Marian Trapassi, live a Milano

Marian Trapassi_foto di Giada Canu
Marian Trapassi_foto di Giada Canu

La cantautrice Marian Trapassi torna live a Milano domani, mercoledì 27 marzo, per uno showcase presso l’OPEN (Viale Monte Nero 6 – ore 18:30 – ingresso libero).

Il live, durante il quale Marian sarà accompagnata alla chitarra da Antonio Magrini, sarà presentato da Lucy Lanfranconi, speaker di L’altra radio su Radio Popolare. Lo showcase sarà un’occasione per ascoltare dal vivo i brani del nuovo album “Bianco”!

“Bianco”, è stato anticipato da “Futuro” e “Solo una parola”, singoli disponibili online in digitale e su tutte le piattaforme streaming. Prodotto da Paolo Iafelice per Adesiva Discografia e distribuito da Self, “Bianco” è un racconto di storie universali, che parlano attraverso metafore della vita e delle sue sfaccettature, e personali, cioè di momenti molto intimi, in cui la cantautrice si racconta.

“Bianco” segna un nuovo capitolo nella carriera artistica della cantautrice siciliana, ma milanese d’adozione: si distacca dai precedenti lavori e si impone con uno stile preciso e omogeneo, che va dal jazz, al blues, al folk, con 12 brani eleganti e raffinati negli arrangiamenti e nella scrittura. Musicalmente, l’album si ispira ai moderni chansonnier francesi e alle grandi cantautrici italiane e americane.

«Bianco è un album che è nato giorno per giorno, le canzoni sono state scelte con cura e sono quelle che oggi voglio assolutamente raccontare, perché avevo bisogno di tirarle fuori da me. – racconta Marian – Il titolo è nato da solo, dalla foto di copertina, che è stata scattata da Ray Tarantino, ancor prima di aver scelto come chiamare l’album. La parola “bianco” è ricorrente nei testi, ha tanti significati e simbologie e rimanda anche al famoso “White Album” dei Beatles, band con cui sono cresciuta, e che senza volere ha segnato la mia vita e nutrito il mio amore per la musica».

Grande Diabolik in edicola a Luglio

Grande diabolik 2-18
Grande diabolik 2-18

Speciale Il grande Diabolik in edicola dal 15 luglio

Il sangue del nemico
Che la storia del Re del Terrore sia scritta col sangue è cosa nota. Ma il sangue del nemico ha un colore particolare, e lascia macchie indelebili. Diabolik, Eva e Ginko se ne renderanno conto appena in tempo.

Esistono legami più forti di quelli di sangue. Si chiamano “amore”, ed è il caso di Diabolik e Eva; “onore”, ed è il legame tra Ginko e una collega; “rispetto” come quello – reciproco – tra l’ispettore e il Re del Terrore. Questa avventura li mette tutti in evidenza, e il dipanarsi della storia è condizionato dagli stessi, spesso senza che i personaggi ne siano pienamente coscienti.
Soggetto: A. Palmas, M. Gomboli e A. Pasini
Sceneggiatura: T. Faraci
Disegni: E. Barison
Copertina: M. Buffagni
196 pagine in bianco e nero, formato 16,5 x 21,0 cm., 5,40 euro

Inedito
in edicola dal 1 luglio 2018

La prova decisiva
Quando il generale Fabio Von Waller, zio di Altea, finisce in prigione con un’accusa infamante, inevitabilmente Ginko viene coinvolto nelle indagini. E, per motivi del tutto diversi, lo saranno anche Diabolik ed Eva.
Soggetto: M. Gomboli e A. Pasini
Da un’idea di M. Judica
Sceneggiatura: R. Altariva
Disegni: R. Nunziati e J. Brandi
Copertina: M. Buffagni

R 685
in edicola dal 10 luglio 2018
Anno XLIII (2004) n. 3

Idee rubate
La dottoressa Seaton ha scoperto che un fascio di luce, filtrato da una serie di diamanti particolari, è in grado di generare energia. Molti loschi individui sono interessati alla sua invenzione. A Diabolik, invece, interessano solo i diamanti…
Soggetto: D. Cajelli
Sceneggiatura: P. Martinelli
Disegni: S. Zaniboni e L. Merati
Copertina: S. e P. Zaniboni

Swiisss 290
In edicola dal 20 luglio 2018
Anno XIV (1975), n. 11

Al di sopra di ogni sospetto
Rampollo di una ricchissima famiglia, Bruno Steffer sembra avere tutto quello che si può desiderare. Eppure, un lato oscuro della sua vita lo porta ad architettare il crimine perfetto, certo di potersela cavare. Se non fosse per Eva.

