“Il senso del ridicolo”: Festival sull’umorismo

Cortellesi
Cortellesi

Il festival, diretto da Stefano Bartezzaghi, promosso dalla Fondazione Livorno, è gestito e organizzato dalla Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana.

Alle ore 10, in Piazza dei Domenicani, la giornalista Irene Soave parlerà con umorismo della singletudine femminile su cui si è lungamente documentata tramite i galatei e la manualistica dedicata all’argomento.

Alle ore 11, in Piazza del Luogo Pio, Francesco Costa, un giornalista che ha seguito da molto vicino le primarie e le elezioni americane, e Giuseppe Civati, un politico che dopo essere stato parlamentare è tornato a fare politica «dal basso», discuteranno di come nell’ambito della politica, com’è che una volta dare del «buffone» a un onorevole era un insulto cocente, mentre i politici contemporanei arrivano a fare scene da puro cabaret.

Alle ore 12, in Piazza dei Domenicani, Michele Smargiassi ci racconterà di come in fotografia l’arte che si imprime con la luce che colpisce la realtà possa arrivare a essere perfettamente surreale, comica, assurda, mentre alle ore 15, in piazza dei Domenicani, il critico musicale Ernesto Assante ci parlerà di come la musica possa essere un veicolo o un fattore stesso di comicità.

Alle ore 16,30, in Piazza del Luogo Pio, conversando con la critica Sara Chiappori, Lucia Poli ripercorrerà, in una conversazione alternata a letture di autori e soprattutto autrici che ama, ricordi ed episodi della carriera tra palcoscenico e televisione, scegliendo qualche perla dalla collana del suo repertorio.

Alle ore 17,30, in Piazza dei Domenicani ci sarà l’incontro con la scrittrice e conduttrice radiofonica Loredana Lipperini; alle 18,45, in Piazza del Luogo Pio, Matteo Caccia proseguirà la sua ricerca di storie e luoghi, presentando il risultato di un’esplorazione etnologico-immobiliare della città.

In serata alle ore 21, al Teatro Vertigo verrà proiettato il film “Kamikazen – Ultima notte a Milano” di Gabriele Salvatores (1987) nell’ambito della rassegna dei film curata da Gabriele Gimmelli.

Annullato il Festival dell’Umorismo

Livorno
Livorno

La città è in lutto. Per esprimere il proprio cordoglio e la propria vicinanza alle famiglie delle vittime dell’alluvione, Fondazione Livorno e Fondazione Livorno – Arte e Cultura hanno deciso di annullare l’edizione 2017 del Festival sull’Umorismo.
L’evento si sarebbe dovuto tenere dal 22 al 24 settembre e già per i prossimi giorni erano in programma iniziative e incontri che avrebbero introdotto nell’atmosfera del festival.
Purtroppo i tragici eventi che hanno sconvolto la città hanno reso impossibile mantenere l’attenzione su un evento che, seppure culturale, si sarebbe incentrato su un argomento lontano, in questo momento, dallo stato d’animo della città e degli stessi organizzatori.
Fondazione Livorno e Fondazione Livorno – Arte e Cultura, hanno pertanto preso questa decisione per essere vicine a tutti i cittadini danneggiati e alla città nel suo complesso così gravemente devastata anche nel suo tessuto economico.
Questo è il momento della solidarietà. I tanti giovani accorsi a spalare fango per prestare soccorso alle famiglie disastrate hanno ancora una volta portato alla luce questo sentimento di cui i livornesi si sono sempre resi interpreti nei momenti più drammatici.
Fondazione Livorno e Fondazione – Arte e Cultura hanno deciso di esprimere la propria solidarietà istituendo un fondo nel quale confluiranno le somme stanziate e non ancora spese per il Festival, integrate da un importo aggiuntivo ancora da quantificare secondo le disponibilità. Tale fondo, aperto anche al concorso di altri soggetti che decideranno di devolvere le loro donazioni, sarà destinato a interventi a favore delle famiglie più bisognose colpite dal cataclisma. In questo fondo confluiranno anche gli incassi dei biglietti già venduti per il Festival. Gli acquirenti dei biglietti che non fossero d’accordo con questa destinazione potranno richiedere il rimborso presso la biglietteria di Scali Finocchietti che resterà aperta, secondo gli orari già programmati, fino al 22 settembre.
Ulteriori dettagli sulle iniziative che prenderanno le due fondazioni saranno comunicate nei prossimi giorni.
Un sentito ringraziamento a tutti coloro che in questi mesi si sono dedicati all’organizzazione del Festival: al direttore artistico Stefano Bartezzaghi, ad Anna Gilardi e tutto lo staff di Stilema, ai volontari delle scuole, al Comune e a tutti i suoi collaboratori, ai fornitori, e infine alla struttura di Fondazione Livorno e Fondazione Livorno – Arte e Cultura.

