Valentino Vago, incisioni “en plein air”

Valentino Vago - Copertina -
Valentino Vago – Copertina –

Catalogo Ragionato dell’opera grafica di Valentino Vago
Mercoledì 12 dicembre, h.17,00
Accademia di Belle Arti di Brera, Sala Napoleonica
interverranno:  Claudio Cerritelli, Viviana Cresseri, Elisabetta Longari,  Ornella Mignone, Valerio Vago

La produzione incisoria di Valentino Vago si concentra in un ristretto arco di anni, dal 1952 al 1959.
L’artista si avvicinò a questa disciplina da studente, quando presso l’Accademia di Belle Arti di Brera
frequentò i corsi tenuti da Benvenuto Disertori. L’interesse per l’acquaforte trascese dunque lo
studio, come testimonia la sua iscrizione, dal 1957 al 1960, all’Associazione Incisori d’Italia e la
partecipazione a tutte le mostre e i concorsi organizzati dall’Ente, in quegli anni presieduto da Carlo
Carrà e Aldo Carpi.

Molte delle lastre prodotte da Vago sono state disperse, distrutte o irrimediabilmente rovinate,
cionondimeno il regesto oggi stilato si basa solamente sulle lastre e sulle stampe raccolte presso
l’Archivio Valentino Vago: un corpus di oltre quaranta incisioni ad acquaforte molte delle quali
rieditate nel 2014 a partire dalle lastre originali degli anni Cinquanta, il cui restauro e successiva
stampa si deve alla Stamperia d’Arte Pilar Dominguez, mentre la loro organizzazione in piccole serie
(Estate, Marine, Donne, Campagna e Oltre il paesaggio) è stata curata da Valentino Vago stesso.
L’attività incisoria di Vago appartiene a un’epoca così iniziale del suo percorso da rappresentare uno
stadio che precede il delinearsi la sua fisionomia di autore; nonostante questo la sua esperienza da
acquafortista è caratterizzata da una parabola ascendente: la produzione grafica nel periodo iniziale
risente di evidenti caratteri accademici da cui l’artista si affranca nel corso del decennio. Il segno
acquista via via scioltezza e fluidità di tratteggio, l’immagine è resa con andamenti immediati e liberi
di indagare i valori atmosferici in relazione alle figure, con un desiderio crescente di superare la cura
dei dettagli per giungere alla loro trasfigurazione poetica.
La vicenda incisoria di Vago si esaurisce nell’arco di pochi anni ma la qualità della sua ricerca e delle
opere prodotte ad acquaforte è testimoniata dalla loro presenza in prestigiose collezioni, come nel
caso della Civica Raccolta Bertarelli presso il Castello Sforzesco e la Civica Raccolta del Disegno di
Salò.

BIOGRAFIA
Nato a Barlassina nel 1931, Valentino Vago frequenta l’Accademia di Brera nei primi anni Cinquanta: suoi compagni di studi
sono stati tra gli altri Valerio Adami, Bepi Romagnoni, Kengiro Azuma, Floriano Bodini. Nel 1960 inaugura la sua prima
rilevante personale al Salone Annunciata di Milano con una presentazione di Guido Ballo. Tra anni Sessanta e Settanta si
succedono personali all’Annunciata e nella galleria Morone 6 di Milano, ma anche da Martano a Torino e Contini a Roma. Nel
1972 vince il XXVI Premio Michetti. In questo stesso anno il suo lavoro è accostato a quello degli esponenti della Pittura
Analitica o Nuova Pittura, con i quali peraltro espone nelle mostre “fondative” di questa tendenza, ma senza mai sentirsi
totalmente in sintonia con essa. Nel 1980 il Palazzo Reale di Milano ospita un suo intervento ambientale intitolato Tre stanze
in scala tonale. L’anno precedente a trasformarsi in una grande opera pittorica tridimensionale erano stati gli spazi della Cassa
Rurale e Artigiana della sua città natale, Barlassina, che nel 1982 vedrà anche la chiesa parrocchiale di San Giulio trasformarsi
grazie alle campiture blu di Vago. Con gli anni Ottanta giungono anche la prima antologica al PAC di Milano, un ampio
consenso internazionale, un’attività espositiva che spazia dall’Europa all’America Latina. Si susseguono inoltre le collaborazioni
con architetti e gli interventi in chiese italiane e straniere. Nel 2007 l’artista dipinge i 12.000 mq di superficie della chiesa di
Nostra Signora del Rosario a Doha, in Qatar. Nel 2011 Skira da alle stampe i tre volumi di cui è composto il suo Catalogo
Generale. Nel 2017 termina l’opera ambientale nella Chiesa di San Giovanni in Laterano a Milano, che intitola Il mio Paradiso.
Muore a Milano il 17 gennaio 2018.