Irene Grandi, dom 1/12 Teatro Verdi Firenze

Irene Grandi
Irene Grandi

Irene Grandi chiude i festeggiamenti dei primi 25 anni di carriera con una grande festa in musica nella “sua” Firenze, domenica primo dicembre al Teatro Verdi (ore 20,45). Un concerto durante il quale Irene celebrerà questo “compleanno” condividendo il palco con ospiti speciali, le persone che hanno incrociato il suo entusiasmante percorso artistico.

I biglietti (posti numerati da 28,75 a 46 euro, compresi diritti di prevendita) sono disponibili nei punti vendita Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita) e online su www.ticketone.it.

Spiega Irene Grandi: “Sono emozionata al pensiero di condividere il palco con artisti e musicisti che mi hanno supportata e ispirata in questi anni. Un concerto di ampio respiro, nel quale potrò esprimere tutta me stessa insieme ai miei amici e colleghi. Non potrà che essere un evento unico, imperdibile”.

Il lungo tour, che l’ha portata in giro per tutta l’Italia, è stato l’occasione per incontrare il pubblico e raccontare questi venticinque anni con la classe e la grinta che l’hanno resa amata dalla gente e stimata dagli addetti ai lavori.

L’album “Grandissimo” – uscito lo scorso maggio a suggello di questi primi 25 anni di carriera –  è un racconto musicale che si compone di brani inediti, duetti con importanti artisti italiani e internazionali e grandi successi interamente rivisitati; un mosaico composto da tasselli tutti diversi e tutti indispensabili, a formare quell’unità così piena di sfumature che ha distinto il suo percorso artistico.

Un progetto ricco e di ampio respiro, come il titolo giocosamente suggerisce, teso a soddisfare una continua necessità di esplorazione e un impellente desiderio di condividere le esperienze. Il nuovo lavoro si compone di tre parti (tre capitoli) e prende le mosse dai numerosi brani inediti che illuminano il progetto, per poi volgere lo sguardo verso le canzoni più rappresentative della carriera dell’artista fiorentina, che vengono reinterpretate e riarrangiate in una chiave completamente rinnovata.

“Grandissimo”, uscito per Cose da Grandi / Artist First, è stato anticipato dal singolo “I passi dell’amore” (https://www.youtube.com/watch?v=YFQDezRvoos)

Radio 2 è media partner dell’evento.

Irene Grandi – Biografia – Dopo un lungo periodo di crescita musicale nell’ambiente fiorentino e toscano, debutta all’età di 24 anni a Sanremo giovani del ’93 ed esce con il suo primo album nel ’94 seguito da un secondo nel ’95 e un terzo nel ’97, collaborando strettamente con l’autore Telonio e il produttore artistico Dado Parisini e riscuotendo un grande successo di pubblico e critica.

Il suo quarto disco, prodotto da Gigi De Rienzo, contiene il brano “La tua ragazza sempre”, firmato da Rossi/Curreri con il quale partecipa a Sanremo, classificandosi seconda. La sua prima raccolta è del 2001 “Irek”, contenente gli inediti “Per fare l’amore” e “Sconvolto così”.

Lo stesso anno incanta centomila persone all’Heineken Jammin’ Festival di Imola, aprendo per l’amico Vasco. La collaborazione con Vasco porta alla pubblicazione di “Prima di partire per un lungo viaggio”, title track dell’album successivo (2003).

Il 2005 è l’anno di “Indelebile” che contiene la hit “Lasciala andare” e il 2007 della seconda raccolta di successi, “Irenegrandi.hits”, contenente “Bruci la città”, che diventerà presto uno dei brani di Irene più amati dal pubblico.

Nel 2008 esce l’album “Canzoni per Natale” col quale Irene porta in Italia la tradizione internazionale dei dischi natalizi. Nello stesso anno, la Mondadori pubblica la prima autobiografia ufficiale, “Diario di una cattiva ragazza”.

