“Viaggio nella grande bellezza” su Canale 5

Cesare Bocci
Cesare Bocci

«VIAGGIO NELLA GRANDE BELLEZZA»: ROMA

Cesare Bocci guida d’eccezione nella Capitale, museo a cielo aperto

unico al mondo, martedì 12 gennaio, in prima serata.

Martedì 12 gennaio, in prima serata, su Canale 5, nuovo appuntamento con «Viaggio nella Grande Bellezza», la serie di doc-evento della rete ammiraglia Mediaset, con Cesare Bocci in veste di guida d’eccezione.

Protagonista della puntata, Roma, museo a cielo aperto unico al mondo.

Bocci racconta la Capitale con i suoi tesori, quelli più belli e ricchi di storia: dal Campidoglio ai Fori, da Ponte Sant’Angelo a Palazzo Colonna. Girata nel periodo del primo lockdown, la puntata mostra luoghi come Piazza di Spagna o Piazza Navona da una prospettiva insolita, nel silenzio della notte e senza le folle di turisti. E attraverso testimonianze, brani di fiction e ricostruzioni, in cui il conduttore incontra i protagonisti dell’arte e della storia della Città Eterna: Michelangelo, Raffaello, Bernini, Borromini, Donna Olimpia, l’Imperatore Tito…

Opere d’arte illustrate da Cesare Bocci:

Michelangelo Buonarroti Il Campidoglio

autore sconosciuto La stata equestre di Marco Aurelio

Raffaello Trionfo di Galatea

Raffaello Madonna del Cardellino

Gian Lorenzo Bernini Fontana dei Quattro Fiumi

Annibale Carracci Mangiafagioli

autore sconosciuto Spinario

I prossimi appuntamenti con il programma realizzato da RTI, in collaborazione con la RealLife Television di Maurizio Rasio e la regia di Roberto Burchielli, prevedono Firenze e Milano di Leonardo (il 19), Torino (il 26) e, infine, il 2 febbraio, Assisi e Orvieto.

Ospite fisso, Umberto Broccoli. Testi coordinati da Anna Pagliano. Produttore Mediaset, Monica Paroletti. Capo progetto e curatore del programma, Giuseppe Feyles.

“Monumentale 4 Kids”

Monumentale 4 kids
Monumentale 4 kids

Monumentale. Torna la rassegna teatrale dedicata ai ragazzi

Sabato 19 settembre doppio appuntamento con “Monumentale 4 Kids”, per raccontare ai più giovani la storia, l’arte e le memoria del più ¬grande Museo a cielo aperto della città

Riprende, dopo la sospensione dovuta all’emergenza sanitaria, “Monumentale 4 Kids”, la rassegna di spettacoli teatrali gratuiti per ragazzi dagli 8 ai 13 anni all’interno del Cimitero Monumentale.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano e realizzata da Fondazione Milano, che da tempo collabora per la valorizzazione culturale del Cimitero Monumentale attraverso gli appuntamenti domenicali gratuiti della rassegna “Museo a cielo Aperto”.

In tre giornate – sabato 19 settembre, sabato 3 ottobre, sabato 17 ottobre – si susseguiranno cinque appuntamenti gratuiti con due spettacoli scritti ad hoc e interpretati da diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi con i musicisti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado: protagonisti lo spirito creativo di Bruno Munari e l’opera immortale di Alessandro Manzoni.

Il progetto sceglie il linguaggio del teatro per avvicinare i più giovani a un luogo ricco di arte e memoria, che nel 2019 ha accolto tra i suoi viali alberati oltre 100mila visitatori.

“Monumentale 4 kids” mette in scena le storie dei personaggi che hanno fatto grande Milano, molti dei quali sepolti e ricordati al Cimitero Monumentale, e le cui storie aspettano solo di essere raccontate.

Il primo appuntamento è sabato 19 settembre alle ore 11.30 e alle ore 15 con lo spettacolo “Tutto ciò che prima non c’era” di Luca Rodella con Paola Campaner, Giuseppe Palasciano e musiche di Roberto Dibitonto. Grazie allo spirito creativo di Bruno Munari scopriamo come anche un mondo ultraterreno sia tutto da creare, in un viaggio fantastico tra le tombe del Monumentale, tra musica, colori, forme e scarabocchi. I ragazzi saranno condotti in un aldilà tutto da immaginare e inventare, perché fantasia è tutto ciò che prima non c’era anche se irrealizzabile.

