Calcio: Faggiano (ds Parma) a Radio 24

Faggiano
Faggiano

Calcio, Faggiano (ds Parma) a Radio 24: “Parma in ritiro? Eravamo pronti e abbiamo iniziato. Non abbiamo convinto i giocatori, sono professionisti”

“Eravamo pronti e abbiamo preferito fare questo iter, poi vedremo se usciranno nuovi comunicati, nuove idee. Ci prepariamo per un protocollo, poi non è stato ratificato, c’è confusione. Noi ci siamo adeguati e abbiamo fatto il massimo per rispettarlo. Abbiamo iniziato come deciso, nel rispetto di chi ha lavorato dietro le quinte” Così il direttore sportivo del Parma Daniele Faggiano ha spiegato a Tutti convocati su Radio 24 la decisione della società di procedere comunque con la fase del ritiro a Collecchio, nonostante la mancata ratifica da parte della Lega Serie A del protocollo che prevedeva l’inizio degli allenamenti collettivi il 18 maggio. “Noi non abbiamo guardato gli altri, abbiamo pensato a noi. Non volevamo dimostrare nulla noi del Parma, abbiamo rispettato l’iter, non pensavamo che quel protocollo non andasse bene a nessuno. Mi spiace questa cosa, se ne poteva parlare prima, invece di sentire discorsi nelle riunioni senza nè capo nè coda”. E sulla reazione dei giocatori alla decisione sul ritiro, il ds crociato ha rassicurato: “Noi non abbiamo convinto i giocatori, sono dei professionisti i giocatori del Parma. Non so se gli altri abbiano fatto storie o non c’era possibilità strutturale di altre società”

Calcio, Faggiano (ds Parma) a Radio 24 : “Se qualcuno non vuol giocare lo dicesse. Parma-SPAL partita finta, non è cambiato nulla in due mesi”

“Il calcio è lavoro, se i risultati si ottengono giocando e qualcuno non vuole giocare, lo dicesse. Mi hanno fatto giocare Parma-SPAL che era una partita finta. Non si può decidere di non giocare mezzora prima della partita. Così come eravamo pronti per il 18, poi tre giorni fa ci dicono altro. Allora in 2 mesi da Parma-SPAL non è cambiato nulla”. A Tutti convocati su Radio 24 il direttore sportivo del Parma Daniele Faggiano torna sul caos che ha preceduto la partita Parma-SPAL, paragonandolo all’attuale situazione di indecisione in Serie A sull’adozione del protocollo degli allenamenti collettivi. “Tra dieci anni racconterò cosa è successo. Il signor Petagna, che stimavo e stimo, ha detto che Parma-SPAL è stato un brutto allenamento, però queste frasi le vedo poco in giro. Non per la scusa del pubblico che ci manca, come noi manchiamo a loro. Non si può arrivare dalle 12:00, dopo una preparazione di due giorni a decidere di non giocare. C’era qualcuno che non voleva che si giocasse la partita, non dico che avesse torto, ma ci sono stati quindici giorni e mi mandi un messaggio a mezzora della partita, ma io vi ammazzo tutti – in senso figurato -Noi eravamo pronti per il 18, poi tre giorni fa ci dicono altro. Allora in 2 mesi da Parma-SPAL non è cambiato nulla”. Faggiano parla anche del tema infortuni alla ripresa dei lavori: “Oggi ricominciamo, è normale che ci saranno infortuni, ci sta adesso come quando inizi un ritiro estivo normale. E’ una situazione che non ci aspettavamo, non l’abbiamo cercata”. Sull’impatto economico della crisi, il ds crociato conclude: “A Parma abbiamo fatto un conto economico in caso di non ripartenza. Siamo stati tra i primi, la mia squadra ha rinunciato a un mese a prescindere da ripresa o meno. Abbiamo fatto i conti giusti, usciremo tutti con le ossa rotte.

Calcio, Marchisio a Radio 24: “Serie A deve ripartire”

Claudio Marchisio
Claudio Marchisio

Calcio, Marchisio a Radio 24: “Pensare al contagio zero sbagliatissimo. Serie A deve ripartire”

