Avicii : “SOS”, singolo inedito

Avicii_Lead Press Shot_m
Avicii_Lead Press Shot_m

È disponibile in tutti gli store digitali “SOS”  di AVICII featuring ALOE BLACC, il primo estratto dall’album di inediti “TIM”, in uscita il prossimo 6 giugno.
Elegante e moderno, il brano disponibile da domani per la programmazione radiofonica, è costruito sulla crescente voce di ALOE BLACC ed è stato prodotto da Tim Bergling, Albin Nedler e Kristoffer Fogelmark.

Quando Tim se ne è andato, il 20 aprile del 2018 in Oman, questo brano era pronto al 90%. Kristoffer Fogelmark, che stava lavorando con Avicii a questo brano, ha dichiarato: “Subito dopo la sua morte, parlare di quello che era accaduto mi paralizzava, ma tutto quello che c’era da fare era completare la “visione” di Tim”.

Così hanno iniziato. Grazie al programma Fruity Loops, Albin e Kristoffer sono stati in grado di preservare le esatte note di Tim. “Lui aveva un modo completamente diverso di suonare il piano e le tastiere” dice Nedler. “Il risultato è che le sue dita a volte suonavano dei tasti inusuali, che in realtà rendevano quel suo suono unico. L’impronta di Tim è letteralmente presente in tutta ‘SOS’”.

Negli appunti recuperati dopo la sua morte, Tim parlava di voler collaborare nuovamente con ALOE BLACC, il vocalist della hit “Wake Me Up”, così Kristoffer e Albin l’hanno invitato a registrare le voci per “SOS”.

Parlando del brano ALOE BLACC ha raccontato: “Credo che ‘SOS’ sia una canzone all’avanguardia, se pensiamo al momento in cui Tim l’ha scritta. Questo testo parla chiaramente di alcune delle sue battaglie. Credo sia veramente importante affrontare questi argomenti, specialmente con la sua visibilità e la capacità di arrivare a così tante orecchie e cuori. Per dare alle persone le parole per dire “ho bisogno di aiuto”.

Giornata Nazionale lotta alla Pedofilia

infanzia
infanzia

In occasione della Giornata Nazionale per la lotta alla pedofilia e alla pedopornografia del 5 maggio, SOS Il Telefono Azzurro Onlus, come ogni anno, pubblica il Dossier sulla Pedofilia, con i dati aggiornati sulle segnalazioni ricevute dalle linee di ascolto 1.96.96, 114 Emergenza Infanzia e il servizio chat.

Solo nel 2015 le linee della associazione hanno gestito più di 4724 richieste di aiuto di bambini e adolescenti, delle quali 241 – circa il 5% sul totale – hanno riguardato situazioni di emergenza per abusi sessuali. Una tendenza in crescita rispetto agli anni passati, che diventa ancora più significativa se si considerano anche le segnalazioni ricevute dal 114 legate alla pedopornografia online (8,8%), raddoppiate rispetto al 2013 (4,4%).

La maggior parte degli abusi sessuali segnalati vengono messi in atto da persone conosciute (oltre il 76% dei casi della linea 1.96.96 e oltre il 54,3% dei casi per la linea 114), per lo più appartenenti al nucleo familiare. Si riscontra, tuttavia, un trend in aumento nella percentuale di responsabili estranei o amici/conoscenti esterni al nucleo familiare della vittima.

I dati confermano il “primato” femminile delle vittime di abusi (65%) e l’alta percentuale dei minori di 11 anni (oltre il 40%). Inoltre, anche se il numero di bambine vittime sotto i 10 anni rimane rilevante, risulta decisamente in crescita il numero delle adolescenti vittime di abusi sessuali: al 114 Emergenza Infanzia si è passati dal 22,3% del 2013, al 25% del 2014, al 33,3% del 2015.

Per quanto riguarda, invece, le vittime di sesso maschile, aumenta il numero dei bambini sotto gli undici anni (dal 40,8% del 2014 al 55% del 2015 sulle linee di ascolto; dal 50% del 2014 al 60,9% del 2015 al 114 Emergenza Infanzia).

Si conferma la prevalenze delle vittime di nazionalità italiana (con un dato che si attesta attorno all’85% dei casi). I bambini stranieri che chiedono aiuto al 114 risultano più coinvolti dei coetanei italiani nelle segnalazioni di sfruttamento della prostituzione e turismo sessuale.

