MASTER IN COMUNICAZIONE MUSICALE

Sono aperte le iscrizioni per la dodicesima edizione del Master in Comunicazione Musicale, il primo corso universitario post-laurea dedicato al mondo dell’industria della musica e dei media, che anche quest’anno conferma la sua collaudata formula: artisti – tra tutti Omar Pedrini e Cristiano Godano dei Marlene Kuntz –, operatori del settore e docenti universitari salgono in cattedra per formare a 360° i professionisti della musica di domani.


Nei suoi dodici anni di storia il Master in Comunicazione musicale. Media, Industria, mercato digitale ha formato una nuova generazione di addetti stampa, discografici, promoter di musica dal vivo e operatori dei media musicali.
Quasi 100.000 persone hanno visto su YouTube i video del master, dal web documentario dedicato alle professioni della musica ai video tratti dalle lezioni, mentre su Slideshare le slide delle lezioni sono state consultate 10.000 volte.
Il 4 luglio alle ore 17.00 all’interno dell’Open Day dedicato ai Master dell’Università Cattolica di Milano, presso la  sede di Largo Gemelli 1, verrà presentata l’edizione 2012/2013 del master, alla  presenza del responsabile del corso Gianni Sibilla.

Il termine per la presentazione delle domande di ammissione a questa dodicesima edizione è il 15 ottobre 2012. Le selezioni si svolgeranno il 24 e 25 ottobre, mentre le lezioni avranno inizio il 12 novembre presso la sede di Milano dell’Università Cattolica del Sacro Cuore in orario pomeridiano.
Il Master in Comunicazione musicale. Media, Industria, mercato digitale, promosso dall’Alta Scuola in Media e Comunicazione dell’Università Cattolica di Milano, è stato il primo corso universitario in Italia  rivolto a laureati di tutte le facoltà e/o diplomati in Conservatorio, specificatamente dedicato all’industria della musica pop e al suo rapporto con il mondo della comunicazione. In dodici anni sono stati selezionati oltre 250 studenti tra le quasi 1000 domande di ammissione ricevute, per un totale di oltre 4000 ore di lezione in aula tra incontri con gli operatori del settore, laboratori sulle professioni della musica, lezioni su discografia, media, musica live, marketing, fino alle nuove frontiere della distribuzione digitale e del mobile. La validità del corso ha permesso negli anni di portare le percentuali di placement tra il 66% e il 90%, a soli sei mesi dal termine delle lezioni, attraverso l’organizzazione di 250 stage tra etichette discografiche, media musicali, uffici stampa e promoter.