Sale spazioCinema: ” Io e Annie” di Woody Allen

io-e-annie
io-e-annie

Versione originale con sottotitoli in italiano

Per festeggiare i suoi 40 dal 14 al 16 maggio nelle sale spazioCinema torna IO E ANNIE in versione restaurata.

Un punto di svolta, una rivoluzione comica, una disintegrazione romantica. Woody Allen, come Chaplin, scopre il proprio talento nel padroneggiare il riso e il pathos.

La sincopata storia d’amore tra Alvy e Annie scompagina ogni ordito narrativo, sullo sfondo di ‘cartoline newyorkesi degli anni Settanta’ che oggi stringono e fanno bene al cuore: glamour femminile fatto di larghi pantaloni, fragilità eccentrica e dipendenza farmacologica, i palcoscenici off del Village, Marshall MacLuhan in fila al cinema.

Seems like old times: nel ricordo i due si baciano contro lo skyline visto dal Franklin Delano Roosevelt Drive, e comincia ufficialmente l’era Woody Allen, everyman senza uguali della commedia cinematografica moderna.

Anteo Palazzo del Cinema
14 e 15 maggio ore 11.00, 13.00, 17.20, 21.40
16 maggio ore 13.00, 15.10 20.10

Citylife Anteo
14 e 15 maggio ore 13.00, 17.20, 21.40

Ariosto spazioCinema
14 aprile ore 19.20
15 aprile ore 21.30

Capitol spazioCinema
14 maggio ore 21.15

spazioCinema Cremona Po
Lunedì 14 maggio ore 22.30
Martedì 15 maggio ore 17.40, 20.00

Teatro Manzoni: Mariti e mogli

Guerritore Reggiani e Curcurù
Guerritore Reggiani e Curcurù

Dal 1 al 18 marzo 2018 al Teatro Manzoni
a.ArtistiAssociati in collaborazione con Pierfrancesco Pisani, Parmaconcerti presenta

MONICA GUERRITORE FRANCESCA REGGIANI
in
MARITI E MOGLI
tratto dall’omonimo film di Woody Allen
adattato e diretto da Monica Guerritore

Mariti e mogli è un travolgente Woody Allen alle prese con uno dei suoi argomenti preferiti, le crisi coniugali, i tradimenti, scritto e diretto da Monica Guerritore, che lo interpreta con Francesca Reggiani. Un girotondo in cui Cupido (bendato e sbadato) si diverte a scagliare frecce, far nascere amori, divorzi e non solo…

Tradendo le location realistiche del film, Monica Guerritore evoca, nel luogo teatrale unico, i tanti luoghi delle vite coniugali e nelle simultaneità delle relazioni e degli intrecci clandestini, delle rotture e improvvise riconciliazioni trapelano le piccole altezze degli esseri umani così familiari a Bergman, a Strindberg.

E nel loro improvviso perdersi in danze all’unisono su musiche da Louis Armstrong a Etta James, là sul fondo, Čechov e il tempo che intanto scivola via.
Una produzione A.ArtistiAssociati, Pierfrancesco Pisani, Parmaconcerti, in collaborazione con Comune di Pesaro / AMAT.

 

CINEMA USA: SUCCESSO ARMILIATO

Il debutto come attore di Fabio Armiliato nell’ultimo film di Woody Allen è stato salutato con grande successo anche in USA.

Tutte le critiche uscite a seguito della premiere a New York e Los Angeles di “To Rome with love” hanno descritto l’episodio interpretato dal famoso tenore italiano come uno dei più interessanti e divertenti dell’intero film.

Fabio Armiliato nel ruolo di Giancarlo, becchino di professione ma straordinario tenore per diletto,  padre del futuro genero di Woody Allen, ha stupito anche i recensori americani per la famosa scena dell’interpretazione de “I Pagliacci” sotto la doccia.

Secondo A.O. Scott del New York Times, ”qui Allen ricorre felicemente all’ “assurdo”, che realizza in maniera sublime nella storia di Giancarlo (Fabio Armillato), il futuro suocero di Hayley che ha una voce splendida (Armiliato è un tenore di fama mondiale nella vita reale)”.

Betsy Sharkey del Los Angeles Times rincara la dose affermando: “… c’è una lista lunga di co-star, incluso il meraviglioso tenore Fabio Armiliato, che avrebbe dovuto essere nel cast principale – lui è uno che ruba la scena!

E ancora parole di elogio anche da Rex Reed del New York Observer che segnala come la trovata migliore del film sia la scoperta del talento del padre dello sposo: “un imprenditore di pompe funebri nonché promettente cantante d’opera che però riesce a cantare solo sotto la doccia (il tenore italiano Fabio Armiliato che si rivela in una delle performance più divertenti del film)”.

Midnight in Paris

Midnight in Paris, regia e sceneggiatura di Woody Allen

Con Owen Wilson, Rachel McAdams, Kurt Fuller, Mimi Kennedy, Michael Sheen, Nina Arianda e Carla Bruni

Commedia

26 marzo, di Elisa Zini – E’ coinvolgente l’ultimo film di Woody Allen e lascia il segno. E’ una romantica storia d’amore ambientata a Parigi: città d’arte magica, evocativa, intrisa di cultura e di storia. Città nella quale si intrecciano le vite e le passioni di molte generazioni.

Gil e la sua fidanzata Inez, in vacanza a Parigi con la famiglia, si stanno per sposare. Gil è uno sceneggiatore un pò in crisi, stanco della vita frenetica di Hollywood, in cerca dell’ispirazione perduta. Inez è troppo occupata a guardare vetrine. Rimasto solo a camminare nell’affascinante  città di Parigi, una notte incontrerà un’allegra comitiva a bordo di un auto d’epoca e da quel momento la sua vita non sarà più la stessa.

Una grande prova di regia, lucida e intelligente, con il giusto tocco di romanticismo a sottolineare come il presente che affonda le sue radici nel passato è vissuto in pienezza di emozioni: emozioni da vivere e tramandare.