Museo Vincenzo Vela: Stephan Micus in concerto

TLNSLO:  STEPHAN MICUS  :TALLINN,EESTI, 07JUN2007 Kunstikuusumis Kumu auditooriumis esines saksa muusik helilooja Stephan Micus. as/Foto  ARNO SAAR     SL ÕHTULEHT
 STEPHAN MICUS
Foto ARNO SAAR SL ÕHTULEHT

Quest’anno, cogliendo l’occasione dell’inaugurazione di AlpTransit, il Museo ha dedicato parte del suo lavoro di ricerca a «Le vittime del lavoro», l’opera di Vela che rende omaggio ai minatori del primo traforo ferroviario del Gottardo. A questo capolavoro è dedicato il numero 7 della collana di ricerca «Casa d’artisti. Quaderni del Museo Vincenzo Vela», dal titolo Le Vittime del lavoro di Vincenzo Vela, 1882.

Genesi e fortuna critica di un capolavoro, volume che viene presentato domenica 9 ottobre alle ore 16, alla presenza degli autori: Gianna A. Mina, Marco Marcacci, Gian Casper Bott, Giorgio Zanchetti, Federico Masedu e Vito Calabretta. Si tratta della prima monografia critica dedicata a questo capolavoro di Vela, una pubblicazione scientifica «corale», capace di porre sguardi e accenti diversi su un’opera così significativa da essere considerata uno dei primi monumenti europei dedicati alla classe operaia.

In cento pagine, esperti di diverse discipline si interrogano sulla valenza universale e sull’attualità delle «vittime del lavoro», sulla sua fortuna critica e artistica oltre che sulle origini storiche e sociali.

A seguire, alle ore 17.30, si terrà il concerto del polistrumentista e vocalist tedesco Stephan Micus, per la prima volta in concerto nella Svizzera italiana: un’occasione davvero unica, nata dall’inedita collaborazione tra il Museo Vincenzo Vela e RSI – Rete Due.

Musicista-culto nato in Baviera nel 1953, di formazione chitarrista, Micus ha all’attivo un’incredibile discografia composta da più di venti album realizzati dalla metà degli anni ‘70 ad oggi.

Creatore solitario (nei suoi dischi canta e suona tutti gli strumenti), la sua opera si situa in un ambito a metà strada tra la ricerca etnomusicologica, la world-music e la creazione colta contemporanea, con radici che affondano nella cultura alternativa dei primi anni ’70 e nello sviluppo, all’epoca, della cosmic music di gruppi tedeschi quali Popul Vuh e Ash Ra Temple.

Informazioni

Domenica 9 ottobre 2016

ore 16.00

Presentazione del settimo volume della collana di ricerca “Casa d’artisti. Quaderni del Museo Vincenzo Vela”, “Le vittime del lavoro di Vincenzo Vela, 1882. Genesi e fortuna critica di un capolavoro”. Alla presenza degli autori: Gianna A. Mina, Giorgio Zanchetti, Gian Casper Bott, Federico Masedu, Marco Marcacci e Vito Calabretta.

Entrata gratuita

ore 17.30

Stephan Micus in concerto

In collaborazione con RSI – Rete Due

Entrata intero: CHF 20.- / ridotto: studenti, apprendisti, AVS/AI, soci Club Rete Due CHF 15.- Informazioni e prenotazioni: museo.vela@bak.admin.ch o telefonicamente +41 – 58 – 481 30 44. I posti non sono numerati.