Lo spettacolo sarà replicato sabato 17 ottobre alle 11.30 e alle ore 15.

Sabato 3 ottobre alle ore 15 andrà invece in scena lo spettacolo “Oserei dire: Provvidenziale!” di Luca Rodella con Giuseppe Palasciano, Sara Zanobbio e musiche di Roberto Dibitonto. Due istrioni del Seicento irrompono in scena a suon di versi: lui sanguigno e prepotente, lei cauta e di lui innamorata. L’impresa impossibile è creare un’opera immortale, che narri l’Italia degli umili e oppressi, coi suoi paesaggi colmi di speranze e timor di Dio, e poi ancora le crisi, le pestilenze, le ottusità popolari, qualche virtù… Un assaggio dei Promessi Sposi di Manzoni in chiave leggera e divertente.

Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto dei protocolli di sicurezza e saranno confermati anche in caso di pioggia.

L’ingresso agli spettacoli è gratuito con prenotazione obbligatoria. Dato il numero limitato di posti disponibili si accetta la prenotazione di un solo accompagnatore per ogni bambino.

Per le prenotazioni del primo appuntamento di sabato 19 settembre: https://monumentale4kids-19sett2020.eventbrite.it/

 

Rassegna “Museo a cielo aperto”

cieloaperto
cieloaperto

Un ricco weekend tra arte, storia e cultura al Cimitero Monumentale. Torna domani, sabato 23 giugno, l’appuntamento con la compagnia di teatro per ragazzi “Ditta Gioco Fiaba”, che dallo scorso anno ha avviato un progetto sperimentale per la creazione di percorsi di visita teatralizzata al Cimitero Monumentale dedicati ai bambini e ai ragazzi.

Le proposte del progetto, che durante gli scorsi mesi hanno accolto la partecipazione delle scuole cittadine, proseguono nel periodo estivo con alcune iniziative dedicate alle famiglie.

Sabato 23 a partire dalle 10 i misteriosi soci del Gabinetto per la Catalogazione delle Creature di Pietra del Dottor Paolo Gorini attenderanno nel piazzale esterno le famiglie con bambini a partire dai 5 anni per invitarle a una strana “caccia al tesoro”. Il Monumentale nasconde infatti fra le numerose sculture alcune creature di pietra assopite e compito dei partecipanti sarà trovarle e raccogliere le informazioni fondamentali per gli studi del Dott. Gorini. I più attenti riceveranno l’ambito riconoscimento di “Allievi Catalogatori”.

Domenica 24 giugno torna la rassegna “Museo a cielo aperto”. Il Cimitero Monumentale diventa palcoscenico musicale e cinematografico grazie ai diplomati e allievi della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti e della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi che dalle 10 alle 13 animeranno i viali dello scrigno d’arte progettato da Carlo Maciachini.

Per tutta la mattina, dalle 10 alle 13, in sala conferenze saranno proiettati alcuni cortometraggi realizzati dalla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti: sette esercitazioni di fotografia realizzate nel 2018 dagli studenti del terzo anno del corso di Ripresa, già presentate nella mostra “70+1 Abitare per esistere”, che hanno tratto spunto creativo dalla collaborazione con l’artista Davide Pizzigoni per confrontarsi con l’immagine e la fotografia.

Alle 10, alle 10.30 e alle 11.30 dal piazzale esterno partiranno le visite guidate a cura dei volontari del Servizio Civile del Cimitero Monumentale, i percorsi dal titolo Il Liberty al Monumentale a cura di Marta Corengia, Monumentale d’avanguardia: Marinetti e i futuristi a cura di Chiara Franchi,

Il mio nome è Nessuno: il mito greco al Monumentale a cura di Massimo Alessandrini saranno dedicati ad approfondire alcuni aspetti e curiosità all’interno del ricco patrimonio storico e scultoreo custodito nel Cimitero.

Le visite guidate sono gratuite e prenotabili al gazebo a partire dalle ore 9.30 fino al raggiungimento del numero massimo previsto per gruppo.

