“IMAGinACTION”: Annunciati i primi ospiti del festival

Elisa
Elisa

Manca un mese alla terza edizione di “IMAGinACTION”, il primo festival internazionale del videoclip che si terrà al Teatro Alighieri di Ravenna l’11, il 12 e 13 ottobre con straordinari ospiti italiani e internazionali.

I primi nomi annunciati sono FRANCESCO GUCCINI, ELISA, ALESSANDRA AMOROSO e TIROMANCINO!

Francesco Guccini sarà ospite della serata del 12 ottobre dove si racconterà ripercorrendo la carriera attraverso le sue canzoni e i suoi libri. Verrà presentato in anteprima il video clip de “L’avvelenata” diretto da Stefano Salvati, per il ciclo “Capolavori Immaginati”. Il progetto “Capolavori immaginati” è nato con l’idea di realizzare in ogni edizione di “IMAGinACTION” alcuni videoclip di brani che hanno fatto la storia della musica italiana, ma che non hanno mai avuto un video ufficiale, grazie alla professionalità di Stefano Salvati.

Sempre il 12 ottobre, un altro ospite importante del mondo della musica sarà Elisa. L’artista, attraverso i video che hanno segnato la sua carriera, ripercorrerà quel percorso eclettico che le ha permesso di spaziare in maniera unica e vincente dall’inglese all’italiano, dall’elettronico all’acustico: caratteristiche distintive che l’hanno portata a cantare e doppiare nel film Disney record d’incassi “Il Re Leone” e ad annunciare, dopo 50 date nei teatri, una nuova tournée nei palasport in partenza a novembre 2019.

Alessandra Amoroso salirà sul palco del Teatro Alighieri l’11 ottobre e si racconterà al pubblico partendo dalle immagini che rappresentano il suo percorso musicale.

Infine il 13 ottobre arriva Federico Zampaglione, che con la sua sensibilità artistica e versatilità ha guidato i Tiromancino dall’esordio. Tra grandi successi e nuove avventure musicali, Federico con i suoi show in lungo e largo in Italia continua a regalare al grande pubblico spettacoli imperdibili e sempre ricchi di sorprese e novità. Cantautore, autore, regista, è sicuramente tra i protagonisti più importanti della scena artistica italiana.

Anche quest’anno, tutti gli appuntamenti saranno a ingresso gratuito, ogni sera a partire dalle ore 20.00.

“IMAGinACTION” in collaborazione con le tre associazioni FIMI, AFI E PMI, ha inoltre indetto il prestigioso PREMIO PER IL MIGLIOR VIDEOCLIP ITALIANO 2018-2019 (periodo di riferimento giugno 2018 – luglio 2019). Una giuria di giornalisti ed esperti del settore decreterà il videoclip vincitore, che verrà premiato a Ravenna durante il festival.

Invece, novità della 3ª edizione rivolta ai ragazzi che sognano di lavorare nel mondo dei videoclip, è il concorso YOUNG IMAGinACTION AWARD lanciato grazie alla collaborazione con BPER Banca. Le iscrizioni sono aperte fino al 1° ottobre.
Possono partecipare i giovani dai 14 ai 35 anni presentando un videoclip edito o inedito di una canzone (durata minima 90 secondi).

Sono previsti due vincitori, uno per la categoria under 18, a cui verrà data la possibilità di partecipare attivamente sul set alla realizzazione di un video musicale del regista Stefano Salvati, e uno per la categoria over 18, che avrà in premio una telecamera.
Al seguente link è possibile consultare il regolamento completo del concorso: https://www.imaginactionvideoclipfestival.com/young-imaginaction-award/

“IMAGinACTION” è realizzato con il patrocinio del Comune di Ravenna e della Camera di Commercio di Ravenna e il sostegno della Regione Emilia-Romagna.
In collaborazione con La Voce Artistica, responsabile scientifico Prof. Franco Fussi, Corso Internazionale di Foniatria e Logopedia.
Media partner dell’evento: RTL 102.5 e Billboard Italia.
Sponsor della nuova edizione BPER Banca

“Creuza de Mao”

coverlibro
coverlibro

“CREUZA DE MAO” è il titolo del libro scritto da ZHANG CHANGXIAO, in arte SEAN WHITE, scrittore di origine cinese, e sono oltre 100.000 le copie vendute in Cina di questo primo libro scritto in cinese dedicato alla musica e ai cantautori italiani!

«Se riesci a fare della tua passione il tuo lavoro sei l’uomo più felice del mondo. E se ti impegni davvero ci riesci, anche se può sembrare qualcosa di assurdo – afferma Sean – Tipo un cinese che si innamora di De André».

Il libro, uscito in Cina nel 2015, è un sincero e appassionato omaggio alla musica italiana e ai suoi cantautori, raccontati dall’autore ai suoi connazionali. L’amore per la musica cantautorale è scattato in Sean dopo aver ascoltato un brano di De André: da quel momento ha scoperto il mondo del cantautorato italiano e se ne è appassionato, al punto da decidere di introdurlo anche nel suo Paese, la Cina, dove si è rivelato un successo.

