Intervista a Valentina Gullace

Valentina Gullace
Valentina Gullace

Valentina Gullace, artista poliedrica che spazia dal teatro alla discografia alla tv, siederà come giudice tra gli spalti del Muro Umano di All together now

La Gullace ha all’attivo un primo album di sue composizioni dal titolo “La mia stanza segreta” (Filibusta Records) impreziosito dalla presenza di Fabrizio Bosso alla tromba e già disponibile su tutte le piattaforme di streaming.

Intervista

Cantautrice, attrice, performer di musical e giudice “All togheter now”.  Tra questi ruoli..il preferito ?   PS:  tutti non vale  :) 

“Non esiste un ruolo preferito! Non potrei mai rinunciare a nessuna delle arti attraverso le quali mi esprimo, sarebbe come rinunciare a delle parti di me e mi sentirei quasi mutilata. La cosa che più amo del mio lavoro è proprio la possibilità di passare da un musical ad un concerto ad una trasmissione televisiva fino alla pubblicazione di composizioni mie e all’insegnamento. Non sempre è facile essere “creduti”, perché in Italia si tende a ragionare per compartimenti stagni e quindi se fai teatro e poi fai un disco, magari vieni guardata con diffidenza. Io però vado avanti, sempre con onestà e passione e cerco di portare avanti la mia carriera senza attaccarmi addosso etichette di genere”

Passiamo alla musica, la tua passione è e rimane il Jazz? 

“La mia passione è la musica sincera, con una storia da raccontare e una ricerca che vada al di là del motivetto acchiappa-pubblico. Il Jazz mi piace in tutte le sue contaminazioni ma amo anche lo swing. Adoro le cantautrici, Joni Mitchell in primis e ho una predilezione per le cantanti che suonano il pianoforte, come Tori Amos. Sono cresciuta ascoltando Stevie Wonder, Dionne Warwick, Pat Metheny, i Led Zeppelin, Michael Jackson… devo la mia prima educazione musicale a mio zio Giovanni, che fin da piccola mi ha fatto conoscere la musica di qualità. Non mi sono mai preclusa la possibilità di sperimentare generi diversi, tanto è vero che ho persino dei trascorsi nel mondo del rock e del nu metal, ma decisamente non era la mia strada!”

 Il 2021 sta per cominciare. Cosa ti aspetti o meglio, desideri per questo nuovo anno?  Nella vita e lavorativamente

“Desidero lavorare! Semplicemente… riprendere a fare quello che ho sempre fatto, ovvero le tournée con i musical, fare i concerti, riprendere a vedere le persone per condividere la musica e per creare cose belle insieme. Sono realista e so che ci vorrà molto tempo prima di tornare ad una sorta di normalità. In questo periodo sto lavorando a nuovi brani, studio, insegno canto e mi occupo della mia amata casetta”

La poliedricità è il tuo forte. Quando autrice teatrale? 

“Quando frequentavo l’Accademia di musical ho scritto un mini-musical basandomi sul film di Sergio Rubini “L’anima gemella”. Ad oggi è stato il primo ed unico esperimento di scrittura per il teatro. Chi lo sa, magari in futuro ci riproverò!”

Valentina Gullace

Valentina Gullace Ph Valentina Naselli
Valentina Gullace Ph Valentina Naselli

Tra i giudici della terza edizione di “All togheter now”

La musica è cambiata”, programma dedicato alla musica che vede quest’anno la sua terza edizione. Tra gli spalti del cosiddetto Muro Umano, composto da cento giurati tra cantanti, musicisti e volti noti dello spettacolo, siederà anche VALENTINA GULLACE, cantautrice e musical performer.

VALENTINA GULLACE, artista poliedrica che spazia dal teatro alla discografia alla tv, siederà come giudice tra gli spalti del Muro Umano di All together now, affiancando il lavoro di valutazione della giuria vip composta quest’anno da J-Ax, Anna Tatangelo, Rita Pavone e Francesco Renga.

La Gullace ha all’attivo un primo album di sue composizioni dal titolo “La mia stanza segreta” (Filibusta Records)impreziosito dalla presenza di Fabrizio Bosso alla tromba e già disponibile su tutte le piattaforme di streaming.