Alle 11 nella galleria inferiore di ponente, alle 11, andrà in scena un corto teatrale, scritto ad hoc e interpretato da diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi. Protagonista della breve pièce un personaggio celebre sepolto al Cimitero che, attraverso il rito del teatro, incontra i cittadini contemporanei: Walter Chiari.

Ritira un premio alla carriera nella prima e unica edizione del “Sarchiapone d’oro”, il celebre attore comico chiamato dall’aldilà apposta per l’occasione. Un premio ironico e inesistente proprio come l’animale inventato nella sua gag più famosa.

L’attore che già in vita ha vissuto tra paradiso e inferno non perderà la possibilità di perdersi ancora, come solo lui può fare, nei meandri dei ringraziamenti pregni di storie e buffi aneddoti, fino a svelarci il segreto della nascita della risata, compreso solamente a cavallo tra la vita e la morte.

Il “Sarchiapone d’oro – l’eterna risata di Walter Chiari” è scritto da Luca Rodella, interpretato da Stefano Annoni con le musiche di Francesco Marchetti.

Chiude il primo appuntamento il concerto “A journey from the 60’s to our music” di Triocheco (Gabriele Bertossi, basso elettrico – Giovanni Bergamini, pianoforte e tastiere – Davide Borgonovo, batteria) in programma alle 12 nella galleria superiore di ponente. Il programma musicale comprende sia arrangiamenti per trio dei classici del jazz di fine anni ’50 e inizio anni ’60 (autori come John Coltrane, Herbie Hancock, Wayne Shorter) sia composizioni originali.

La rassegna “Monumentale: Museo a cielo aperto” proseguirà ogni ultima domenica del mese fino a ottobre, con una serie di appuntamenti che vedranno nuovamente teatro, musica, cinema e passeggiate tematiche raccontare il Cimitero Monumentale e le sue bellezze: il 29 luglio, 26 agosto dalle 10 alle 13, il 30 settembre e 28 ottobre dalle 10 alle 18.

Museo a cielo aperto

ultima-cena-monumentale-
ultima-cena-monumentale-

Un’occasione speciale per conoscere uno dei tesori di Milano. Domani, domenica 24 settembre, dalle 10 alle 18, al Cimitero Monumentale è in programma una giornata ricca di appuntamenti gratuiti con il teatro, la musica, il cinema, le passeggiate tematiche. L’iniziativa fa parte della rassegna Museo a Cielo Aperto, promossa dal Comune di Milano e realizzata da Fondazione Milano – Scuole Civiche presente con diplomati e allievi della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti e della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi.

Due tipologie di visite guidate soddisferanno la curiosità dei visitatori che si avvicinano per la prima volta al Cimitero Monumentale o che vogliono scoprire di più delle sue bellezze artistiche e del suo patrimonio di memorie storiche.

Con le passeggiate tematiche nei viali dell’eternità in compagnia dei protagonisti della Milano di oggi il pubblico sarà accompagnato da personaggi milanesi contemporanei alla scoperta del passato: alle 11.00 il vicedirettore del Corriere della Sera Giangiacomo Schiavi proporrà un percorso dal titolo “Bonadonna e la medicina dei grandi”; alle ore 11.30 Alberto Bentoglio, docente di Discipline dello Spettacolo all’Università degli Studi di Milano guiderà la passeggiata “Parole alate fra musica e teatro”; alle 15.30 Barbara Bracco, docente di storia all’Università degli Studi Milano – Bicocca, condurrà i visitatori in un “Viaggio nella storia dell’arte. I pittori del Monumentale”.

Sono previste anche due visite guidate a tema a cura delle volontarie del Servizio Civile e del personale dipendente del Cimitero Monumentale dedicate ad approfondire alcuni aspetti e curiosità all’interno del ricco patrimonio scultoreo custodito nel Cimitero. Alle 10.00 e alle 15.00 Guido Scovino porterà alla scoperta de “La presenza femminile al Monumentale”; Alle 10.30 e alle 16.00 la volontaria del Servizio Civile Elisabetta Dolcino parlerà de “I Simboli funerari”.

