Freddy aggiustatutto: Teatro Martinitt

Freddy-
Freddy-

Puntuale arriva in scena lo spettacolo vincitore della quinta edizione del concorso Una commedia in cerca d’autori, indetto dal Teatro Martinitt e dal suo gemello romano Teatro De’ Servi a sostegno della commedia brillante italiana. Una storia giovane, vicina ai giovani, che punta i riflettori sul mondo dei riflettori, ovvero il fenomeno attualissimo dei reality-show.

Dietro le risate, ecco però emergere la nostra immancabile domanda esistenziale: apparire o essere?

In scena dal 15 marzo al 1°aprile.

In questo inedito spettacolo, vincitore della quinta edizione del concorso Una Commedia in Cerca d’Autori, il protagonista -abbagliato dai riflettori, spiato dalla telecamera, ingabbiato negli stereotipi e asservito ai desideri di un pubblico sempre più indiscreto- si trova a scegliere tra essere e apparire.

Una scelta tutt’altro che facile… Risucchiato dalla real tv, che tutto è tranne che reale, perde il contatto con la realtà e di vero non ha più nemmeno il nome. In nome del successo accetta di apparire l’esatto opposto di quel che è.

In un continuo gioco tematico e stilistico, in un dubbio amletico più alla Gabbani che alla Shakespeare, il giovane protagonista incontra improvvisamente l’amore e tutto il sistema entra in cortocircuito.

Davanti allo specchio, le maschere indossate cominciano a cadere, ma forse solo per accoglierne di nuove.

FREDDY AGGIUSTATUTTO è una commedia di Tobia Rossi e Lorenzo Riopi, diretta da Roberto Marafante, con Giuseppe Cantore (Giorgio), Giulia Carpaneto (Nadia), Matteo Nicoletta (Freddy), Alessia Punzo (Anna), Alessandra Schiavoni (Cora). Produzione La Bilancia.

Nel mondo luccicante e artefatto della tv che pretende di fotografare la realtà e finisce invece per condizionarla, Freddy Aggiustatutto è un giovane in cerca di successo che partecipa a un reality show. La produzione gli impone lo stereotipo del macho irresistibile, cui rivolgersi per risolvere qualsiasi tipo di problema.

Da qui anche la scelta del nome d’arte, cui il ragazzo cercherà di essere fedele provando almeno ad aggiustare la propria vita. In un gioco tra teatro e tv-verità, nell’eterno dubbio tra essere e non essere, si assiste a un progressivo smantellamento delle maschere… anche se i personaggi si riveleranno in fondo molto più veri di quel che appare. Freddy Aggiustatutto dovrà cercare di rincollare i pezzi… almeno della sua vita, davanti e dietro la cinepresa.

Info e prenotazioni:
TEATRO/CINEMA MARTINITT
Via Pitteri 58, Milano – Tel. 02 36.58.00.10 – Parcheggio gratuito.

Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.
Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20.

Anteo Palazzo del Cinema: rassegna Sigmund Freud – tra cinema e teatro

miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema
miano-all-anteo-nuovi-spazi-per-il-palazzo-del-cinema

Al via lunedì 5 febbraio all’Anteo Palazzo del Cinema
la rassegna SIGMUND FREUD – Tra cinema e teatro

Un percorso, attraverso il cinema, per avvicinarsi a Freud

La rassegna, organizzata da Piccolo Teatro di Milano e Anteo Palazzo del Cinema, in collaborazione con Intesa San Paolo, propone una selezione di titoli dal forte legame con le tematiche psicanalitiche. Come spiega Maurizio Porro, curatore della rassegna, «tutto il cinema confina con la psicanalisi, Billy Wilder prima di partire per Hollywood tentò non a caso di intervistare Freud: la cinepresa, rispetto al teatro che allora non aveva gli effetti speciali, era l’arma nuova.»

Serata speciale lunedì 12 febbraio: la proiezione del film 8 e mezzo sarà introdotta da un breve intervento di Maurizio Porro e Fabrizio Gifuni, protagonista dello spettacolo in scena al Piccolo Teatro di Milano Freud o l’interpretazione dei sogni.

PROGRAMMA

Lunedì 5 febbraio 2018
ore 19.30 – Freud – Passioni segrete
di John Huston, 1962 – 120’
ore 22.10 – A Dangerous Method
di David Cronenberg, 2011 – 99’

Lunedì 12 febbraio 2018
ore 19.30 – 8 e mezzo
di Federico Fellini, 1963 – 138’
La proiezione sarà introdotta da un saluto in sala di Fabrizio Gifuni e Maurizio Porro
ore 22.00 – Hollywood Ending
di Woody Allen, 2002 – 112’

Lunedì 19 febbraio 2018
ore 19.30 – L’eclisse
di Michelangelo Antonioni, 1962 – 126’
ore 21.50 – Melancholia
di Lars von Trier, 2011 – 130’

Lunedì 26 febbraio 2018
ore 19.30 – La donna che visse due volte
di Alfred Hitchcock, 1959 – 128’
ore 21.50 – L’uomo che non c’era
di Joel Coen e Ethan Coen, 2001 – 116’

Lunedì 5 marzo 2018
ore 19.30 – Teorema
di Pier Paolo Pasolini, 1968 – 98’
ore 21.30 – Il fascino discreto della borghesia
di Luis Buñuel, 1972 – 105’

Lunedì 12 marzo 2018
ore 19.30 – Che fine ha fatto Baby Jane?
di Robert Aldrich, 1962 – 134’
ore 21.50 – Volver
di Pedro Almodóvar, 2006 – 120’

Biglietto singolo: Intero € 9/ Ridotto € 6,5 (under 26, over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)
Abbonamento 4 proiezioni: Intero € 15/ Ridotto € 12 (under 26 e over 65, Amici del Cinema, AGIS, abbonati Piccolo Teatro)

SPECIALE CINEMA + TEATRO: presenta all’Anteo il biglietto dello spettacolo Freud o l’interpretazione dei sogni: potrai acquistare i biglietti o l’abbonamento per i film a prezzo ridotto. Oppure presenta al Piccolo Teatro il biglietto dei film: potrai acquistare il biglietto per Freud o l’interpretazione dei sogni a prezzo ridotto.

Per info e acquisto biglietti: www.spaziocinema.info