“Bisognerà ripartire per forza, altrimenti succederà qualcosa di brutto. Vedo poca fiducia in generale”. Lo ha detto a Tutti convocati su Radio 24 l’ex centrocampista bianconero Claudio Marchisio, commentando le dichiarazioni di Giovanni Malagò a proposito della ripartenza della Serie A il 13 giugno. “Malagò dice che il campionato ricomincerà ma non finirà? Non lo so se si concluderà, ma serve un po’ di fiducia, non solo nel calcio, ma in tutti i settori. Speriamo che sia così. E’ sbagliatissimo voler far riprendere il calcio solo col contagio zero – prosegue a Radio 24 – Il calcio non può pensare al contagio zero. In futuro dovremo fare degli sforzi prima, non aspettare che un paziente arrivi alla terapia intensiva. Ho sentito che in molte regioni proveranno a far meno tamponi per far ripartire il turismo: questo mi spaventa tantissimo, tutto deve ripartire, ma in sicurezza”. A Marchisio viene chiesto un commento sul caso partitelle (vietate) disputate in allenamento dalla Lazio: “Ho letto delle partitelle dei biancocelesti, ha fatto un po’ di scalpore sicuramente – afferma Marchisio a Tutti Convocati – Il rischio anche in questo senso qua ci può anche stare, perché stiamo parlando di uno sport di contatto e bisognerà vedere cosa succederà anche in quello, bisogna però mettere in sicurezza le società. Finchè non ci sarà il vaccino non avremo certezze al 100%, dobbiamo lavorare in questa direzione”.

Calcio, Marchisio a Radio 24: “Vidal all’Inter non mi piacerebbe. Conte ha sposato l’Inter al 100%, con lui un passo avanti”

“Vidal all’Inter? Non mi farebbe piacere, Arturo andrebbe a dar loro un’anima ancora più forte. Tornasse alla Juve ne farei ben felice”. Lo afferma a Tutti convocati su Radio 24 l’ex centrocampista bianconero Claudio Marchisio, commentando il possibile futuro in nerazzurro di Arturo Vidal che ritroverebbe così Antonio Conte. Marchisio ha parlato anche del suo ex tecnico: “Conte ha sposato al 100% il progetto Inter, insieme hanno fatto un passo avanti rispetto agli ultimi anni”. Ancora a proposito del rapporto Juve-Inter, “Il Principino” è intervenuto sulle polemiche suscitate dalle frasi contenute nel libro dell’ex compagno Chiellini: “Giorgio che dice di odiare l’Inter? Nulla di peccaminoso. Ora mi tocca fare lo juventino e dire che anche quando capita dall’altra parte non è che succeda chissà che tragedia. Anche a me è capitato, cambiarono le mie parole sul mio rapporto col Napoli, quando con loro dividevamo il primato, qualche giornalista ha scritto che io odiavo i napoletani e non è assolutamente così”. Infine sulla pace fatta tra Chiellini e Balotelli, Marchisio ha concluso a Radio 24: “Mario ha avuto un’ottima reazione, molto matura, Giorgio stava raccontando vari episodi della sua carriera, cose che ci sono e ci saranno sempre.”

Nuoto, Magnini a Radio 24: “Tornare alle gare? Non chiudo le porte”

Filippo Magnini La resistenza dell'acqua
Filippo Magnini La resistenza dell’acqua

Nuoto, Magnini a Radio 24: “Tornare alle gare? Non chiudo le porte”

“Prima di tornare alle gare bisogna tornare ad allenarsi, non lo so, non chiudo le porte”. Lo ha detto Filippo Magnini a Tutti convocati su Radio 24, all’indomani dell’uscita del suo libro “La resistenza dell’acqua” (Sperling & Kupfer) in cui racconta anche la vicenda della squalifica per doping e la battaglia legale poi vinta al Tas di Losanna con la sua completa assoluzione. “Anche Jordan quando si ritirò disse non chiudo la porta. Ho 38 anni, gareggerei con chi ne ha 20, quando ho smesso di nuotare ero stanco e anche tranquillo della mia scelta, ma chi lo sa dai! Forse quando succedono cose come quello che è successo a me, aver vinto questa battaglia con la giustizia sportiva – continua Magnini a Radio 24 – ha fatto riaccendere l’adrenalina, poi sentire che hanno rimandato le Olimpiadi e avere ancora un anno a disposizione. Però al momento rimangono pensieri”.

Carnevali, Direttore Generale del Sassuolo, a Radio 24

Giovanni-Carnevali
Giovanni-Carnevali

“Onestamente preferisco non leggere le dichiarazioni del Ministro Spadafora ultimamente. Faccio a meno, perchè ogni volta è sempre qualcosa di negativo; poi non si può mai sapere, perchè da un giorno all’altro cambia idea con grande facilità, per cui può anche essere che tra poco ci racconta qualcosa di differente. L’importante è che le squadre di calcio abbiano ricominciato, questo, penso, sia la cosa proprio determinante”.