In “Creuza de Mao” Sean ha tradotto e spiegato alcuni brani dei cantautori più apprezzati del panorama musicale italiano, analizzandone lo stile musicale e i riferimenti stilistici. Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Francesco Guccini, Ligabue e Jovanotti sono solo alcuni tra i grandi nomi che Sean racconta nel suo libro.

Un’attenzione particolare viene rivolta a Fabrizio De André, al quale l’autore si è ispirato per il titolo del libro: il cantautore genovese è il filo conduttore di questo progetto che lega l’Italia alla Cina: il suo brano “Nella mia ora di libertà” è stato il primo a colpire l’attenzione di Sean, a fargli amare la musica cantautorale italiana e a spingerlo a diffonderla in Oriente.

“Creuza de Mao” sarà presto disponibile in Italia in versione tradotta e riaggiornata.

“Migranti”

cover migranti HQ
cover migranti HQ

A 6 anni dall’ultimo disco di inediti “L’ultima Thule”, da oggi in digitale un nuovo brano scritto da Francesco Guccini e musicato da Juan Carlos “Flaco” Biondini. La voce d’eccezione è quella di Enzo Iacchetti, che ha già avuto l’occasione di presentare “Migranti” dal vivo nel suo spettacolo teatrale “Libera Nos Domine”, affiancato da “I Musici”, la storica band che ha accompagnato Francesco Guccini nel corso della sua carriera.

“Migranti” sarà disponibile anche in vinile dal 21 aprile in occasione dell’undicesima edizione del Record Store Day, la festa dei negozi di dischi tradizionali, attesissimo appuntamento per gli appassionati di musica e per i collezionisti. Sul lato B del vinile, la versione di Enzo di “Libera Nos Domine”, tratta dal disco di Francesco Guccini del 1978, “Amerigo”.

Dice Enzo a proposito di questa pubblicazione “È un bel senso della vita per me incidere in un disco due canzoni di Francesco Guccini, una addirittura inedita. Un privilegio che in tanti non hanno avuto”.
Nel suo spettacolo teatrale Iacchetti affronta temi come progresso, amore, amicizia, emigrazione e religione, accompagnandoli con canzoni di Gaber, Jannacci e Faletti e dello stesso Guccini “perché nessuno li ha ancora battuti, per attualità, profondità, e senso della poesia”.

I MUSICI
Anche se Francesco Guccini non ha più intenzione di calcare i palcoscenici, i musicisti che l‘hanno accompagnato nel corso della sua carriera permettono alla sua musica di continuare a vivere anche dal vivo.
Le chitarre e la voce di Juan Carlos “Flaco” Biondini, il pianoforte di Vince Tempera, le percussioni, il sax e le tastiere di Antonio Marangolo ed il basso di Pierluigi Mingotti, con il batterista Ivano Zanotti ripercorrono nei loro concerti i più grandi successi del cantautore.

Premio Pierangelo Bertoli – Serata Finale

Premio Pierangelo Bertoli
Premio Pierangelo Bertoli

Si è svolta sabato 11 novembre, al Teatro Storchi di Modena esaurito in ogni ordine di posti, la serata finale del PREMIO PIERANGELO BERTOLI, in collaborazione con BPER Banca. Durante lo spettacolo, condotto da Andrea Barbi, sono stati premiati Francesco Guccini, Simone Cristicchi, Tazenda e The Zen Circus. Questi 4 Artisti hanno tenuto a battesimo 8 giovani cantautori selezionati che si sono potuti esibire accompagnati dalla straordinaria Band di Marco Dieci.

FRANCESCO GUCCINI ha ricevuto il Premio Pierangelo Bertoli, dedicato ad un cantautore italiano che abbia una lunga comprovata carriera di successo con almeno 15 album all’attivo, preceduto da una performance di Alberto Bertoli che ha interpretato un medley con i più noti successi del cantautore modenese, ottenendo un applauso interminabile. Quando Francesco Guccini, al termine, è salito sul palco, il pubblico gli ha attribuito una vera e propria standing ovation. L’artista è stato poi omaggiato con un’opera dello scultore Dario Brugioni, e ha inoltre ricevuto, a sorpresa, da Alberto Bertoli e Riccardo Benini, direttori artistici del Premio, un salame, soddisfando una sua ironica richiesta espressa nei giorni scorsi in Radio.

Il cantautore SIMONE CRISTICCHI ha ritirato il Premio Pierangelo Bertoli “Italia d’oro” per la sua capacità di descrivere la situazione politico-sociale contemporanea e prospettica, e la sua interpretazione chitarra e voce di “Ti regalerò una rosa” e “L’ultimo valzer” ha commosso il pubblico presente.

I TAZENDA hanno ricevuto il Premio Pierangelo Bertoli “A muso duro” per essersi distinti nelle loro opere sui temi dell’anticonformismo e dell’indipendenza intellettuale; grande entusiasmo dalla platea per “Spunta la luna dal monte” eseguita con Alberto Bertoli.