Testi di A. e L. Giussani
Disegni: F. Vaccaro e G. Coretti

A Legnano il “Mind juggler” Francesco Tesei

Il mentalista
Il mentalista

«Ognuno di noi è molto più di ciò che pensa di essere e sa molto di più di ciò che pensa di sapere».
Da questa affermazione dello psichiatra americano Milton Erickson nasce “Mind juggler”, uno
spettacolo durante il quale Francesco Tesei trasforma le più moderne tecniche di mentalismo per
invitare il pubblico ad attingere alle risorse “magiche” dell’inconscio e ad esplorare il misterioso
mondo della mente.

Forte del successo riscosso proprio al Galleria due stagioni fa, Tesei torna con
uno spettacolo che porta il pubblico a realizzare che il proprio libero arbitrio non è poi così libero,
che ciò che si ritiene privato e personale è in realtà comune e condiviso, che dentro la mente esiste
un ordine segreto che regola il caos.

Musicista, illusionista e regista, Francesco Tesei ha iniziato giovanissimo a lavorare nel mondo
dello spettacolo, esibendosi 21enne sulle navi da crociera di tutta Europa. A partire dal 2005 ha
abbandonato l’illusionismo di stampo classico per cominciare ad esplorare forme più intime di
spettacolo. Formandosi al Milton Erickson di Torino ha affinato le tecniche di mentalismo che lo
hanno reso celebre in tutta Italia.

Oggi si divide tra apparizioni televisive, spettacoli teatrali e
interventi formativi sul tema della comunicazione.

Lo spettacolo, in programma venerdì 26 gennaio, avrà inizio alle 21. I biglietti sono in vendita a
partire da 23 euro e possono essere acquistati al Disco Store di piazza San Magno oppure sul
circuito TicketOne.
Informazioni

EIFFEL 65: ospiti di ’90 Special, lo show di Italia 1 condotto da Nicola Savino

Eiffel-65-01
Eiffel-65-01

Domani, mercoledì 17 gennaio, gli EIFFEL 65 calcheranno il palco di ’90 Special, il nuovo show condotto da Nicola Savino che celebra il mitico decennio attraverso tutto ciò che lo ha reso indimenticabile.

A partire dalle ore 21.00, in diretta, il programma ripercorrerà in un clima di grande festa i volti, la musica, i film, i telefilm, gli spot, i format tv, gli oggetti, le mode, le tendenze e i fatti di cronaca che hanno reso indimenticabile quel periodo.
I ’90 sono anche gli anni della dance music, non potrà quindi mancare la presenza del gruppo torinese che per l’occasione eseguirà un brano di quel periodo.

Breve biografia:

A fine anni ’90 il loro singolo “Blue” riesce ad ottenere risultati strabilianti: per numerose settimane il brano è primo nelle chart di vendita di quasi tutto il mondo, compresi l’irraggiungibile Inghilterra e gli Stati Uniti.

Inizia per gli Eiffel 65 un lungo periodo di impegni promozionali e concerti in tutto il mondo che li vede esibirsi a fianco dei più grandi nomi della musica mondiale e che li porterà ad essere presenti nelle televisioni, nelle radio e sui giornali più autorevoli. “Move your body” e successivamente “Too much of heaven” confermano il successo ottenuto dal loro brano d’esordio e faranno parte del loro fortunatissimo primo album “Europop”.

Franco Trentalance sul palco di Zelig Cabaret

franco trentalance
franco trentalance

Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma non avete mai osato chiedere…
Debutta lunedì 15 gennaio in prima nazionale sullo storico palco di Zelig Cabaret in viale Monza 140 “Il Sesso e la ricerca della Felicità”, il primo spettacolo dell’ex porno divo più invidiato d’Italia: Franco Trentalance.

Scritto da Franco Trentalance e Sergio Spaccavento, musicato dalla cantautrice Roberta Carrieri, “Il sesso e la ricerca della felicità” è un mix tra un tutorial, una lezione semiseria e un approfondimento filosofico e sociologico sul sesso così come non lo avete mai immaginato.

Un’ora e un quarto in cui l’ex porno divo Trentalance, con una carriera nell’universo dell’hard lunga venti anni e 440 film, si confesserà con stile ironico, schietto, irriverente, ma assolutamente mai volgare, sfatando falsi miti e luoghi comuni del mondo del cinema a luci rosse, rassicurando i più timidi, dando consigli e svelando piccoli trucchi per vivere meglio la sfera più intima della nostra vita, e mostrando che anche sotto le lenzuola se si vuole si può fare la differenza. Perché anche il sesso non è solo una questione di sesso!