 2006 – 120’

Biglietto singolo: Intero € 9/ Ridotto € 6,5 (under 26, over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)
Abbonamento 4 proiezioni: Intero € 15/ Ridotto € 12 (under 26 e over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)

SPECIALE CINEMA + TEATRO: presenta all’Anteo il biglietto dello spettacolo Freud o l’interpretazione dei sogni: potrai acquistare i biglietti o l’abbonamento per i film a prezzo ridotto. Oppure presenta al Piccolo Teatro il biglietto dei film: potrai acquistare il biglietto per Freud o l’interpretazione dei sogni a prezzo ridotto.

Per info e acquisto biglietti: www.spaziocinema.info

Giovedì degli Amici del Piccolo

Giovedì 24 maggio nuovo appuntamento con i ‘Giovedì degli Amici del Piccolo’.
Nel Chiostro di via Rovello, alle ore 17.30, Giulia Lazzarini, Maurizio Porro, Stella Casiraghi, Lanfranco Licauli, insieme agli universitari milanesi, parleranno del “Piccolo – 65 anni (ma non li dimostra). Il pubblico di oggi e di domani”.

Sarà presente il direttore del Piccolo Teatro, Sergio Escobar.
L’ingresso è libero.

Incontro con Valentina Cortese

 

Grande ritorno di Valentina Cortese nel “suo” Piccolo Teatro per un’occasione unica: l’uscita del libro Quanti sono i domani passati (Mondadori), nel quale l’“ultima Diva” si spoglia degli abiti di scena e si racconta.

L’incontro con la grande attrice si terrà mercoledì 11 aprile alle 20,30 al Piccolo Teatro Studio Expo, via Rivoli, 6 – Milano (Fermata M2 Lanza). A conversare con lei Lina Sotis e il critico cinematografico Maurizio Porro. Interverranno per un saluto il direttore del Piccolo, Sergio Escobar, e l’assessore Stefano Boeri. La serata, che prevede anche letture e proiezioni di spezzoni di film, è promossa dal Piccolo Teatro e da Mondadori in collaborazione con il Comune di Milano, Assessorato Cultura, Moda e Design, ed è a cura di Stefano de Luca.

Come ritirare i biglietti gratuiti

L’ingresso è gratuito con ritiro del biglietto e assegnazione del posto, fino ad esaurimento delle disponibilità. I biglietti possono essere ritirati alla biglietteria del Piccolo Teatro Strehler, Largo Greppi, tutti i giorni dalle 9,45 alle 18,45, domenica dalle 13,00 alle 18,30.

 

Il Libro

Valentina Cortese

quanti sono i domani passati

Mondadori  –   in libreria da aprile 2012

 “Sono un’attrice vecchio stile, con la voce flautata. Nella vita, lo so, cerco di fare il clown, cerco di tenermi questa etichetta che mi hanno messo addosso della diva un po’ evanescente, e che in fondo mi va bene, mi protegge e mi fa comodo.” Così si descrive Valentina Cortese, un mito del teatro e del cinema di tutto il mondo. Una grande attrice, come forse non ce ne sono più. Un’artista che ha perseguito gli ideali di grazia e bellezza: “A essi, come a me stessa, voglio restare fedele. Io mi dissocio dal presente distratto che non vede le cose essenziali. Non aderisco alla bruttezza e alla volgarità, perché non posso.” Ma Valentina, tolti gli abiti di scena, è soprattutto una donna, con la sua gioia e la sua disperazione di vivere. “Io amo la vita anche se la vita spietatamente ci scaraventa là, così, subito, brutalmente nel caos.” E la sua vita, raccontata in questo libro, sembra quasi una favola hollywoodiana, che inizia allo scoccare del nuovo anno in una Milano d’altri tempi, per passare alle rive dell’Adda imbiancato, fino a Torino, Roma, Cinecittà, Hollywood, e poi al palcoscenico del Piccolo Teatro. Una storia di grandi amori con uomini altrettanto grandi: Victor de Sabata, Giorgio Strehler; di incontri e amicizie straordinarie: da Fellini a Marilyn Monroe, da Truffaut ad Alda Merini.

Collana                                                                Ingrandimenti

Pagine                                                                    204

Prezzo                                                                    17,00 euro