Milano: riapre area verde di Via Chiarelli

chiarelli
chiarelli

Ha un lieto fine la lunga storia dell’area verde di 10mila mq di via Chiarelli, zona Gallaratese. Da oggi, dopo 28 anni, è di nuovo aperta alla fruizione pubblica, pronta per essere riqualificata e resa più bella.

La vicenda risale alla metà degli anni ‘80, quando l’area, di proprietà privata, fu resa edificabile con destinazione terziario. Da quel momento cominciò la battaglia dei cittadini per evitarne la cementificazione.

Una battaglia durata fino all’approvazione del PGT del 2010 e al suo aggiornamento nel 2012, che ridussero drasticamente le volumetrie previste traslandole in un’area già edificata vicino alla metropolitana di Lampugnano.

Parallelamente i diritti volumetrici furono rilevati da Visconti Immobiliare, che, alla luce dell’attaccamento del quartiere all’area verde, si è resa disponibile, attraverso lo strumento urbanistico di pianificazione, a formalizzarne la cessione al Comune.

“Ringraziamo Visconti Immobiliare per averci consentito di restituire quest’area alla fruizione dei cittadini e per i successivi interventi di manutenzione che effettuerà – dichiara l’assessore all’Urbanistica, verde e agricoltura Pierfrancesco Maran – . Questa battaglia decennale dimostra come il verde sia sempre più percepito come un elemento fondamentale per la qualità della vita nei quartieri. È un risultato ottenuto principalmente grazie alla determinazione del consiglio di Municipio”.

Dopo la rimozione delle cesate di lamiera, sarà avviata un’attività di pulizia dell’area, potatura degli alberi, sistemazione dell’erba e saranno posate alcune panchine. L’obiettivo, una volta che l’area diventerà formalmente del Comune, di procedere con una progettazione partecipata per rendere il parco che completa la spina verde del Gallaratese ancora più bello e vivibile.

“Una bellissima giornata per il Municipio 8 e la città di Milano – commenta Simone Zambelli, Presidente del Municipio 8 -. Viene restituita ai cittadini una bellissima area verde di grande valore, si conclude una lunga battaglia a difesa dell’ambiente e dei beni comuni”.

“Sono diventato anziano seguendo questa vicenda – aggiunge Federico Fedrighini, Assessore al Verde del Municipio 8 – e sono molto contento perché dimostra un attaccamento straordinario degli abitanti al territorio e come dal basso possono nascere risultati importanti per tutta la città”.

Un giardino per la pittrice Artemisia Gentileschi

Artemisia-Gentileschi attualità
Il Consiglio di Zona 6 e la Giunta comunale hanno approvato l’intitolazione ad Artemisia Gentileschi dell’area verde tra viale Legioni Romane e via Primaticcio, vicina al civico 54.

Nata a Roma nel 1593, figlia del pittore Orazio Gentileschi di cui superò la fama, e scomparsa a Napoli nel 1653, Artemisia è stata una straordinaria pittrice e una donna impegnata a perseguire al tempo stesso la propria indipendenza e l’affermazione artistica, lottando contro difficoltà, avversa fortuna e pregiudizi.

Vittima di uno stupro che denunciò alle autorità del tempo, Artemisia Gentileschi è divenuta con il tempo una figura iconica nella storia della battaglia per l’affermazione della parità dei diritti tra uomo e donna.

La decisione del Comune costituisce quindi un omaggio importante a una figura dall’altissima statura artistica, oltre che umana, raro esempio passato alla storia di grande artista al femminile, alla cui opera è stata dedicata nel 2011 una grande mostra a Palazzo Reale visitata da oltre 160 mila visitatori.

Un omaggio che potrà diventare per la Città un’ulteriore occasione di riflessione sul tema del valore dei diritti delle donne, di grande attualità anche oggi, dovunque nel mondo.