“Per ogni bambino che è vittima di abusi c’è qualcuno che sa e non parla”, commenta il Professor Ernesto Caffo, Neuropsichiatra infantile e Presidente di SOS Il Telefono Azzurro Onlus, “Ma i bambini raccontano. Per questo, da quasi 30 anni esiste Telefono Azzurro: per raccogliere le loro voci e aiutarli, prima che gli esiti siano drammatici e fatali.

Lo studio di questi fenomeni e dei contesti in cui si verificano, la stretta collaborazione con istituzioni e servizi del territorio sono gli unici strumenti in grado di offrire una soluzione. Ma vanno supportati e rafforzati, affinché la prevenzione e la cura delle conseguenze psicologiche sulle vittime siano davvero possibili.
L’ abuso sui bambini si combatte ogni giorno con azioni concrete di tipo culturale, etico, educativo e terapeutico”.

Per questi motivi, Telefono Azzurro rinnova l’appello presentato lo scorso anno al Parlamento e al Governo affinché venga predisposto un piano di azione per il contrasto della pedofilia, degli abusi e dello sfruttamento sessuale.

#FermaLaPedofilia

 

 

 

Racconti intorno al fuoco al Villaggio SOS di Morosolo

villaggio sos

L’associazione varesina 23&20, in collaborazione con la Scuola dell’Infanzia San Gottardo Rasa e il
Comune di Varese, dopo il successo de “il pomeriggio dei bambini generosi”, ha individuato nel
Villaggio SOS di Morosolo la destinazione ideale della raccolta di giocattoli effettuata il 15
novembre scorso.

Dall’unione delle sinergie è così nato “Racconti intorno al fuoco”, un pomeriggio che si
svolgerà presso il Villaggio SOS di Morosolo, il giorno di Santa Lucia – Domenica 13 Dicembre –
in due momenti ben distinti:
dalle 15:00 alle 16:00 consegna dei giocattoli da parte di Babbo Natale ai bambini ospiti della
struttura, con truccabimbi, musica e taglio del panettone offerti dall’Associazione 23&20. Un
momento riservato ai soli bambini della struttura, al quale prenderanno parte le autorità locali, i
rappresentanti della Scuola dell’Infanzia San Gottardo di Rasa ed i dirigenti del Villaggio SOS.
Alle ore 16:00 fiabe animate con lo spettacolo “Racconti intorno al fuoco” a cura di Nadia Milani,
Serena Crocco e Matteo Moglianesi, nel salone del Villaggio SOS, in Via Emiliani 3 a Morosolo
(Casciago)

“Abbiamo deciso di organizzare un pomeriggio che porti un po’ di calore e di atm“Abbiamo deciso di organizzare un pomeriggio che porti un po’ di calore e di atmosfera natalizia a tutti i bambini ospiti della struttura” – dichiara Sonia Milani, Presidente dell’Associazione 23&20 “e di farlo consegnando i giocattoli usati, disinfettati ed incartati, raccolti durante il “pomeriggio dei bambini generosi” svoltosi presso l’Asilo della Rasa il 15 novembre scorso e con un paio d’ore dedicate all’allegria ed alla spensieratezza, che dovrebbero essere una prerogativa di tutti i bambini. Per questo ringrazio il Comune, nelle persone dell’Assessore Enrico Angelini e della Dott.ssa Elisa Di Giacomo – garante dell’infanzia – insieme ai dirigenti e funzionari del Villaggio, che ci ospitano con entusiasmo ed alla Scuola dell’Infanzia della Rasa, che ha condiviso con noi questa iniziativa.

Invitiamo tutte le famiglie varesine ad assistere allo spettacolo delle ore 16:00, non solo perché sarà molto bello, ma anche perché condivideranno un momento unico: la festa pre-natalizia di una grande famiglia.”
Un invito particolare è a tutti i bambini che, avendo rinunciato ad un proprio giocattolo il 15 novembre, contribuiranno a rendere felice un altro bambino il 13 Dicembre.
L’ingresso allo spettacolo è ad offerta libera ed al termine ci sarà una merenda per tutti. E’ gradita la prenotazione dei posti alla mail: info@23eventi.it