Le passeggiate e le visite guidate sono gratuite e prenotabili al gazebo a partire dalle ore 9.30 fino al raggiungimento del numero massimo previsto per gruppo.
In sala conferenze, alle 10.15 e alle 15.30 saranno proiettati i cortometraggi nati nell’ambito di Arte Viva – Storie dal Monumentale, un progetto di alternanza Scuola-lavoro dell’ITSOS “Albe Steiner” di Milano a cura di Maria Elena Arcangeletti, docente di Linguaggio del Cinema e della Televisione e Ettore Bordieri, docente di Tecnologie della Comunicazione. Gli studenti presenteranno quattro brevi “videoracconti” ispirati ai personaggi sepolti al Cimitero Monumentale di Milano: Arturo Toscanini, Wanda Osiris, Gaby Angelini e Umberto Fabè.

Sempre in sala conferenze, dalle 11 alle 15 sarà proiettato il cortometraggio “Samanta” realizzato dagli studenti della Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, regia di Marco Musso (durata 20’). Protagonista di questa breve fiction è Ringo, un uomo tormentato dal fantasma della sua defunta moglie Samanta, che appare nei momenti meno opportuni rovinandogli la vita e impedendogli di portare avanti la relazione con la sua nuova ragazza, Julie. Ringo tenta in ogni modo di liberarsi di Samanta chiedendo aiuto a diversi personaggi: un’analista, il vagabondo Mr. Wallace e Lorena, una fattucchiera dai metodi discutibili.
Il programma teatrale proporrà alcuni corti scritti ad hoc e interpretati dai diplomati della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi.
Nella Galleria inferiore di levante, alle 11 e alle 15, andrà in scena “Toscanini e i coristi” di Luca Rodella con Stefano Annoni, Luca D’Addino, Giuseppe Palasciano e Sara Zanobbio. Tre oscure figure si aggirano tra i loculi del Monumentale. Non parlano ma intonano arie polifoniche di Rossini, Verdi e Puccini. Sono tre funzionari dell’aldilà e hanno un compito: restituire la memoria all’ignaro spirito del sommo Arturo Toscanini.

Il trapasso infatti gli ha tirato un brutto scherzo, il Maestro ricorda la sua musica ma non le sue azioni, la sua vita e il peso storico che ha avuto nella lotta contro i regimi nazifascisti. Così, grazie ai canti dei tre angeli neri e all’aiuto del pubblico, la stessa di Toscanini tornerà a brillare.

Alle 12.15 e alle 16.15, nella Galleria superiore di ponente, “Oserei dire: Provvidenziale!” di Luca Rodella con Giuseppe Palasciano e Sara Zanobbio musiche di Roberto Dibitonto porta in scena due istrioni del Seicento: lui sanguigno e prepotente, lei cauta e innamorata di lui. L’impresa impossibile è creare un’opera immortale, che narri l’Italia degli umili e oppressi, coi suoi paesaggi colmi di speranze e timor di Dio, e poi ancora le crisi, pestilenze, le ottusità popolari, qualche virtù, troppo per due ciarlatani come loro.

Forse la Provvidenza, con l’aiuto del teatro, lascerà ai due l’illusione di un matrimonio inatteso, ma di sicuro tramanderà il gran soggetto a un autore futuro più competente, letterato e immortale.
Due concerti completeranno il programma della giornata. Alle 12.30 la Cappella ospiterà il concerto di musica barocca “Amor, crudele amor” con Caterina Chiarcos, soprano, Iris Fistarollo, viola da gamba e Maximiliano Pacheco, tiorba. Nel cortile interno alle 16.45 il gruppo SOUND 4 4TET (Rodolfo Rondinelli, trombone, Elia Calvi, sax, Francesco Marchetti, contrabbasso e Fabrizio Carriero, batteria) proporrà il concerto “Dialoghi nel Jazz, una storia narrata in suoni”.

La formazione propone un repertorio misto di composizioni originali e arrangiamenti di composizioni preesistenti, esplorando le possibilità comunicative che offrono le strutture musicali tipiche del jazz e ponendo l’accento sulla collaborazione estemporanea tra i musicisti, fra intrecci ritmici e suoni colore.
L’ultimo appuntamento del 2017 con la rassegna “Monumentale: Museo a Cielo Aperto” è in programma domenica 29 ottobre dalle 10 alle 18.