La Scala: concerti in streaming

Maisky Mischa (@Bernard Rosenberg)
Maisky Mischa (@Bernard Rosenberg)

I quattro concerti da camera straordinari con cui la Scala riapre le porte tra il 6 e il 15 luglio saranno ripresi a cura di IULM e trasmessi in diretta gratuita sul sito del Corriere della Sera e sui canali Facebook e YouTube del Teatro.

Dal 6 luglio per quattro serate il pubblico potrà ritrovare il Teatro alla Scala per altrettanti concerti straordinari in attesa della ripresa autunnale con il Requiem diretto da Riccardo Chailly. L’ordinanza della Regione Lombardia dello scorso 12 giugno ha infatti consentito di predisporre un nuovo protocollo per accogliere nel rispetto delle norme di sicurezza fino a 600 spettatori: un numero che non rende la programmazione economicamente sostenibile ma costituisce un passo avanti importante verso la normalità.

Alla capienza del Teatro si aggiunge la platea virtuale dello streaming: non sostitutivo, ma complementare dell’insostituibile esperienza dal vivo: i concerti saranno trasmessi in diretta streaming su www.corriere.it e sui canali Facebook e Youtube del Teatro. Le riprese saranno realizzate dallo IULM che da oltre dieci anni collabora con la Scala: gli studenti del corso di laurea in Cinema, Televisione e New Media (preside il Rettore Gianni Canova) coordinati dai loro professori insieme alla Redazione web scaligera realizzano trailer e contenuti video sugli spettacoli del Piermarini.

La trasmissione dei 4 concerti su www.corriere.it rinnova il rapporto sempre vivo di collaborazione tra RCS e Teatro alla Scala e prosegue il cammino intrapreso con lo streaming dei concerti della Filarmonica nei cortili milanesi lo scorso 26, 27 e 28 giugno in una prospettiva di documentazione e condivisione della rinascita della vita musicale a Milano dopo l’emergenza sanitaria.

I concerti

Lunedì 6 luglio 2020, ore 20

Luca Salsi, baritono – Beatrice Rana, pianoforte – Mischa Maisky violoncello. I “Sonetti del Petrarca” di Liszt sono al centro di un programma che spazia da un lato nel repertorio cameristico romantico con la più affermata pianista italiana e una leggenda del violoncello, dall’altro in alcune delle più celebri arie d’opera per baritono affidate a uno dei cantanti più apprezzati nelle recenti stagioni scaligere.

Mercoledì 8 luglio 2020, ore 20

Federica Lombardi, soprano – Francesco Meli, tenore ​- Giulio Zappa, pianoforte – Patricia Kopatchinskaja, violino – Joonas Ahonen, pianoforte. Un altro programma sospeso tra grande repertorio operistico e musica da camera in cui il tenore verdiamo per eccellenza Francesco Meli (che interpreterà tra l’altro arie da Un ballo in maschera e Luisa Miller) divide il palcoscenico con la sempre più affermata Federica Lombardi (impegnata nella seconda aria di Donna Anna) e il violino di Patricia Kopatchinskaja, tra le musiciste più originali e interessanti  dei nostri anni, che eseguirà la Sonata a Kreutzer di Beetheven.

Lunedì 13 luglio 2020, ore 20

NUOVE VOCI ALLA SCALA

Con gli ex allievi dell’Accademia e vincitori di concorsi di canto italiani: Irina Lungu, Federica Guida, Caterina Sala, Szilvia VörösRaffaele AbeteFabio CapitanucciJongmin Park.

Michele Gamba, pianoforte. Uno sguardo al futuro che riunisce ex allievi che hanno ormai realizzato carriere internazionali e giovanissimi che si affacciano ai concorsi e alle prime esperienze di palcoscenico, ma anche una carrellata di arie celebri da “O don fatale” all’aria della Regina della notte. Tiene le fila Michele Gamba, che alla Scala ha da poco diretto L’elisir d’amore e che qui torna all’originale vocazione pianistica.

Mercoledì 15 luglio 2020, ore 20

LA SCALA DA CAMERA

Strumentisti della Filarmonica in concerto. Nei giorni scorsi hanno riempito di musica i cortili di Milano: ora i professori d’orchestra tornano per la prima volta al Piermarini con un programma cameristico che suona come un emozionante arrivederci all’autunno. Sui leggii pagine di Debussy, Mozart, Gounod, le Quattro stagioni di Vivaldi con Laura Marzadori e un omaggio degli Ottoni scaligeri a Nino Rota.

