FIBA 3×3 Europe Cup

azzurre 3x3
azzurre 3×3

Prime nel girone, prime nell’intero concentramento di Andorra, con tre vittorie e una sconfitta contro l’Azerbaijan, maturata all’ultimo tiro a due secondi dalla fine, le Azzurre 3×3, già Campioni del Mondo lo scorso 12 giugno a Manila, si qualificano alla FIBA 3×3 Europe Cup, il campionato europeo, che si terrà a Bucarest, in Romania, dal 14 al 16 settembre. “Dopo la vittoria del Mondiale -afferma l’allenatore Angela Adamoli- il sogno e le emozioni continuano”

Dopo le vittorie di ieri con Grecia ed Andorra, quella di stamattina contro la Spagna ha segnato il cammino delle Azzurre. Una vittoria netta (20-13) che ha permesso all’Italia di mettere una serie ipoteca sulla qualificazione, maturata man mano che si venivano a conoscere gli altri risultati del girone che hanno reso ininfluente il risultato della quarta partita contro le Azere.

“Le ragazze sono state fantastiche: dopo aver speso tutte quelle energie nella vittoria del Campionato del Mondo, non era facile venire qua ad Andorra e ripetersi nell’essere prime e nell’essere concentrate. La partita contro la Spagna di questa mattina ha dimostrato lo spessore tecnico, fisico e psicologico di queste ragazze e la sconfitta con l’Azerbaijan, a qualificazione ottenuta, mi permetto di dire che ne conferma l’umanità. Sappiamo che a settembre dovremo essere pronti e che tutti ci aspettano anche perché siamo Campioni del Mondo. Dobbiamo quindi impegnarci -conclude Adamoli- e ancora migliorare, anche se per adesso ci godiamo questa Qualificazione”

“Era il secondo obiettivo della stagione dopo la medaglia d’Oro mondiale, ovviamente -racconta la capitana Marcella Filippi- L’abbiamo centrato, siamo super contente e davvero orgogliose di quello che siamo riuscite a dimostrare. Ci siamo qualificate subito anche senza giocare gli spareggi. Adesso una pausa, credo meritata, ma saremo pronte a settembre per l’Europeo.”

“Abbiamo vissuto 14 giorni di grandi tensioni emotive -ricorda Raelin D’Alie- Sono orgogliosa di questo gruppo, che dopo la vittoria del titolo mondiale poteva essere appagato e avrebbe potuto venire a giocare queste Qualificazioni europee con minori motivazioni.

Invece non è accaduto, siamo rimaste concentrate sul nostro obiettivo e abbiamo avuto successo. A settembre saremo pronti per le Finali di Bucarest. Invito i tifosi italiani a seguirci in Romania e a tifare per noi.”

Italia-Azerbaijan 17-19
Italia: Ciaverella 1, D’Alie 8, Rulli 3, Filippi 5

Italia-Spagna 20-13
Italia: Rulli 9, D’Alie 3, Filippi 6, Ciavarella 2

Italia-Andorra 21-10
Italia: Ciavarella 3, D’Alie 5, Filippi 10, Rulli 3

Italia-Grecia 22-7
Italia: Ciavarella 7, D’Alie 4, Filippi 9, Rulli 2

Il successo di Catania2011

Catania2011

CATANIA2011 – Catania2011 chiude i battenti ma rimane nella storia della scherma azzurra. Il bottino di 11 medaglie con il quale si conclude il Campionato del Mondo 2011, è storico in quanto eguaglia il numero record di podii conquistati a Il Cairo nel 1949. Non è invece una novità il dato che vede l’Italia vincere, anche in questa edizione 2011, il medagliere e la classifica per Nazioni.

L’ultima delle otto giornate di gare non manca di regalare emozioni. Le gioie arrivano dalla spada femminile dove l’Italia conquista la medaglia di bronzo, l’undicesima della spedizione azzurra.Bianca Del Carretto, Rossella Fiamingo, Nathalie Moellhausen e Mara Navarria hanno sconfitto nella finale per il terzo e quarto posto la Germania col punteggio di 45-33.

Le azzurre del Ct Sandro Cuomo, in precedenza, erano state sconfitte in semifinale dalla Cina per 42-38.

“C’è grande soddisfazione – ammette il Commissario tecnico, Sandro Cuomo -. Questo risultato infatti ci proietta in un’ottima posizione in chiave qualificazione olimpica. Il bronzo è poi la seconda medaglia per la spada italiana e l’undicesima della delegazione. C’è un pizzico di rammarico per la semifinale contro la Cina in cui le ragazze avevano tirato alla grande, ma sono certo che questo gruppo potrà ancora migliorare e regalare ulteriori soddisfazioni”.

Nella prima parte di gara, dopo aver sconfitto in avvio di giornata la Lituania per 45-22 nel tabellone delle 32 ed il Canada agli ottavi per 45-39,le azzurre avevano superato ai quarti l’Estonia per 45-29.

 

Nella prova di fioretto maschile, invece l’Italia chiude al settimo posto. Il quartetto composto da Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Andrea Baldini e Andrea Cassarà, si è classificato settimo, dopo aver subìto la sconfitta nel tabellone principale contro la Germania.

I ragazzi del CT Stefano Cerioni, infatti, sono stati superati dalla Germania per 45-35. Successivamente, nell’assalto valido per il primo turno del 5°-8° posto, l’Italia è stata sconfitta dalla Russia per 45-38. Infine, gli azzurri si sono assicurati il settimo posto vincendo contro la Corea per 45-42.

I quattro azzurri, dopo aver passato di diritto il primo turno di diretta come testa di serie numero 1, avevano battuto agevolmente agli ottavi il Brasile con il punteggio di 45-20.

SPADA FEMMINILE – Prova a squadre

Finale

Romania b. Cina 27-26

Finale 3°-4° posto

ITALIA b. Germania 45-33

Semifinali

Romania b. Germania 24-23

Cina b. ITALIA 42-38

Quarti

Romania b. Polonia 37-33

Germania b. Corea 27-23

ITALIA b. Estonia 45-29

Cina b. Francia 45-43

Classifica (31): 1. Romania, 2. Cina, 3. ITALIA, 4. Germania, 5. Estonia, 6. Polonia, 7. Corea, 8. Francia.

FIORETTO MASCHILE – Prova a squadre

Finale 1°-2° posto

Cina b. Francia 45-44

Finale 3°-4° posto

Germania b. Polonia 45-33

Semifinali

Francia b. Germania 45-36

Cina b. Polonia 45-34

Tabellone 5°-8° posto

Russia b. ITALIA 45-38

Tabellone 7°-8° posto

ITALIA b. Corea 45-42

Quarti

Germania b. ITALIA 45-35

Francia b. Russia 45-40

Polonia b. Giappone 45-35

Cina b. Corea 45-40

Classifica (29): 1. Cina, 2. Francia, 3. Germania, 4. Polonia, 5. Giappone, 6. Russia, 7. ITALIA, 8. Corea.