Nota di Atm su frenata emergenza M2

M2 stazione Loreto
M2 stazione Loreto

Questa mattina, intorno alle 7.45, un treno della linea M2 che viaggiava tra Piola e Loreto ha attivato la frenata di sicurezza. A seguito della frenata, alcune persone sono cadute e sono state soccorse dal 118.
A quello che risulta ad Atm, una persona è stata trasportata al Niguarda in codice rosso, due sono state medicate sul posto e altre due trasportate in codice verde.

Dalle prime ricostruzioni, il sistema è entrato in funzione perché il treno stava viaggiando ad una velocità superiore rispetto a quella consentita in quella tratta specifica e in quelle condizioni di esercizio, e quindi, per motivi di sicurezza, si è correttamente attivata automaticamente la frenata di emergenza.

La circolazione è stata interrotta tra Cimiano e Caiazzo per circa un’ora per consentire le operazioni di soccorso che sono avvenute a bordo del treno. Sulla tratta sospesa è stato istituito un servizio di bus sostitutivi.

Atm si scusa per il disagio.

Comune Milano – Regione Lombardia: potenziamento trasporto pubblico locale

Autobus Atm Milano
Autobus Atm Milano

Nuovi fondi addizionali per il potenziamento del trasporto pubblico locale sono stati definiti oggi dal Comune di Milano e Regione Lombardia nel corso di un incontro che si è tenuto a Palazzo Marino, presenti il Sindaco Giuseppe Sala e il presidente Roberto Maroni.

L’impegno delle istituzioni rappresenta un importante passo verso l’avvio e il completamento di opere che consentiranno di potenziare il trasporto pubblico di Milano e dell’area metropolitana, in particolare da Monza e Assago, alleggerendo così l’entrata delle auto private dei city users all’interno della città.

I principali interventi:

Linea M1: verranno riattivati i cantieri per il prolungamento della tratta Sesto Fs-Monza Bettola.

Linea M5: verrà avviato lo studio di fattibilità e l’analisi costi-benefici del prolungamento della ‘lilla’ verso Monza, premessa necessaria alla fase progettuale finanziata col Patto per Milano.

Linea M2 Famagosta-Assago: sarà garantita la copertura dei costi di realizzazione delle nuove alberature nell’area Cantalupa e dei tornelli aggiuntivi.

Rinnovo del parco autobus: grazie ai fondi governativi e regionali, Milano potrà continuare nel ricambio dei mezzi di superficie.

Atm: Piano rinnovo scale mobili

scale mobili
scale mobili

Prosegue il piano di rinnovo delle infrastrutture di accesso alla metropolitana.

Da domenica 10 luglio gli interventi programmati riguarderanno la stazione di Moscova M2 con la sostituzione completa di 6 scale mobili.

 Per consentire i lavori, i treni della linea M2 non effettueranno la fermata di Moscova, in entrambe le direzioni, fino al 10 settembre 2016. Si consiglia quindi di utilizzare la stazione limitrofa di Lanza. Per raggiungere Moscova da Lanza è possibile utilizzare le linee tranviarie 2-4-12-14 fino a piazza Lega Lombarda.

 L’intervento è necessario poiché le scale mobili di Moscova M2 risalgono alla fine degli anni ’70 e hanno superato il loro ciclo di vita tecnica.  Per consentire i lavori si rende necessaria la chiusura completa della stazione in quanto la soppressione anche di una sola coppia di impianti non rispetterebbe i parametri di sicurezza con i moduli di evacuazione previsti per legge.

In alternativa, a causa della conformazione delle scale mobili accoppiate presenti in stazione, sarebbe stato necessario intervenire prima su tutte le strutture di una banchina, chiudendone completamente l’accesso, e poi sull’altra.

In questo modo i lavori avrebbero avuto una durata doppia con un maggior disagio prolungato ai passeggeri. I tecnici lavoreranno senza sosta per rispettare i tempi del cronoprogramma e per concludere i lavori in concomitanza con la riapertura delle scuole.

 Grazie all’impegno di Atm, dal 2013 l’Azienda – che non è proprietaria delle infrastrutture – ha sostituito integralmente ben 61 scale mobili su tutta la rete metropolitana. Con l’intervento di Moscova, gli impianti totalmente sostituiti saranno 67. L’Azienda ha assunto l’impegno di risolvere alla radice il problema, rimediando ai numerosi guasti che negli anni, a causa delle vetustà delle scale, avevano creato disagi agli utenti.

I lavori a Moscova rientrano nell’ambito di un appalto più ampio che prevede la fornitura di 30 scale mobili in metrò, a seguito di una gara con evidenza pubblica. Con il completamento del piano di rinnovo, i passeggeri potranno contare complessivamente su 91 nuovi impianti in metropolitana.