Con queste parole il Direttore Generale del Sassuolo Giovanni Carnevali, intervenuto a Tutti Convocati su Radio 24, ha commentato le ultime dichiarazioni del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. Carnevali, poi, ha parlato anche dell’ipotesi di terminare il campionato solamente in stadi del centro-sud, dove la diffusione del coronavirus è stata più limitata: “A me personalmente non dispiace come idea, credo che si debba fare di necessità virtù. Se c’è questo tipo di possibilità a me piace, penso che sia una possibilità, anche perchè alla fine si gioca a porte chiuse e uno stadio vale l’altro, non cambia. Bisogna cercare di evitare più spostamenti possibili, è una bella soluzione e noi siamo propensi. Disponibilità da parte dei calciatori? Assolutamente perchè è talmente tanta la voglia di riprendere che di fronte all’idea di stare in ritiro per un periodo ancora più lungo c’è massima disponibilità da parte dei nostri atleti. Basta continuare e va bene tutto”.

Homo-Covid: prontuario per i cittadini

prontuario-homo-covid1020
prontuario-homo-covid1020

Homo-Covid

Il prontuario per i cittadini ai tempi del COVID-19

Su www.radio24.it uno sportello aperto alle domande degli ascoltatori sull’emergenza economica

Quando arriva la cassa integrazione? Dove ritiro i buoni per fare la spesa? Perché la banca non mi sospende il mutuo? Le bollette sono sospese? Come faccio con la palestra? L’asilo nido non mi sospende le rette! Posso revocare il contratto con il catering del matrimonio? Ma posso rinviare il pagamento dell’affitto?

Homo-Covid è un progetto firmato Radio 24 e Consumerismo.it

Al via da giovedì 7 maggio sul sito www.radio24.it di Radio 24 lo sportello HOMO COVID, un progetto di Radio 24 in collaborazione con Consumerismo per rispondere alle domande degli ascoltatori sull’emergenza economica provocata dal coronavirus che sta creando una serie di problemi a molti italiani.

Un prontuario per tutti: famiglie e consumatori, lavoratori, liberi professionisti, commercianti e imprenditori, un canale a cui affidarsi per cercare il supporto necessario ad affrontare i disagi derivati dall’emergenza sanitaria.

Sul sito di Radio 24 verranno pubblicate le domande e le riposte degli esperti divise per sezioni: dalle bollette (energia, gas, acqua, telefono, pay tv, tassa rifiuti) ai mutui e prestiti, dal lavoro (bonus liberi professionisti, reddito di cittadinanza, cassa integrazione) ai trasporti pubblici e privati, dal fisco e tributi (dichiarazioni dei redditi e rateizzazioni fiscali) alla casa (affitto).

Per tutte le domande scrivere a: duedidenari@radio24.it e assistenza@consumerismo.it

In queste settimane sono esplosi problemi seri: quelli di chi ha dovuto chiudere aziende, abbassare la saracinesca di negozi e studi professionali e quelli di chi ha perso il lavoro, senza riuscire cosi, da un giorno all’altro, a sopportare il peso degli impegni finanziari di sempre: mutuo, affitto, bollette e persino la spesa quotidiana, per migliaia di persone, sono diventati un incubo. Ed è necessario districarsi fra i diversi provvedimenti di legge.

Radio 24 e le associazioni dei consumatori sono stati travolti da migliaia di richieste di chiarimento: sono un agente di commercio, mi spetta il contributo di 600 euro? Posso chiedere al proprietario di casa di non pagare l’affitto? Assisto mia mamma anziana fruendo della legge 104: con il Covid cambia qualcosa?

Due di denari, programma di Radio 24 da sempre impegnato nel fornire agli ascoltatori informazioni utili, puntuali e di servizio e Consumerismo, rivista on line che aiuta i consumatori ad avere informazioni corrette ed evitare le fake news, hanno così dato vita al progetto Homo-Covid per dare una mano ai cittadini.

HOME COVID : https://www.radio24.ilsole24ore.com/iniziative-speciali/homocovid–prontuario-i-cittadini-tempi-covid19-140200-ADmk5jO

Homo-Covid è un progetto firmato Radio 24 e Consumerismo.it

—————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

Due di denari. Con Debora Rosciani e Mauro Meazza.

E’ un programma di Radio 24 in onda da Lunedì a Venerdì, dalle 11 alle 12. Una legge che cambia? Un rovescio di borsa? Una richiesta incomprensibile del fisco? Sono le domande di tutti i giorni a cui, quotidianamente, il programma Due di denari dà risposte con ospiti ed esperti .

Consumerismo.it

E’ un giornale on line dalla parte dei consumatori, blog di riferimento per la tutela dei consumatori. Gli esperti Luigi Gabriele e Antonio Rosetta che partecipano a questo progetto di orientamento consumeristico e fiscale, sono impegnati da anni nella tutela dei consumatori.