Nel 2010 Irene torna a Sanremo dopo 10 anni con “La cometa di Halley”, brano che anticipa il nuovo album di inediti “Alle porte del sogno”.

Nel 2011 Irene scrive un pezzo per Tiziano Ferro, “Paura non ho”.

Nel 2012 esce “Irene Grandi & Stefano Bollani”, disco nato dalla collaborazione e dall’amicizia ventennale con il celebre pianista: un progetto di solo piano e voce in cui i due artisti interpretano celebri brani e standard di mondi diversi, dal Brasile all’Europa.

Oltre che con Vasco Rossi, Irene ha collaborato con moltissimi artisti italiani (tra gli altri Pino Daniele, Jovanotti, Edoardo Bennato, Luciano Pavarotti, Francesco Bianconi , Elio e le storie tese, Eros Ramazzotti e, in molte occasioni, con Stefano Bollani) e internazionali (Youssou N’Dour, Patti Smith, Hector Zazou, James Reid).

Nel 2015 ha partecipato al 65° Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano “Un vento senza nome”, di cui è anche autrice, title track dell’omonimo album.

Nel 2018 esce il disco “Lungoviaggio”, coronamento di un progetto che nasce dall’incontro del duo Pastis dei fratelli Marco e Saverio Lanza (rispettivamente fotografo e musicista attivi da lungo tempo nell’ambito della videoarte) con Irene Grandi. Un visual album che si avvale anche degli speciali contributi dell’astronauta Samantha Cristoforetti, dello scrittore Tiziano Terzani (postumo), di Vasco Rossi e della cantautrice Cristina Donà.

Il 31 maggio 2019 esce “Grandissimo” disco che celebra I suoi 25 anni di carriera.

La sua lunga carriera discografica è sempre stata accompagnata da una importante attività live, partecipazioni televisive o a grandi eventi e tour teatrali, in cui l’artista ha coinvolto ampie platee grazie a un carisma naturale e una voce dal timbro caratteristico e potente. Sempre curiosa e con uno spirito intrepido è un’artista pop trasversale, che si è avvalsa di autori emergenti e musicisti di livello internazionale che hanno contribuito ad arricchire la sua personalità eclettica e spontanea al tempo stesso.

Info Irene Grandi

www.irenegrandi.it

www.facebook.com/IreneGrandiOfficial/

www.instagram.com/irenegrandiofficial/

Info concerto

Teatro Verdi – via Ghibellina, 99 – Firenze

Info tel. 055.667566 – 055.212320

www.bitconcerti.it – www.teatroverdionline.it

Biglietti (compreso diritto di prevendita)

1° settore 46 euro

2° settore 40,25 euro

3° settore 34,50 euro

4° settore 28,75 euro

Prevendite

Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it (tel 055 210804)

Ticket One www.ticketone.it (tel. 892 101)

Portatori di Handicap

Possono acquistare un biglietto specifico al prezzo più basso previsto per l’evento ed entrare con un accompagnatore gratuito. I biglietti sono reperibili esclusivamente su prenotazione telefonica al numero 055/667566. Si sconsiglia fortemente l’acquisto di un biglietto generico.

Sconti e riduzioni

I bambini sotto 5 anni entrano gratuitamente accompagnati da un adulto, in numero di un bambino/a per ogni adulto, ma non hanno diritto a occupare un posto a sedere.

Booking e management

OTR LIVE booking@otrlive.it

Rassegna ConFini Comici – secondo appuntamento

Immagine-Confini-Comici-
Confini-Comici-

Presso il Teatro San Babila di Milano, all’interno della rassegna ConFini Comici si incontrano e idealmente si scontrano, a distanza di una sera, quattro coppie di comici, personaggi anche molto diversi da loro per formazione, età e provenienza, ma tutti accomunati dalle grandi doti di comicità. Dopo il successo del primo match con Leonardo Manera e Sergio Sgrilli, serissimi del parlar d’amore siamo pronti al secondo appuntamento.

