Tapiro d’oro a Veronica Gentili

STAFFELLI TAPIRO GENTILI
STAFFELLI TAPIRO GENTILI

Tapiro d’oro consegnato a Veronica Gentili, per il fuorionda trasmesso da Striscia  in cui dava dell’ubriacone al direttore di Libero Vittorio Feltri.

Intercettata a Roma da Valerio Staffelli, la Gentili ha detto: «Ricevere il Tapiro d’oro è un momento importante nella carriera di una persona». Ha poi aggiunto: «Si è ubriacato anche il Tapiro? Mi sono già scusata con una lettera».

La lettera, infatti, è pubblicata oggi su Libero con il commento di Feltri “da quale pulpito vengono le prediche contro di me”, accostato alle foto della conduttrice in costume da bagno.

La Gentili ha replicato: «Nel 2018 una paginata di foto in costume da bagno può legittimare o meno il pulpito? Quando leggerò tra le regole dell’Ordine dei giornalisti che le foto in costume da bagno non sono contemplate, allora le toglierò».

Staffelli ha chiesto alla Gentili se avrebbe querelato Feltri per aver detto che lei è una decerebrata, un’attrice prestata al mondo del giornalismo. Lei ha risposto: «Io non replico a tutta questa questione».

L’inviato di Striscia ha poi incalzato: «Abbiamo sentito che lei, che arriva dalla borghesia romana, ha usato il termine “cioccatelo”, che è un po’ da borgata, come mai?». La giornalista di Stasera Italia ha risposto: «Cerco di alternare un po’ i registri. Sono retaggi adolescenziali. Cioccatelo vuol dire guardalo».

ll Vecchio Principe, in scena a Campo Teatrale

vecchio principe 5
vecchio principe 5

Ritorna a Milano sul palco di Campo Teatrale “Il Vecchio Principe” ma stavolta con César Brie in scena.
In un ospedale geriatrico, Vecchio, un paziente anziano dice di venire da una stella dove ha lasciato un fiore. Antoine, l’infermiere, lo ascolta. A volte si spazientisce perché Vecchio si alza di notte, parla con persone che non ci sono ed è preoccupato per il fiore che ha abbandonato.

Il giorno delle visite arrivano il primario, un nipote ubriacone, una nipote donna d’affari sempre attaccata al cellulare e un altro visitatore che accende e spegne le luci di continuo. Vecchio si sente solo nell’ospedale, cerca gli uomini nei corridoi deserti, confonde i lampioni con le stelle e sogna il suo fiore col quale contemplava i tramonti.

Antoine comincia a capire che Vecchio è fedele ai propri ricordi e che il mondo gli sembra assurdo senza amicizia, amore e tempo per guardarsi intorno. Quando Antoine capisce che Vecchio gli sta insegnando a vivere in un’altra forma, Vecchio si accorge che è ora di tornare al suo pianeta.

Info spettacolo: www.campoteatrale.it/il-vecchio-principe/

CAMPO TEATRALE

via Cambiasi 10 – Milano
Metro MM2 Udine-Lambrate
Linee di superficie 55-62

Spettacolo in scena dal 28 febbraio al 4 marzo ore 21, domenica ore 16:00