I passeggeri saranno informati già a partire da oggi attraverso un piano straordinario di informazione, che prevede annunci in metropolitana e sui mezzi in superficie, info sul sito web Atm e sul canale Twitter dell’Azienda @atm_informa, messaggi sui monitor presenti in banchina e nelle stazioni e sulle paline e pensiline alle fermate di bus e tram.

Saranno presenti assistenti alla clientela all’ingresso della stazione di Moscova, nei primi giorni della chiusura, per dare informazioni ai passeggeri indicando loro le modalità alternative di viaggio.

Atm: 15 Nuovi treni “Leonardo” per la Linea Verde

Leonardo-Atm- M2
Leonardo-Atm- M2

109 milioni di euro per l’acquisto di 15 nuovi treni Leonardo per la M2. E’ questo il nuovo investimento che il presidente di Atm, Bruno Rota, ha presentato ieri, 29 marzo. Un impegno che l’Azienda porta  avanti interamente con risorse proprie, cioè in autofinanziamento.

Rota ha anche dato qualche anticipazione sui primi risultati del bilancio 2015,  che verrà approvato dal Consiglio di amministrazione dell’azienda venerdì prossimo: “L’ultimo esercizio, il 2015, si chiuderà con un Mol (margine operativo lordo) di ben 163 milioni, a fronte di 120 milioni del 2014”. Nel 2011 il Mol era di 97 milioni.

I nuovi 15 treni rientrano nell’accordo quadro vigente con Hitachi Rail Italy che prevede la possibilità di acquistare fino a 60 treni. Atm ha quindi la facoltà di acquistare alle medesime condizioni economiche ulteriori 30 treni (che si aggiungono ai 30 già acquistati e dei quali 25 – 15 per la M1 e 10 per la M2 – sono già in linea) e ha esercitato l’opzione per ulteriori 15 treni Leonardo.

La fornitura dei nuovi 15 convogli per la M2 inizierà a fine 2017. Il primo dei 15 sarà in funzione a inizio 2018, l’ultimo arriverà nei depositi Atm ad agosto 2018 e sarà in linea a fine 2018. Questa nuova fornitura consentirà di sostituire i treni più obsoleti e di abbassare la vita media del parco mezzi della M2 da 27 a 16 anni.

“Un motivo di grande soddisfazione – ha detto Rota – frutto della gestione di questi anni che ha portato a risultati molto significativi, concreti e misurati”.

“Dalla spending review, alla politica per gli acquisti (gare ad evidenza pubblica aumentate di più del 40% nel 2014), uniti a numerosi interventi di ottimizzazione hanno consentito oggi di fare questi importanti investimenti che miglioreranno nettamente il confort dei viaggiatori della linea verde, una linea che – ha concluso il presidente Atm – è sempre più strategica per la mobilità milanese”.

In servizio anche il primo treno Leonardo con livrea tutta verde

leonardo livrea verde

Dal 1° Dicembre è entrato in servizio il primo treno Leonardo con livrea verde metallizzata e finiture bianche.

Questo di colore verde è il terzo convoglio operativo su M2, nell’ambito della fornitura dei nuovi 10 treni destinati a questa linea della metropolitana secondo una tabella di marcia rispettata puntualmente dalla consegna ai collaudi fino all’entrata in esercizio.

Gli altri due mezzi già in circolazione sono di colore nero con profili verdi (il primo è stato immesso in servizio il 4 novembre scorso).

Il finanziamento di 220 milioni di euro con cui sono stati acquistati i 30 nuovi treni, 20 destinati alla M1 e 10 alla M2, è interamente a carico di ATM che si avvale di un mutuo acceso con la BEI (Banca Europea degli Investimenti) coperto da una garanzia del Comune di Milano.

Per Natale saranno sei i nuovi Leonardo in servizio sulla M2 mentre il decimo e ultimo treno della fornitura per la linea 2 entrerà in servizio entro fine febbraio 2016.

I treni sono composti da 6 carrozze completamente comunicanti tra loro, per una lunghezza complessiva di 107 metri e una capacità di 1.232 passeggeri; 90 km/h la loro velocità massima, con strutture irrobustite e carrelli studiati per garantire una marcia silenziosa. È stato installato un impianto di climatizzazione integrale estate/inverno ed è presente una illuminazione a Led. Le pareti sono dotate di una speciale pellicolatura resistente agli atti vandalici. È stata inoltre prevista la predisposizione a connettività Wi-Fi. Gli azionamenti sono ad inverter, capaci di garantire, rispetto ai vecchi treni, minori consumi energetici fino al 25%.