Luca Argentero al Creberg Teatro Bergamo

 

ARGENTERO credito foto Stefano Pollio
ARGENTERO credito foto Stefano Pollio

Luca Argentero in “È questa la vita che sognavo da bambino?” racconta le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina. Raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.

LuisinMalabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani.

LuisinMalabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera, il ciclista che nel primo Giro d’Italia dopo la guerra si accorse per caso che arrivare ultimo, in una Italia devastata come quella del ‘46, faceva molta simpatia alla gente: riceveva salami, formaggi e olio come regali di solidarietà. Automaticamente attirò anche l’attenzione di alcuni sponsor, fino a farlo guadagnare di più l’arrivare ultimo che tentare la vittoria. In poco tempo è arrivata anche la popolarità.
In lui le persone hanno riconosciuto l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano, ma, insieme alla popolarità, sono arrivati nuovi sfidanti in una incredibile corsa a chi arriva ultimo.

Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide con la roccia, il clima e la montagna, arrivato a oltre ottomila metri d’altezza, quasi sulla cima di una delle montagne più difficili da scalare del mondo, il K2, scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso; eppure la grande delusione del K2 lo ha spinto ancora più in là a mettersi alla prova in nuove sfide in solitaria, nuove scalate impossibili e infine a viaggiare in tutto il mondo. Tutto ciò per trovare la cosa più importante della vita: se stesso.

Alberto Tomba, il campione olimpico che ha fermato il Festival di Sanremo con le sue vittorie. L’insolito sciatore bolognese che con la sua leggerezza nella vita e aggressività sulla pista è arrivato a essere conosciuto in tutto il mondo come “Tomba la bomba”. Uno dei più grandi campioni della storia dello sci che ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione, incarnando la rinascita italiana forse illusoria ma sicuramente spensierata degli anni ‘80.

LUCA ARGENTERO in È QUESTA LA VITA CHE SOGNAVO DA BAMBINO? – 31 gennaio Creberg Teatro Bergamo

Che tempo che fa: ospiti di domenica 25 febbraio

fazio-litizzetto
fazio-litizzetto

 

 

Terminano con Matteo Renzi questa domenica, 25 febbraio, gli incontri con i tre rappresentanti delle coalizioni principali – centrodestra, centrosinistra e Movimento 5 Stelle – a Che Tempo che Fa, in onda dalle 20.35 su Rai1. Gli ospiti precedenti sono stati: Alessandro Di Battista per il M5S – nella puntata dell’11 febbraio – e Silvio Berlusconi intervenuto il 18 febbraio.

A un anno di distanza dalla scelta di Dj Fabo di porre fine alle sue sofferenze, la sua compagna Valeria Imbrogno sarà ospite di Fabio Fazio. Insieme a lei Roberto Saviano, che ha curato la prefazione del libro dedicato alla storia di Fabiano Antoniani “Prometto di Perderti”, scritto a quattro mani da Valeria con la giornalista Simona Voglino Levy e uscito in questi giorni nelle librerie.

Inoltre, la leggenda dello sci italiano, ma non solo, Alberto Tomba, nel giorno esatto in cui ricorre il 30esimo anniversario del suo primo oro olimpico e l’attore Michele Riondino, protagonista lunedì 26 gennaio in prima tv assoluta su Rai 1 con “La Mossa del Cavallo”, tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri.

Lo spazio dedicato alla musica ospiterà questa settimana Max Gazzè, uscito da poco con il nuovo album “Alchemaya”, un progetto “sintonico” che unisce orchestra sinfonica e sintetizzatori.

Nel cast anche Luciana Littizzetto, che rilegge l’attualità con la sua ironia, e Filippa Lagerback.
A seguire Il Tavolo di Che tempo che fa con la complicità di Fabio Volo, la comicità surreale di Nino Frassica, le domande impossibili di Gigi Marzullo e la simpatia di Orietta Berti.

Al tavolo, oltre a Max Gazzè che resterà a chiacchierare con Fabio Fazio, saranno presenti: Claudia Pandolfi, impegnata insieme a Claudio Santamaria su Rai1 con “È arrivata la felicità” di Ivan Cotroneo, Monica Rametta e Stefano Bises e diretta da Francesco Vicario e Noemi, reduce dal Festival di Sanremo dove ha portato il brano “Non smettere mai di cercarmi” contenuto nel nuovo album “La Luna”.

E ancora, Enzo Iacchetti impegnato nella tournée del nuovo spettacolo teatrale “Libera nos domine”, l’attore comico Gianni Fantoni, che nell’autunno del 2018 debutterà al Sistina con “Fantozzi a teatro” e il cantautore e autore satirico David Riondino, noto al grande pubblico per il personaggio del cantautore brasiliano João Mesquinho. Infine, la campionessa di snowboard Michela Moioli, che il 16 febbraio ha vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang nello snowboard cross.