Paolo Conte, Via con me

PaoloConte_POSTER
PaoloConte_POSTER

Paolo Conte, Via con me è un itinerario ideale con la voce narrante di Luca Zingaretti per raccontare un personaggio eclettico e, per certi versi, misterioso. Una grande storia, non soltanto musicale. È un intreccio di parole, versi e musiche che scattano foto del nostro immaginario attraverso le canzoni, i concerti, gli amici e le riflessioni del grande artista astigiano.

Il regista Giorgio Verdelli ha attinto all’immenso patrimonio dell’archivio personale di Conte, unendolo a materiale realizzato ad hoc: interviste, riprese dei tour internazionali e occasioni di una carriera unica. Con una straordinaria carrellata di testimonianze – Roberto Benigni, Vinicio Capossela, Caterina Caselli, Francesco De Gregori, Stefano Bollani, Giorgio Conte, Pupi Avati, Luisa Ranieri, Luca Zingaretti, Renzo Arbore, Paolo Jannacci, Vincenzo Mollica, Isabella Rossellini, Guido Harari, Cristiano Godano, Giovanni Veronesi, Lorenzo Jovanotti, Jane Birkin, Patrice Leconte, Peppe Servillo – il film si inoltra nel labirinto delle canzoni di Conte, anche quelle scritte per gli interpreti più diversi (Adriano Celentano, Enzo Jannacci, Jane Birkin, Caterina Caselli, Bruno Lauzi), oltre che nel labirinto delle sue passioni (il jazz, l’enigmistica, la pittura, il diritto, il cinema).

Alla base del progetto c’è una lunga intervista “intima” di Verdelli a Paolo Conte, in cui i racconti di personaggi, canzoni e vicende umane mescolano tenerezza, ironia e charme tipici dell’avvocato di Asti che ci accompagnano in una scoperta continua tra il noto e l’inedito, tra le storie, i versi e le canzoni di quello straordinario altrove che è il mondo di Conte.

Paolo Conte, Via con me è prodotto da Sudovest Produzioni, Indigo Film in collaborazione con Rai Cinema e sarà nelle sale italiane solo il 28, 29, 30 settembre distribuito da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio Capital, MYMovies.it, Rockol.it e con Concerto Music.

RE-TOUR – Davide Van De Sfroos

Davide Van De Sfroos
Davide Van De Sfroos

Al via il 16 agosto da TRAVO (PC), in occasione del Travo Balafolk Festival, il RE-TOUR, il tour estivo del cantautore e scrittore DAVIDE VAN DE SFROOS (biglietti disponibili su www.botteghinoweb.com).

Uno spettacolo speciale, dominato dalla forte voglia di ripartire, che segna un importante ritorno sul palco dopo il periodo trascorso di estrema emergenza sanitaria.

Davide Van De Sfroos si esibirà in versione “street”, accompagnato dal suono di un violino, di una tastiera, di una chitarra e della batteria. Una formazione ridotta ma che sarà comunque in grado di coinvolgere il pubblico al ritmo dei più importanti brani del suo repertorio da “Ninna nanna del contrabbandiere” a “Yanez”.
Nel corso delle serate si alterneranno sul palco anche vari ospiti.

Queste le prime date di RE-TOUR:

16 agosto Travo (PC) – Travo Balafolk Festival, Parco Archeologico (biglietti disponibili su www.botteghinoweb.com)
22 agosto Livigno (SO) – (ingresso libero previa prenotazione);
27 agosto Omegna (VB) – 117ª Edizione Festeggiamenti San Vito Omegna (ingresso libero previa prenotazione su siti predisposti per l’evento San Vito 2020);
5 settembre Courmayeur (AO) – Palazzo del Ghiaccio (ingresso libero previa prenotazione);
6 settembre Saluzzo (CN) – Festival Occit’Amo, Ex Caserma Mario Musso, Piazza Montebello 1 (biglietti disponibili su www.mailticket.it).
I concerti sono realizzati nel completo rispetto delle norme vigenti.

Van De Sfroos al Manzoni Cultura

Davide Van De Sfroos
Davide Van De Sfroos

L’apertura della quarta edizione della rassegna “Manzoni Cultura” ha visto protagonista sul palcoscenico del Teatro Manzoni il cantautore comasco Van De Sfroos che si è raccontato, rivelando il suo lato più umano, nell’intervista con Sylos Labini, ideatore della rassegna.

Le storie che racconta Van De Sfroos non sono fatte solo di musica ma di un insieme vorticoso di elementi: la passione per la scrittura, l’attaccamento alle origini laghèe, l’amore per il dialetto. Grazie alle domande incalzanti dell’attore e regista Edoardo Sylos Labini, il pubblico del Teatro Manzoni ha scoperto, ieri sera, gli aneddoti di una delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana. Dopo il successo del concerto-evento a San Siro dello scorso giugno, il cantastorie vincitore di due Premi Tenco, celebre per i testi in dialetto comasco, ha rivelato il suo lato più umano, più oscuro e sconosciuto al grande pubblico.

“Il dialetto non è uno slang, tantomeno uno slang di “minore” importanza. Il dialetto è di fondamentale importanza, perché noi viviamo in quella lingua. È un “esserci” d’ordine antropologico, non si elimina un’identità: cancellare i dialetti sarebbe come voler piallare gli Appennini o raddrizzare la Torre di Pisa”, afferma Davide Van De Sfroos, come riportato da ilgiornaleOFF.it. Parlando di musica, aggiunge: “Le canzoni ti possiedono, sono una luce che va accontentata: la devi portare su carta, prima, e al pubblico, poi. Questa luce, La canzone, è un fantasma, ma anche un amico, sei tu. È il fondo dell’inconscio: un linguaggio da decodificare”.

Cantautore, chitarrista, scrittore comasco, sono molti i termini per descrivere l’artista e Edoardo Sylos Labini, nei panni di intervistatore, ha saputo oltrepassare le barriere più intimi dell’ospite e tenere il pubblico appeso alle dichiarazioni rivelate spontaneamente nel corso dell’intervista. “Gli spettatori del Teatro Manzoni hanno partecipato calorosamente alla serata, tenendo gli occhi fissi sull’ospite che ha catalizzato l’attenzione del pubblico meneghino, e non solo – afferma Edoardo Sylos Labini, attore, regista e curatore del Manzoni Cultura – L’emozione che si percepiva in sala era qualcosa di speciale che spero potrà ripetersi negli incontri successivi della rassegna”.
Il prossimo appuntamento è fissato per mercoledì 22 novembre con Ambra Angiolini e Matteo Cremon al Mondadori Megastore di piazza Duomo, grazie alla partnership con Mondadori Store; mentre l’ultimo incontro dell’anno sarà il 18 dicembre con il regista napoletano Vincenzo Salemme, presso il Teatro Manzoni di Milano.
Oltre a Mondadori Store, main sponsor, si rinnova per il quarto anno consecutivo la collaborazione con Elior e, da quest’anno, anche con Unibell, partner ufficiali della rassegna.