Il 3 dicembre in scena Luca Cupani, direttamente dalla scena londinese, ma con passato nella scuderia di Zelig, racconta le vite che avrebbe potuto vivere e, il giorno seguente, Alberto Patrucco su musiche di Brassens, racconta del tempo che scorre e di quello che cambia.

Teatro San Babila – martedì 3 dicembre – ore 20.30
Luca Cupani
Vite mai vissute
regia di Carlo Turati
Quale strada sceglieresti se avessi una seconda possibilità?. Luca Cupani cerca di rispondere a questa domanda con il suo dark humor tutto british. Le opzioni realistiche sono d’altronde poche: legionario nella legione straniera francese, fabbricante di spade giapponesi, cardinale della Chiesa cattolica romana…
Luca Cupani si divide tra Inghilterra e Italia. A Londra si esibisce nei club di stand up comedy, ed è il primo italiano a vincere il prestigioso premio “So You Think You’re Funny” al Fringe Festival di Edimburgo nel 2015. Dopo aver girato il mondo con i suoi show, dal 2018 ha conquistato anche il pubblico italiano come volto di Zelig Tv.

Teatro San Babila – mercoledì 4 dicembre – ore 20.30
Alberto Patrucco
Sotto spirito – Comicità & Canzoni
di Alberto Patrucco e Antonio Voceri
musiche di Georges Brassens
con Daniele Caldarini (pianoforte, chitarra, arrangiamenti e direzione Musicale)
Francesco Gaffuri (contrabbasso e basso elettrico)
Jacopo Pugliese (batteria e percussioni)
Un’alchimia di comicità ed emozioni, in cui all’incalzante ritmo del monologo segue la genialità e l’ironia senza eguali di Georges Brassens. Gli elementi si fondono al punto che i monologhi scritti oggi si fanno prolungamento naturale delle emozioni fissate su pentagramma sessant’anni fa dal grande autore francese. I fendenti umoristici superano le persone e gli avvenimenti per trasformarsi in autentiche frecciate satiriche sui tempi che corrono e, quindi, un po’ su noi stessi. Uno sguardo comico, disilluso, a volte corrosivo, ma che non rinuncia alla poesia e alla musica. Solo per tornare a ridere… sul serio.

Le bellezze del Portogallo

centro-del-portogallo
centro-del-portogallo

Racchiuso tra le due città principali del paese, Lisbona e Porto, il centro del Portogallo è una regione ricca di monumenti, università degne di essere state inserite nei Patrimoni Mondiali dell’Unesco e spiagge di rara bellezza.

Il Portogallo non si ferma solamente alle zone più conosciute e rinomate come Lisbona che, con i suoi tram e le salite e discese, incanta i turisti provenienti da tutto il mondo, Porto e il Ponte Dom Luis I e l’Algarve con le sue distese di sabbia e l’oceano che bagna tutta la costa. Ci sono numerose città e luoghi nascosti ancora inesplorati che vale la pena visitare per scoprire la magia e il fascino portoghese che si celano dietro ogni angolo.

La regione del Centro ospita numerosi luoghi che sono stati classificati come Patrimonio Mondiale dall’Unesco. Centro del sapere, l’Università di Coimbra è stata fondata nel 1290 ed è una delle università più antiche dell’Europa. È situata nella parte alta della città e si affaccia sul fiume Mondego. Il Convento di Cristo a Tomar, invece, è un’altra opera Patrimonio Mondiale dell’Unesco e rappresenta un connubio perfettamente riuscito tra un castello e un convento. Il Monastero di Alcobaça è, invece, un imponente monastero, uno dei più impressionanti e magnifici esempi di architettura cistercense in Europa.

 

Teatro Leonardo – Potted Potter

Davide Nebbia e Mario Finulli ph Lù Magarò-98
Davide Nebbia e Mario Finulli ph Lù Magarò-98

Dal 31 ottobre al 3 novembre 2019 dal 7 al 10 novembre/dal 14 al 17 novembre 2019 al Teatro Leonardo di Milano, ritorna a grande richiesta di pubblico, dopo il successo registrato la scorsa stagione Potted Potter: l’unica esperienza potteriana non autorizzata. Una parodia di Dan e Jeff.

