Vandali contro la statua di Falcone

Giovanni Falcone
Giovanni Falcone

Statua Falcone: Misuraca: Grave atto vandalico. Palermitani onesti si ribelleranno

“Sono molto addolorato per la distruzione del busto di Giovanni Falcone del quartiere Zen di Palermo. Questi atteggiamenti non appartengono al popolo palermitano che da anni lotta a viso aperto contro la mafia ed esalta la memoria di coloro che hanno perso la vita per combatterla.
Sono certo che questo vile atto rimarrà isolato e subito verrà fatta chiarezza perché sono tanti i palermitani onesti che, senza se e senza me, non si arrendono, fidandosi convintamente nelle istituzioni”. Lo dichiara Dore Misuraca, deputato di Alternativa popolare e Responsabile nazionale Enti locali.

Roma, 10 luglio 2017

Atti vandalici al Teatro San Babila

Questa mattina all’arrivo in teatro abbiamo avuto una spiacevole sorpresa.

Durante la notte sono entrati sia in ufficio che in teatro dei malviventi, che hanno divelto la porta di ingresso degli uffici e  sfondato la vetrata di cristallo con una mazza, aperto e messo a soqquadro cassetti, portando via alcuni quadri, il denaro presente e alcuni computer. E’ stata inoltre forzata la cancellata di chiusura del teatro e forzata la cassa del bar.

E’ il terzo furto che il Teatro San Babila subisce e speriamo che, a differenza delle due precedenti incursioni, le telecamera di sorveglianza della Parrocchia San Babila siano state accese e sia possibile un’identificazione.

La polizia ha fatto i rilievi del caso e non ha escluso che si tratti di un atto vandalico dimostrativo.

Si ringraziano le forze dell’ordine per il tempestivo intervento, dando la loro totale disponibilità.

ATTI VANDALICI : UN ATTACCO ALLA CITTA’ E AI NOVATESI

Novate Milanese, 4 luglio  2012 – Ancora una volta gli sforzi dell’Amministrazione Comunale per rendere Novate Milanese più attrattiva, ordinata e a misura di bambino si sono infranti contro l’inciviltà e la maleducazione di pochi.

Nella giornata del 20 di giugno i giochi per bambini nell’area centrale del Parco di via Baranzate sono stati ripristinati e rimessi totalmente in funzione dopo che, nei mesi scorsi, erano stati oggetto di atti vandalici con imbrattamenti e danneggiamenti. Il lavoro di ripristino è costato all’Amministrazione, e quindi a tutti i cittadini novatesi, oltre 5000 euro, destinati a ridare la possibilità ai bambini di giocare in sicurezza in questi mesi estivi.

Il giorno dopo però tutto il lavoro si è rivelato praticamente inutile.

Ancora una volta la stupidità di pochi ha inficiato l’interesse pubblico. I giochi sono stati nuovamente imbrattati e danneggiati, vanificando gran parte del lavoro fatto. A questo punto l’Amministrazione, in accordo e in sinergia con la Polizia Locale e il Comando dei Carabinieri, ha deciso di intensificare i controlli anche durante le ore notturne dei parchi e dei luoghi della città dove sono collocati giochi e panchine per riuscire a individuare i responsabili di questi vandalismi ancora una volta intollerabili.

 “Non è più possibile tollerare queste situazioni – sostiene il Vice Sindaco Daniela Maldini – che rappresentano una gravissimo danno alla città e alla maggior parte dei cittadini che vogliono vivere in una Novate ordinata, e funzionale. Erano tanti i novatesi che hanno sollecitato e attendevano questi interventi ritardati a causa delle note difficoltà  finanziarie degli enti locali. Ora tutto è da rifare. L’appello che rivolgo ai cittadini è quello di collaborare per individuare i responsabili dei danneggiamenti.

Situazioni di questo genere, purtroppo, arrecano danni al patrimonio pubblico facendo spendere alla comunità soldi, risorse e tempo che potrebbero invece essere investiti in altri ambiti. Gesti vandalici e incivili che denunciamo con forza e determinazione. Ci impegniamo come Amministrazione non appena saranno individuati i responsabili a richiedere il risarcimento dei danni compiuti”.

L’intenzione è dunque quella di non lasciare impuniti i protagonisti dei danneggiamenti che sono perseguibili penalmente e ai quali, una volta individuati, saranno richiesti i danni materiali e morali delle loro azioni.

VANDALIZZATO UN TSR NUOVO SULLA S6 NOVARA-MILANO-TREVIGLIO

Milano, 3 aprile 2012 – Due convogli del TSR nuovo, entrato in servizio lunedì mattina sulla linea suburbana S6 Treviglio-Milano-Novara, ieri notte, è stato imbrattato e riempito di graffiti da ignoti.

«Esprimo grande indignazione per quest’ennesimo atto incivile che registra inoltre un triste record, è stato infatti vandalizzato un treno nuovo, in servizio da sole ventiquattro ore – ha dichiarato Giuseppe Biesuz, amministratore delegato di Trenord –. Un TSR come quello messo a disposizione dei viaggiatori della S6 costa 12 milioni di euro, esattamente quanto gravano sulla comunità gli atti vandalici di un intero anno. Trenord – ha concluso Biesuz – è in prima linea contro i vandali, ma non deve essere lasciata sola in questa azione a tutela del proprio patrimonio e della qualità del servizio che offre agli oltre 650mila viaggiatori lombardi».