“QUANTI NOCC”: disco live di Davide Van De Sfroos

Davide Van De Sfroos_ph Enza Procopio
Davide Van De Sfroos_ph Enza Procopio

Il 22 novembre esce “QUANTI NOCC” (MyNina / Artist First), il nuovo disco live del cantautore e scrittore DAVIDE VAN DE SFROOS, in versione digitale, doppio CD e triplo vinile. L’album è disponibile da lunedì 4 novembre, in pre-order in edizione limitata autografata al seguente link: https://musicfirst.it/717-davide-van-de-sfroos-quanti-nocc.

Il disco live è lo specchio fedele del ritorno sul palco dell’artista, un intenso anno di concerti e viaggi ricchi di emozioni che ha reso ancora più forte il legame con il suo pubblico.

Al via dal 23 novembre da Varese l’instore tour, speciali appuntamenti in cui l’artista incontrerà i fan ed eseguirà i brani del nuovo disco.

Di seguito il calendario dell’Instore tour:

23 novembre, Varese Dischi – VARESE (ore 19.00)
24 novembre, CC Le Due Torri – STEZZANO BG (ore 16.00)
25 novembre Feltrinelli via Quattro Spade – VERONA (ore 18.00)
26 novembre Feltrinelli via Cantù – COMO (ore 20.00)
27 novembre Mediamarkt c/o CC Lugano Sud – LUGANO (ore 15.30)
28 novembre Feltrinelli Piazza Piemonte MILANO (ore 18.30)

«Un album di foto, di istantanee scattate in luoghi diversi, in città e serate differenti, dove lo spirito di ogni brano e di ogni suono si intrecciava alla notte e al pubblico in modo differente – spiega DAVIDE VAN DE SFROOS in merito al nuovo album – Abbiamo scelto tra centinaia di esecuzioni quelle che ci sembravano permeate da maggior forza ed eseguite con più convinzione, trasportati dal flusso possente delle esibizioni effettuate nel corso del TOUR DE NOCC che è stato seguito con molto affetto nei teatri e del VAN TOUR estivo che ha visto sotto il palco moltissime persone cantare e ballare nelle notti estive all’aperto nelle località più disparate. Sarebbe stato impossibile per me non desiderare un disco che riproponesse e fermasse nel tempo queste emozioni. La combinazione straordinaria dei musicisti e degli strumenti suonati mi ha fatto ritrovare dopo tante esecuzioni nel tempo, ancora una volta delle sorprese emotive tingendo le canzoni anche più famose con nuovi colori che le hanno rese uniche nel loro momento. Uno spruzzo di jazz, il folk che scherza insieme al Reggae, le ballate morbide con la suggestione di flauto, violino, fisarmonica e percussioni speciali, il rock che subentra teso e che poi si rilassa, sono ingredienti importanti del disco “Quanti Nocc” che oltre ai numerosi pezzi raccolti, testimonia anche un istante ben preciso nel corso di queste stagioni di concerti».