All’origine c’è lo humor inglese contaminato dalla tradizione italiana, da quel gusto per la comicità che sempre ci accompagna, per trasformare la tipica stand-up comedy londinese in un live show innovativo e perfettamente riuscito per il pubblico italiano.

La prova del suo successo sta nel suo ritorno e a grande richiesta di pubblico riappare come per magia nei teatri italiani, Potted Potter: l’unica esperienza potteriana non autorizzata – Una parodia di Dan e Jeff.

Un esperimento vittorioso, che vede condensati in 70 minuti di pura comicità i sette libri della saga di Harry Potter.
Una nuova occasione, per chi se la fosse persa, per ripercorrere in maniera frizzante, divertente, ma fedele alla realtà i luoghi, i personaggi e le avventure del maghetto più conosciuto al mondo.

A portarli in scena, sotto la guida attenta del regista Simone Leonardi, sempre loro: Davide Nebbia e Mario Finulli, giovani e talentuose promesse del panorama italiano con alle spalle esperienze internazionali.

Harry Potter, Ron, Hermione, Silente, Voldemort e tutti i personaggi che compongono la saga potteriana, prendono vita attraverso gli attori: due bad boys della comicità, capaci, con ritmo incalzante che non lascia respiro tra una risata e l’altra, di passare da un paradosso a un momento giocoso, da una parodia a una canzone.

Uno spettacolo capace di coinvolgere, grazie alla poliedricità degli attori e ai testi mai banali, non solo coloro che già amano la saga potteriana, ma anche chi non si è mai avvicinato alle avventure di Hogwarts.

Potted Potter, dopo anni di tutto esaurito e una candidatura agli Olivier Awards nella categoria Best Entertainment and Family, si conferma uno spettacolo di grande successo adatto a un vasto pubblico, così come la saga di Harry Potter che appassiona fan di tutte le età.

Sex Geography 2019

 

sesso_geografia
sesso_geografia

La geografia del sesso emersa da un sondaggio realizzato da SpeedDate.it, il portale che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare nella vita reale gente nuova e nuovi potenziali partner, conferma ancora una volta che le abitudini sessuali degli italiani cambiano da regione a regione.

La maggior parte degli uomini italiani ama prendere l’iniziativa, ma su questo fronte l’Italia è ancora divisa in due: gli uomini sono più impetuosi al Centro-Sud Italia. Ma, d’altra parte, gli uomini più fantasiosi sono quelli del Nord Italia.

La geografia del sesso emersa dal sondaggio realizzato da SpeedDate.it su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 e i 48 anni, dimostra che le regioni con gli uomini più impetuosi sono il Lazio con un indice di impetuosità di 8/10 e la Campania con un indice di 8/10. Seguiti a breve distanza da Sicilia con 6,5/10, anch’essa sul podio, e poi ancora da Emilia Romagna (6/10), Toscana (anch’essa a 6/10), Piemonte (5/10) e Lombardia (4,5/10).

In quest’ultima regione, inoltre, gli uomini sono più fantasiosi. «In Lombardia, più che in altre regioni, gli uomini amano trasgredire» commenta Giuseppe Gambardella, ideatore di SpeedDate.it e di SpeedVacanze.it, portale quest’ultimo dedicato ai viaggi per single.

Nelle regioni che guidano la classifica degli “impetuosi” nel ranking di SpeedDate.it, la tendenza degli uomini è quella di volere essere dei «latin lover» alla moda, sempre attenti anche alla forma fisica, con tanto desiderio di uscire e divertirsi.

«In questi contesti geografici quando escono per un appuntamento, per fare colpo, gli uomini non badano a spese» sottolinea Roberto Sberna, direttore generale di SpeedDate.it. (WORLDNET)