 

 

 

 

 

 

 

 

La Scala si racconta sui Social

Teatro alla Scala
Teatro alla Scala

Dal M° Chailly ai lavoratori del Teatro, dai ballerini a Dominique Meyer che intervista Flórez
e Alessandra Ferri, la Scala si racconta sui social.

Da domani sabato 23 maggio il palinsesto delle attività sui social media del Teatro alla Scala si arricchisce di nuovi appuntamenti, dalla presentazione dei Mestieri dell’Opera ai podcast di approfondimento con i grandi Maestri a cura di Luca Ciammarughi, fino all’esplorazione dei passi di danza con i ballerini su Instagram e ai video dei Concerti per i bambini la domenica. Le Conversazioni sul Teatro del Sovrintendente Meyer continuano con due grandi protagonisti: Juan Diego Flórez e Alessandra Ferri.

Nelle settimane di chiusura forzata della Sala il Teatro alla Scala ha moltiplicato le iniziative online: accanto alla condivisione di 30 titoli di opera e balletto su RaiPlay e di oltre 259.000 immagini dagli archivi del Teatro su Google Arts and Culture, i social media scaligeri hanno offerto notizie, curiosità e approfondimenti. Da domani, sabato 23 maggio, il calendario social si arricchisce di nuovi appuntamenti cui hanno partecipato il Direttore Musicale Riccardo Chailly, il Sovrintendente Dominique Meyer, la spalla Francesco De Angelis, i primi ballerini Claudio Coviello e Nicoletta Manni, il maestro collaboratore Paolo Spadaro e ospiti come Daniele Gatti, Juan Diego Flórez, Alessandra Ferri, Alex Esposito. Di seguito il calendario.

Da sabato 23 maggio, YouTube: “Prima la musica”.
Il podcast, contenuto solo audio che può essere fruito in qualsiasi momento, è senza dubbio il format che permette il maggior livello di approfondimento. Il Teatro ha affidato al pianista e critico musicale Luca Ciammarughi una serie di interviste di mezz’ora ciascuna con i protagonisti della musica e del Teatro che verranno pubblicate ogni sabato e mercoledì a partire dalle 9:00 sul canale YouTube del Teatro alla Scala. La prima puntata, disponibile da domani, è una conversazione con il M° Riccardo Chailly che ripercorre problemi testuali e varianti delle opere pucciniane facendo il punto sul progetto di esecuzioni scaligere culminato con Tosca lo scorso 7 dicembre.
Mercoledì 27 il basso Alex Esposito, che è stato Selim per un solo giorno nel Turco in Italia le cui rappresentazioni sono state interrotte dalla pandemia, racconterà le sue interpretazioni di Rossini e Mozart alla Scala.
Sabato 30 il M° Daniele Gatti ripercorrerà il suo cammino scaligero tra Verdi e Wagner, con particolare riferimento alle opere che abbiamo rivisto in questi giorni grazie alla Rai.

Da lunedì 25 maggio, Facebook: “I mestieri dell’Opera”.
Uno spettacolo alla Scala è una creazione collettiva cui partecipano centinaia di artisti e professionisti in buca, in scena, dietro le quinte, nei camerini e nei laboratori. I nuovi appuntamenti dei social scaligeri vogliono dare voce a tutti questi lavoratori, ora forzatamente inoperosi, di cui non tutti conoscono il livello di professionalità e specializzazione. Lunedì 25 la pagina Facebook del Teatro pubblicherà il primo contributo, dedicato a Francesco De Angelis che spiegherà storia e funzione del violino di spalla, mentre giovedì 28 Paolo Spadaro parlerà del lavoro del maestro collaboratore.

Martedì 26 maggio, Facebook. “Conversazioni sul Teatro”
Continuano alle 14:00 le conversazioni tenute dal Sovrintendente Dominique Meyer che intervisterà uno dei cantanti più amati del nostro palcoscenico, il tenore Juan diego Flórez. Venerdì 29 alla stessa ora tornerà la grande danza con l’étoile Alessandra Ferri.

Mercoledì 27, Instagram. Claudio Coviello inaugura il ciclo “A passi di danza con i ballerini della Scala”: ciascun ballerino spiega un passo mostrandone l’esecuzione dal vivo e nei video degli allestimenti scaligeri di alcuni grandi balletti. Prossima protagonista sarà Nicoletta Manni.

