Kinky Boots – La nuova produzione Teatro Nuovo di Milano

logo kinky boots
logo kinky boots

Teatro Nuovo di Milano è orgoglioso di annunciare la nuova produzione: KINKY BOOTS, il favoloso musical che ha debuttato a Broadway nel 2013 aggiudicandosi sei premi alla 67ª edizione dei Tony Awards, tra cui miglior musical e miglior colonna sonora.

La musica e i testi sono di Cyndi Lauper e libretto è firmato da Harvey Fierstein. Il musical, nel 2015 ha debuttato a Londra ed è pronto a conquistare Milano a partire dal prossimo autunno.

Kinky Boots, vincitore di tutti i maggiori premi Best Musical, tra gli spettacoli più apprezzati di Broadway e del West End di Londra, è una favolosa celebrazione musicale dell’amicizia e della convinzione che può cambiare il mondo quando, si cambia idea, quando si riesce a vedere tutto con altri occhi.

Kinky Boots ci trascinerà dagli angusti spazi della fabbrica, alle sfilate glamour di Milano. Charlie Price eredita dal padre la fabbrica di scarpe di famiglia, ormai ridotta al lastrico. È costretto a licenziare alcuni dipendenti e, per risollevare le sorti dell’azienda, capisce che deve assolutamente diversificare la sua produzione.

Serve un’idea straordinaria che arriverà proprio assistendo allo spettacolo di Lola, una favolosa drag queen che, per esigenze sceniche, ha bisogno di nuovi stivali, forti e robusti.

La produzione italiana, diretta da Claudio Insegno, debutterà al Teatro Nuovo di Milano il prossimo autunno.

Teatro Nuovo: “Christmas Gospel”

Christmas Gospel
Christmas Gospel

E’ diventato un appuntamento fisso il concerto Gospel del 24 dicembre al Teatro Nuovo di Milano. Torna per il terzo anno consecutivo il Christmas Gospel. The Harlem Voice con il suo carismatico leader il Pastore Eric B. Turner, perfomer piuttosto noto a Broadway oltre che componente dell’attuale formazione dei Temptations.

Parlare di Gospel, però, è riduttivo. Gli Harlem Voice amano dilatare i confini del genere gospel e creare melodie dinamiche arricchite di armonie che portano l’ascoltatore ad assaggiare colori r’n’b, soul e funky. Quello del 24 dicembre non sarà solo un concerto ma un vero e proprio show in cui musica e canti si mescolano a coinvolgenti coreografie grazie ai sette elementi, cinque voci e una sezione ritmica costituita da tastiera,basso e batteria.

Tutti i membri degli THV hanno almeno venti anni di esperienza nel mondo della live music, hanno cantato e suonato nei più prestigiosi gruppi gospel, soul e rock (Maray Carey, Yolanda Adams, Fantasia, Shakira, Ronda Ross, U2, solo per citarne alcuni) e Eric B. Turner è anche conosciuto come attore e musicista in diversi musical di broadway quali sunfish-the musical”, “Rent”, “Ain’t Misbehavin”, film come “Synecdoche, New York (2008) e“American Gangster (2007), e infine di serie televisive celeberrime anche nel nostro paese quali: Nbc’s- “Law & Order”, Cbs’s- “CSI:NY”.
Eric ha cantato con Mariah Carey, Anthony Hamilton, Anita Baker, Chaka Khan, Michael McDonald, Jahiem, Joe, Elisabeth Withers aVickie Winans e Karen Clark-Sheard..

The Harlem Voice
24 dicembre 2017
ore 17:00
Teatro Nuovo di Milano
piazza San Babila
21 dicembre 20.45
per info e prenotazioni tel. 02.794026
www.teatronuovo.it

Tutto può accadere a Broadway

locandina tutto può accadere
Isabella “Izzy” Patterson, in arte Glo, è una ragazza di Brooklyn che coltiva il sogno di recitare e nel frattempo arrotonda lavorando per un’agenzia di ragazze squillo. Durante un appuntamento in una suite d’albergo, s’imbatte in Arnold Albertson, regista affermato, disposto ad offrirle trentamila euro perché abbandoni quel mestiere e realizzi se stessa.
Poco dopo, senza che né Izzy né il suo benefattore potessero prevederlo, eccola al suo primo provino, a concorrere per la parte di una squillo nella nuova pièce teatrale di Albertson stesso, fianco a fianco con sua moglie, l’attrice Delta Simmons, e il di lei storico partner sulla scena (e pretendente nella vita) Seth Gilbert.

Se a questo punto si aggiungono un sensibile commediografo, un vecchio giudice arrapato, una psicoterapeuta ubriaca, una sostituta terapeuta che non conosce il tatto né la privacy e un detective privato che si nasconde dietro i baffi finti, il quadro è solo abbozzato, perché sono i garbugli, ovviamente, a salare la farsa.

Regia di Peter Bogdanovich.

Con Owen Wilson, Imogen Poots, Kathryn Hahn, Will Forte, Rhys Ifans.
Genere Commedia
Da giovedì 29 ottobre 2015 al cinema

RAFFAELE PAGANINI IN “BOLERO” E “UN AMERICANO A PARIGI”

UN AMERICANO A PARIGI

La noia della routine di una sala prove di Broadway a metà degli anni venti. Un giovane promettente musicista troppo raffinato e troppo intelligente si sente irrimediabilmente “allo stretto”: unica soluzione la fuga verso Parigi e la cultura del Vecchio Continente. Ed ecco Parigi, cuore culturale del Vecchio Continente (che in quegli anni per un musicista come lui vuol dire soprattutto Maurice Ravel), ecco un viaggio – soprattutto attraverso se stesso e il proprio talento – forse ancora soltanto sognato, ecco l’esplodere della giovinezza, ecco l’inconscio presagio di una terribile malattia che lo condurrà precocemente alla tomba senza però mai intaccare la sua meravigliosa vitalità di artista.

La vita del giovane George Gershwin, interpretato da Raffaele Paganini, si intreccia con quella del suo americano a Parigi, portato su grande schermo da Vincente Minnelli. Biografia e creazione artistica si confondono come realtà e sogno grazie al libretto di Riccardo Reim e alle coreografie di Luigi Martelletta.

BOLERO

Sulle note del famoso Bolero di Ravel l’étoile Raffaele Paganini concluderà lo spettacolo. Questo brano rappresenta la consecutività e l’interminabile ammirazione che proprio George Gershwin nutriva nei confronti di questo grande compositore, per il quale attraversò l’oceano e rimise in discussione i suoi studi e tutta la sua preparazione artistica. Al centro di una taverna, su un tavolo un ballerino danza. Intorno a lui si aggirano donne e uomini assetati d’ebbrezza. Si danzerà fino a quando il parossismo della danza e la passionalità e sensualità della musica li travolgerà.