“La mia stanza segreta” è disponibile su Spotify al seguente link:https://spoti.fi/34W5XXn

Biografia

Cantautrice, attrice, performer di musical, Valentina Gullace inizia la sua carriera nel 2006 debuttando in teatro col ruolo di Maria Maddalena nel Jesus Christ Superstar della Compagnia della Rancia. In pochi anni diventa una delle interpreti italiane di musical più apprezzate ed è fra i protagonisti di spettacoli come: High School Musical, La febbre del sabato sera, Operazione San Gennaro, Aladin, Cabaret, A Bronx tale. Nel 2015 vince l’Oscar italiano del Musical per la sua interpretazione del ruolo di Inga in Frankenstein Junior. Nell’ultima stagione teatrale è nel cast di The Full Monty, in tour in tutta Italia e al Teatro Sistina di Roma. Conduce una trasmissione su Rai Scuola, Easy Genius, ed è uno dei 100 giudici nella prima edizione del programma di Canale 5 All Togheter Now, condotto da Michelle Hunziker. Parallelamente alla carriera teatrale svolge un’intensa attività live nel jazz club di tutta Italia, esibendosi nel repertorio swing e jazz. Il 27 settembre 2019 pubblica il suo primo disco da cantautrice: “La mia stanza segreta” (Filibusta Records), album impreziosito dalla presenza di Fabrizio Bosso alla tromba. Il disco viene presentato dal vivo al Festival Lucca Jazz Donna e alla Casa del Jazz a Roma. L’ultimo singolo “Respirare” è in rotazione radiofonica dal 10 luglio.

Facebook: www.facebook.com/valentinagullaceartista/
Instagram: www.instagram.com/valegullace

 

Valentina Gullace: “Respirare”

valentina-gullace
valentina-gullace

Da venerdì 10 luglio sarà disponibile in rotazione radiofonica RESPIRARE”, quinto ed ultimo brano estratto da “LA MIA STANZA SEGRETA” (Filibusta Records), ultimo album di VALENTINA GULLACE.

Caratterizzato da sonorità latine a metà strada fra bossa nova e pop, ed impreziosito dal contributo di Daniele Cordisco alla chitarra e di Fabrizio Bosso alla tromba, “RESPIRARE” è un vero e proprio inno alla leggerezza, ideale da cantare e ascoltare d’estate, stagione del caldo e della spensieratezza per eccellenza.

“Respirare” è, inoltre, il quinto ed ultimo singolo estratto dall’album “La mia stanza segreta”, ultimo progetto discografico di VALENTINA GULLACE.
Racconta l’autrice a proposito del nuovo singolo: «È un brano che ha rappresentato una sorta di catarsi per me. L’ho scritto perché desideravo sdrammatizzare la mia tendenza a complicarmi la vita con pensieri inutili, volevo alleggerire un po’ ed evadere da me stessa. A volte rischiamo di prenderci troppo sul serio e così ci perdiamo il lato semplice della vita e la bellezza del “qui ed ora”. Una delle frasi che più spesso mi sono sentita dire nella mia vita è: “Lasciati andare, respira!”, proprio perché sono una maniaca del controllo. Così, in una mattina del febbraio 2017 ho pensato di scrivere un brano per esorcizzare questo lato del mio carattere, attraverso il potente mezzo dell’autoironia».

Il videoclip di “Respirare”, diretto da Giacomo Citro, include una sequenza di immagini colorate, di scene divertenti, e vuole omaggiare i videogiochi degli anni ’80. La protagonista del video è una ragazza un po’ “nerd”, tormentata e decisamente impacciata. Durante l’ennesima noiosa serata sul divano davanti alla tv, si imbatte nel suo alter ego che incarna tutto ciò che lei vorrebbe essere: allegra, spensierata, e persino l’eroina di un videogioco.

Valentina Gullace: “Winter”

Valentina-Gullace
Valentina-Gullace

Da oggi, venerdì 6 marzo sarà in rotazione radiofonica “WINTER” (Filibusta Records), il nuovo singolo di VALENTINA GULLACE estratto dal suo ultimo album “La mia stanza segreta”, disponibile sulle piattaforme digitali e nei digital stores.

Una lettera scritta e mai consegnata, il lamento per un amore perduto che si vorrebbe ancora ardentemente accanto: “Winter” è una canzone che racconta di una sorta di delirio amoroso, una dimensione emotiva a metà fra la consapevolezza che tutto sia ormai finito e l’ingenua speranza di ricominciare insieme, meglio di prima.

Racconta Valentina Gullace a proposito del singolo: «Sono andata a ricercare le sensazioni di una me molto più piccola e immatura, una Valentina adolescente che inizia a capire cosa significhi perdere qualcuno che si ama. “Winter” esprime la difficoltà di elaborare la fine inevitabile di una relazione che forse non era davvero sana, ed è una difficoltà che forse tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita».