“Parole al Vento” – I racconti in musica di Teresa De Sio

teresa-de-sio-
teresa-de-sio-

Dopo l’incontro-concerto di Nada, che ha dato il via alla rassegna, entra nel vivo la seconda edizione di “Parole al vento”, ovvero canzoni fatte a mano raccontate dagli artisti, manifestazione ideata da Antonio Ribatti (prodotta da AH-UM e CONTROLUCE con il supporto del Comune di Villasanta e il contributo di Fondazione Cariplo), animata dal giornalista e scrittore Jonathan Giustini e in programma fino al prossimo 18 maggio al Cineteatro Astrolabio di Villasanta (Mb): si tratta di un ciclo di appuntamenti nato per ripercorre alcune tappe fondamentali di personaggi che hanno saputo mescolare quotidianità e poesia, musica e sentimenti, con l’ambizione di mantenere fede a quella che è sempre stata la vera missione di ogni cantautore, ovvero raccontare la realtà.

La seconda data della rassegna, tra parole e musica, è fissata per venerdì 9 marzo (ore 21.30; ingresso 11-13 euro), quando sul palco del Cineteatro Astrolabio salirà Teresa De Sio con il progetto “Brigantessa”.

Fortemente legata alla sua città d’origine (Napoli), Teresa De Sio è un’artista indipendente, ma anche un’instancabile innovatrice e sperimentatrice. Il suo primo album solista, “Sulla terra sulla luna” (1980), ha segnato l’avvio di una carriera straordinaria, riassunta in numerosi album di successo (due milioni e mezzo di copie vendute), dei quali ha curato tutte le fasi: dalla composizione all’interpretazione, dalla scrittura alla produzionera.

«Nel mio lungo percorso musicale ho fatto un tragitto girovago – afferma Teresa – sono partita dal folk e sono arrivata a fare dischi molto legati al pop, uscendo quindi dall’ambito specifico da cui ero partita, la musica popolare, per arrivare ad abbracciare panorami che riguardano addirittura la musica elettronica».

Da sempre, l’artista napoletana vive la musica come un prolungamento della propria esistenza e ama presentarsi come una cantante folk-rock, perché «la musica folk è il rock del popolo – afferma la De Sio – Con il folk si impara a rispettare gli uomini e le donne del nostro mondo, a riconoscerne il passato e grazie a quello guardare al futuro».
Il terzo appuntamento di “Parole al vento” è in programma venerdì 6 aprile, quando sarà la volta della cantautrice Cristina Donà in “Vent’anni di Tregua”. Per la rocker lombarda il 2017 ha segnato i vent’anni di un luminoso percorso artistico, avviato con il folgorante album d’esordio “Tregua”, che ha influenzato molti musicisti delle nuove generazioni.

Indubbiamente tra le voci più originali della scena italiana, Cristina Donà ha contribuito a definire una nuova stagione del rock italiano, ottenendo notevole considerazione anche a livello internazionale.

Premiata con la Targa Tenco in diverse occasioni (miglior album di debutto, miglior artista emergente, miglior canzone), ha all’attivo quindici album a suo nome e vanta collaborazioni live e come autrice con artisti del calibro di Francesco De Gregori, Afterhours, Irene Grandi, Marco Paolini, Arisa e molti altri.

Infine, per l’ultima data della rassegna, venerdì 18 maggio spazio a Patrizia Laquidara e al suo progetto intitolato “Funambola e altre storie”. Siciliana di nascita e veneta d’adozione, Patrizia Laquidara è una tra le figure più inafferrabili, poliedriche e brillanti della nuova musica d’autore.

Cantautrice ed occasionalmente attrice e scrittrice, esordisce nella 13ª edizione del Premio Musicultura. “Funambola” (prodotto da Arto Lindsay e Patrick Dillett) è il suo secondo album, indicato dal comitato del Premio Tenco come uno dei cinque dischi più belli della stagione 2007, che la porta a suonare in tutta Europa, Brasile, Marocco, Giappone e Stati Uniti.

Con “Il Canto dell’Anguana” si dedica ad un album-indagine sulle tradizioni musicali dell’Alto Vicentino. Grazie all’accoglienza entusiastica della critica conquista la Targa Tenco per il miglior album dialettale.

PAROLE AL VENTO – Seconda edizione, dal 9 febbraio al 18 maggio 2018
SEDE: Cineteatro Astrolabio, via G. Mameli 8, 20852 Villasanta (Mb).
INFO E PRENOTAZIONI: tel. 0362.325341; mail: info@controluce.com
INIZIO CONCERTI: ore 21.30.
INGRESSO: intero 13 euro; ridotto 11 euro (residenti, studenti, over 65, titolari dell’AH-UM Card, gratuita all’indirizzo: http://www.ah-um.it/profiles-add/).

Teresa de Sio in concerto

Saranno il porto di Barcellona e il ponte della Cruise Roma illuminata a  festa a far da scenario  al concerto di Teresa De Sio, nell’ evento “Aspettando San Giorgio” in programma il 22 aprile, vigilia della  giornata mondiale  del libro, che a Barcellona  coincide con la festa di San Giorgio i libri e le rose. Ricorrenza particolarmente sentita in Catalogna, dove è tradizione nel solco della leggenda di San Giorgio che in questa giornata  gli uomini  regalino  rose alle donne, che ricambiano con un libro.
Per il terzo  anno consecutivo  parteciperanno a questa manifestazione, oltre alla moltitudine di spagnoli, un migliaio di appassionati del libro  e scrittori italiani come Carlo Lucarelli, Massimo Carlotto, Andrea Molesini, Maurizio De Giovanni, Ivan Cotroneo. Partiti da Civitavecchia, dopo una tappa a Porto Torres, viaggeranno  sulla Nave dei libri organizzata da “Leggere tutti” in cui si alterneranno  presentazioni di libri, reading, animazione per bambini spettacoli cinematografici e teatrali.

Il concerto di Teresa de Sio, che sarà accompagnato da reading di poesie italiane e catalane e una performance di Ennio Cavalli  ispirata alla  rosa, sarà un omaggio alla città di Barcellona. Oltre ai passeggeri della Nave dei libri  potranno infatti partecipare  centinaia di rappresentanti della comunità italiana e delle istituzioni catalane invitati dall’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona che collabora all’iniziativa e patrocina la nave dei libri.
Una serata di festa, dunque, con spaghettata e brindisi di mezzanotte, mentre su tutti pioveranno rose!

Teresa De Sio, cantautrice napoletana, si caratterizza per le sue interpretazioni coinvolgenti ed un linguaggio musicale trascinante che unisce il folk al rock. Lei ama presentare la sua musica così: “La musica folk è il rock del popolo. Con il folk si impara a rispettare gli uomini e le donne del nostro mondo, a riconoscerne il passato e grazie a quello guardare al futuro.”
Con il suo brano “Brigantessa” Teresa è, insieme a Jovanotti e Fiorella Mannoia, tra i candidati per vincere il “Premio Amnesty Italia 2012″, che ogni anno premia la canzone che meglio ha trattato il delicato tema dei diritti umani.
“Brigantessa”, lo ricordiamo, è contenuto nell’ultimo album di Teresa De Sio, “Tutto cambia”.
Dopo quattro anni di attesa dal precedente lavoro di studio “Sacco e Fuoco”, “Tutto cambia” è stato realizzato grazie a cinque lunghi mesi di registrazione, una attenzione particolare nella scrittura dei testi, ma soprattutto energia e passione per una musicalità che miscela folk e rock, radici e futuro, emozioni e totale sincerità espressiva.
Questi i titoli degli undici brani che compongono l’album: Tutto cambia – Non dormo mai tutta la notte – L’Amore assoluto – Inno Nazionale – Basso Impero – Padroni e bestie – Na strada miezzo ‘o mare – Brigantessa – Lu brigante – Canta cu me – Scioscia popolo.

Ma ricordiamo anche che alla fine del 2009 Teresa pubblica il suo primo romanzo, METTI IL DIAVOLO A BALLARE, e lo fa per la prestigiosa casa editrice Einaudi. Il libro è accolto con grandissimo favore da pubblico e critica. Nella primavera del 2010 il libro ottiene il premio Rapallo Carige come miglior opera prima e alcuni tra i più importanti festival letterari presentano lo spettacolo ogni volta con il tutto esaurito.Teresa infatti amplia la sua sfera di interessi con i linguaggi che si intrecciano tra di loro e così musica, letteratura e teatro, trovano una sintesi perfetta con la realizzazione dello spettacolo/concerto “Reading Metti il Diavolo a Ballare”, coadiuvata dal forte temperamento dell’attore salentino Ippolito Chiarello e dei tre musicisti, che da tempo fanno parte del suo gruppo (Her, Upapadia e Egidio Marchitelli) che riempiono la scena con una magmatica presenza.
Il 2012 vede l’artista tornare a scrivere: sta infatti lavorando al nuovo romanzo, che uscirà sempre per Einaudi!

Chi meglio di Teresa de Sio, dunque, per questa grande festa di parole e note?
L’appuntamento a Barcellona, sulla Nave dei Libri, domenica 22 aprile!

www.teresadesio.com