Obihall Firenze: Peter Bence

Peter Bence
Peter Bence

Il suo punto di forza? Abbattere le barriere tra classica e pop: uno stile moderno che porta il pianoforte ad un nuovo livello, ispirando giovani generazioni di musicisti e amanti della musica di tutto il mondo.

Ex enfant prodige, formazione accademica, Peter Bence approda, con il suo pianoforte, venerdì 7 dicembre all’Obihall di Firenze, ultima tappa del nuovo tour italiano, previsto per la scorsa primavera e poi posticipato: a tale proposito ricordiamo che restano validi i biglietti che riportano la data del 23 maggio.

I biglietti (posti numerati da 28 a 40 euro) sono in prevendita nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101). Info tel. 055.667566 – 055.6504112 – www.bitconcerti.it.

Occasione unica per vedere da vicino il talento dell’artista ungherese, sul palco con uno straordinario show tra arrangiamenti crossover e composizioni originali inedite.

Sipari d’Artista: “Bestiario del firmamento”

Luigi Mainolfi “Bestiario del firmamento -Sipario-dartista-phMarcoBorrelli_
Luigi Mainolfi “Bestiario del firmamento -phMarcoBorrelli_

Sabato 21 aprile alle 11.30 all’Obihall di Firenze grande festa, a cui tutti sono invitati, per l’inaugurazione del nuovo Sipario d’artista, progetto dell’Associazione Amici della Contemporaneità Teatrale, voluto nel 2005 da Claudio Bertini e Massimo Gramigni, grazie all’incoraggiamento di uno dei più grandi ed eccentrici appassionati d’arte contemporanea che Firenze abbia mai avuto, Pier Giovanni Marzilli, all’aiuto nelle scelte del gallerista Santo Ficara e al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

L’opera SIPARI D’ARTISTA /Bestiario del firmamento di Luigi Mainolfi, sagome di animali fantastici di velluto bianco, visioni ancestrali tipiche del lavoro dell’artista campano, applicati su uno sfondo di velluto blu notte, andrà ad arricchire l’originale collezione di arte contemporanea che annovera sipari firmati da importanti artisti contemporanei italiani.

Alla collezione, iniziata nel 2005 con Applausi di Aldo Mondino, si sono aggiunti negli anni i lavori di Carla Accardi (Rossoro, 2007), Getulio Alviani (Permutabile negativopositivo, 2009), Mimmo Paladino (Attori, 2012), Nicola De Maria (Musica colorata dai sogni, 2015) fino al magnifico del 2016 di Pino Pinelli Pittura R, 2015 – 101 Elementi.I .

Inaugurazione Sipario d’artista / Bestiario del firmamento di Luigi Mainolfi
sabato 21 aprile 2018 ore 11.3
Firenze, Obihall, via Fabrizio De André
info@obihall.it www.obihall.it

Obihall Firenze : “In…Tolleranza Zero”

Pucci jpg
Pucci jpg

Dopo 70 sold out, Andrea Pucci torna a teatro con “IN…TOLLERANZA ZERO”, spettacolo in cui il comico, sostenuto musicalmente dalla Zurawski live Band, rende esilarante la fatica del vivere a 50 anni.

A un anno esatto dall’ultimo pienone, l’appuntamento con il pubblico fiorentino è fissato per venerdì 9 febbraio all’Obihall (ore 21 – biglietti posti numerati da 23 a 34 euro – prevendite www.boxol.it e www.ticketone.it – info tel. 055.6504112 – www.obihall.it)

L’interagire con moderne e incomprensibili mode, nuove tecnologie, l’educazione dei figli e le loro devastanti e dispendiose attività extrascolastiche, rende tutti INTOLLERANTI.

Pucci, appesantito dagli acciacchi del mezzo secolo, sarà costretto a rivoluzionare la sua vita con esami clinici, esercizi fisici e ad un nuovo tipo di alimentazione per rimanere in forma e vitale. Racconterà l’affrontare un mondo dove sono diventati indispensabili strumenti che fino a poco tempo fa erano inutili e ridicoli.

L’attore comico italiano con i ritmi più incalzanti e l’energia a “ciclo continuo”, evita la satira politica preferendo quella di costume. La quotidianità è l’argomento centrale:

“Non tollero quando vai in pizzeria a prendere le pizze da portare a casa agli amici: sei lì da solo e ordini 3 margherite, 2 quattro stagioni, 1 coi funghi e 3 Napoli e il pizzaiolo ti fa: Da portare via? – No, le mangio qua tutte io! Guardi, da bere solo un bicchiere d’acqua!”.

“Non tollero quando vai in aeroporto, al banco del check-in consegni due biglietti e l’impiegata ti fa: Siete in due? – No siamo in 38, adesso arriva il pullman.

“IN….TOLLERANZA ZERO” Andrea Pucci sfonda le assurde porte che bisogna superare ogni giorno per tornare a casa sani e salvi a colpi di un “in…tolleranza” dalla comicità energica e devastante. Regia di Dino Pecorella.