Infine ai THE ZEN CIRCUS è stato conferito il riconoscimento Premio Pierangelo Bertoli “Per dirti t’amo” dedicato alla loro capacità di trattare il tema dell’amore anche sul piano universale.

Il Premio ha dedicato ampio spazio anche ai cantautori emergenti. L’11 novembre la pre-finale si è svolta tra 8 giovani artisti, di cui 4 sono arrivati in finale e hanno cantato un brano di Pierangelo Bertoli.

Questi i loro nomi: Salvario (Eppure soffia), Alessandro Zanolini (Chiama Piano), Pierpaolo Iermano (Non vincono), Livio Livrea (A muso duro).

Salvario ha vinto il Premio Nuovi Cantautori che grazie alla partnership con SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, consiste in un riconoscimento in denaro pari a € 3.000,00 oltre alla partecipazione a manifestazioni di prestigio collaterali, anche televisive, che si svolgeranno in Italia nel 2017. Hanno vinto anche Alessandro Zanolini il Premio UNEMIA/ACEP (del valore di € 2.000,00) e Livio Livrea la Targa Bertoli Fans Club. La collaborazione con il MEI Meeting Etichette Indipendenti e il Premio dei Premi daranno ancora più visibilità ai finalisti e alla loro musica permettendogli di esibirsi durante l’annuale ritrovo a Faenza (RA).

Si pensa già alla 6^ edizione del PREMIO PIERANGELO BERTOLI, dedicato al cantautore sassolese con il pieno appoggio della famiglia Bertoli! Nelle prossime settimane sarà infatti diffuso il Bando di Concorso – sezione Nuovi Cantautori – che darà il via alle iscrizioni per il 2017.

Guccini – “Se io avessi previsto tutto questo”

Guccini_Se Io Avessi_4CD_cover_b
Il 27 novembre esce “SE IO AVESSI PREVISTO TUTTO QUESTO – Gli amici, la strada, le canzoni” (Universal), la prima opera monumentale che racconta, attraverso inediti riscoperti, rarità, duetti, collaborazioni, grandi successi e live mai pubblicati prima d’ora, oltre quarant’anni di carriera di FRANCESCO GUCCINI a cui proprio in questi giorni è dedicato il Premio Tenco.

Un racconto in musica, un viaggio nella scrittura di uno dei nostri cantautori più rappresentativi, dal suo debutto ufficiale nel 1967 fino all’ultimo album studio del 2012. Un lavoro di ricerca e valorizzazione di un patrimonio musicale vasto e sfaccettato racchiuso in un cofanetto in due versioni, DELUXE e SUPER DELUXE:

Il cofanetto SUPER DELUXE si compone di un libro di 100 pagine con foto e note introduttive ai brani scritte dallo stesso Francesco e 10 CD: 5 CD con il “meglio in studio” arricchito da “Allora il mondo finirà”, brano inedito tratto dalle registrazioni del suo primo album Folk Beat n.1 del 1967 e una versione alternativa di “Eskimo” registrata nel 1978.

4 CD con il “meglio live”, registrazioni mai pubblicate prima d’ora tratte da alcuni dei suoi migliori concerti dal 1974 al 2010, tra cui emozionanti interpretazioni acustiche e il brano inedito “L’Osteria dei Poeti” registrato al Folk Studio di Roma nel 1974.

1 CD di rarità, duetti, collaborazioni e 2 brani strumentali per la prima volta su supporto digitale.

 Il BOX DELUXE racchiude una selezione della versione SUPER DELUXE e si compone di un libretto di 48 pagine ricco di fotografie e note introduttive ai brani scritte dallo stesso Guccini e 4 CD:  2 CD con una selezione del meglio “in studio” compreso l’inedito “Allora il mondo finirà” e una versione alternativa di “Eskimo” registrata nel 1978.

1 CD con quindici tracce dal vivo mai pubblicate prima compreso l’inedito “L’Osteria dei Poeti” ” registrato al Folk Studio di Roma nel 1974. 1 CD di rarità, duetti e collaborazioni e 2 brani strumentali per la prima volta su supporto digitale.

Francesco Guccini sarà inoltre protagonista in veste di scrittore grazie alla sua seconda riuscitissima vocazione.
Il 3 novembre uscirà, infatti, in libreria “UN MATRIMONIO, UN FUNERALE, PER NON PARLAR DEL GATTO” (Mondadori). Nel suo nuovo libro Guccini si conferma, ancora una volta, uno dei più interessanti cantori della nostra provincia e del nostro passato più autentico, raccontando in modo esilarante e a tratti malinconico, alcune delle figure e delle situazioni più strambe che ha incontrato nella sua lunga vita.

Il funerale del mitico Gigi dell’Orbo, il sarto sempre ubriaco, il tenore lirico appassionato di ciclismo, la contadina poetessa, l’uomo che era convinto di dover reggere il cielo diventano vere e proprie “istantanee” colme di ironia di un universo sempre sospeso tra Storia e leggenda.