Domenica 31, Facebook. La domenica alle 10 del mattino arrivano i “Concerti per famiglie” con gli ensemble strumentali della Scala. I video dei concerti dedicati ai bambini e alle loro famiglie dagli strumentisti scaligeri coadiuvati da volti noti dello spettacolo sono trasformati in contributi di circa 10 minuti in cui a ogni brano è associata una breve introduzione. Si comincia con l’Ensemble Barocco della Scala che esegue la Sinfonia per archi in re maggiore di Vivaldi con l’introduzione di Gioele Dix. Un link nel post permette di scaricare la guida all’ascolto illustrata.

 

La Scala su Rai 5

431463TAN Daniela Dessì Sergej Larin ph Andrea Tamoni © Teatro alla Scala
431463TAN Daniela Dessì Sergej Larin ph Andrea Tamoni © Teatro alla Scala

La Scala su Rai 5

Venerdì 15 maggio
Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea
con Daniela Dessì e Sergej Larin

Rai 5

Venerdì 15 maggio 2020
ore 10

ADRIANA LECOUVREUR di Francesco Cilea

Direttore Roberto Rizzi Brignoli, regia di Lamberto Puggelli, scene di Paolo Bregni, costumi di Luisa Spinatelli. Con Daniela Dessì (Adriana Lecouvreur), Sergej Larin (Maurizio, Conte di Sassonia), Olga Borodina (Principessa di Bouillon), Giorgio Giuseppini (Principe di Bouillon), Mario Bolognesi (Abate di Chazeuil), Carlo Guelfi (Michonnet), Ernesto Gavazzi (Poisson), Marco Camastra (Quinault), Adelina Scarabelli (M.lle Jouvenot), Annamaria Popescu (M.lle Dangeville).
Orchestra, Coro e Corpo di Ballo del Teatro alla Scala. Teatro alla Scala, 2000.

Venerdì 15 maggio alle ore 10 Rai Cultura trasmette su Rai 5 l’opera Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea, nell’allestimento andato in scena nel 2000 sotto la direzione di Roberto Rizzi Brignoli, protagonista Daniela Dessì. La regia è firmata da Lamberto Puggelli.
Adrienne, stella della “comédie française”, morì nel 1730, forse avvelenata. Eugène Scribe e Ernest Legouvé ne fecero la protagonista di un dramma teatrale a cui Cilea si ispirò per narrarne la vicenda d’amore, fatta di rivalità e gelosie. Il compositore commentò così il soggetto: “la varietà dell’azione…, la fusione della commedia e del dramma nella cornice dell’ambiente settecentesco, il passionale amore della protagonista toccarono il mio cuore e accesero la mia fantasia”. La prima assoluta, nel 1902 al Teatro Lirico di Milano con Angelica Pandolfini ed Enrico Caruso, ebbe un grande successo.
Un caloroso successo accolse anche Daniela Dessì al debutto come Adriana, al fianco di Sergej Larin, in questa edizione scaligera del 2000. Il ruolo divenne uno dei suoi preferiti e lo riprese alla Scala nel 2007.

La Scala su Rai 5

Il turco in Italia - Devia e Pertusi 373926PDN ph Pietro Diotti
Il turco in Italia – Devia e Pertusi 373926PDN ph Pietro Diotti

La Scala su Rai 5

Venerdì 8 maggio 2020

ore 10 circa

Gioachino Rossini, IL TURCO IN ITALIA

Direttore Riccardo Chailly, regia di Giancarlo Cobelli, scene e costumi di Paolo Tommasi. Con Mariella Devia (Fiorilla), Michele Pertusi (Selim), Alfonso Antoniozzi (Don Geronio), Roberto de Candia (Prosdocimo), Paul Austin Kelly (Don Narciso).

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Dal Teatro Ponchielli di Cremona, 1997

ore 17.15 circa

Richard Strauss, ELEKTRA

Direttore Semyon Bychkov nell’allestimento firmato da Luca Ronconi con le scene di Gae Aulenti e i costumi di Giovanna Buzzi. Con Deborah Polaski (Elektra), Anne Schwanewilms (Chrysothemis), Felicity Palmer (Klytämnestra), Robert Brubaker (Ägysth), Alfred Walker (Orest).

Orchestra del Teatro alla Scala

Dal Teatro degli Arcimboldi, 2005