Fondazione Livorno – Arte e Cultura

Livorno 12 settembre 2017

Litfiba: “Eutòpia Tour” sbarca al Mandela Forum

Litfiba_foto di Paolo De Francesco
Litfiba_foto di Paolo De Francesco

Partito con la data zero di Livorno, l’“Eutòpia Tour” dei Litfiba torna in Toscana. E stavolta ad accogliere Piero Pelù e Ghigo Renzulli sarà la loro Firenze: appuntamento venerdì 7 aprile al Mandela Forum (ore 21 – biglietti da 60 a 31,30 euro, posti numerati e parterre in piedi – prevendite circuito www.boxofficetoscana.it tel. 055 210804 e online su www.ticketone.it tel. 892 101 – info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it – www.fepgroup.it).

Due ore abbondanti di live in cui troveremo i brani dell’ultimo disco e i grandi successi della band, con tutta la carica prorompente che da sempre la caratterizza.

Ad accompagnare Piero Pelù e Ghigo Renzulli sul palco ci saranno Luca Martelli (batteria e cori), Ciccio Licausi (basso) e Fabrizio Simoncioni (tastiere e cori).

L’album “Eutòpia” (prodotto da TEG/Renzulli e distribuito da Sony Music Italy) è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Il disco, che ha esordito al terzo posto della classifica degli album più venduti in Italia e al primo posto della classifica dei vinili, è composto da dieci graffianti tracce in puro stile Litfiba, dove Piero Pelù e Ghigo Renzulli trattano diversi temi: dall’inquinamento all’estremismo religioso, passando per le vittime della ‘Ndrangheta ai nuovi media.

“Nell’Eutòpia dei Litfiba tutto è possibile e l’impossibile non esiste – dichiarano Piero e Ghigo – basta avere il coraggio di portare avanti le proprie idee con la Musica, con coerenza e con amore per la vita e per il rock”.

RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale dell’“Eutòpia tour”.

Festival: “Il senso del ridicolo”

Il senso del ridicolo Livorno 23-25 settembre 2016_1
Il senso del ridicolo Livorno 23-25 settembre 2016_1

Anche quest’anno un numeroso pubblico ha seguito con grande partecipazione il festival IL SENSO DEL RIDICOLO, diretto da Stefano Bartezzaghi, promosso e sostenuto da Fondazione Livorno, gestito e organizzato da Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana.

“Al termine della seconda edizione del festival e prima di qualsiasi riflessione approfondita – sottolinea il direttore del festival Stefano Bartezzaghi – l’impressione che condivido con gli organizzatori è che IL SENSO DEL RIDICOLO abbia un senso, per la città e forse anche in un orizzonte più grande. Ma lo dico con prudenza e consapevolezza della buccia di banana che è sempre possibile incontrare sulla propria strada.”

Un pubblico attento e entusiasta ha partecipato a eventi, mostre, proiezioni cinematografiche, laboratori per bambini e ragazzi, ascoltando filosofi, scrittori, giornalisti, radio-star, letterati, storici dell’arte e del cinema e naturalmente comici, che si sono interrogati sul significato del riso e sulla straordinaria funzione rivelatrice dell’umorismo, della comicità e della satira.

Riccardo Vitti, presidente di Fondazione Livorno, e Luciano Barsotti, presidente di Fondazione Livorno – Arte e Cultura, dichiarano “Siamo soddisfatti della risposta del pubblico che in questa edizione è aumentato in modo considerevole. Il festival deve continuare e possiamo garantire che ci sarà un impegno forte da parte della Fondazione. Siamo entusiasti della collaborazione dei volontari; in futuro dobbiamo rivolgere la nostra attenzione in particolare ai giovani, affinché frequentino sempre più numerosi il festival.”

Hanno partecipato a questa edizione del festival Giulia Addazi, Marianna Aprile, Marco Ardemagni, Stefano Bartezzaghi, Fabrizio Bondi, Matteo Caccia, Andrea Cane, Fabio Canino, Gianni Canova, Mario Cardinali, Sara Chiappori, CollettivO CineticO, Geppi Cucciari, Adrea Daninos, Claudia de Lillo (Elasti), Gianni Farneti, Davide Ferrario, Maurizio Ferraris, Bruno Gambarotta, Gabriele Gimmelli, Aldo Grasso, Paolo Nori, LaLaura, Ottavia Piccolo, Alessio Viola, Aldo Vitali.

Il pubblico ha visitato e apprezzato anche le mostre allestite alla Fortezza Nuova, “Bruno Munari: un personaggio in cerca d’aurore”, e alla Bottega del caffè, “Se i quadri potessero parlare”. Bambini e ragazzi sono stati inoltre coinvolti nei divertenti laboratori curati da Giulia Addazi.

Sono partner della manifestazione Trenitalia e Aedes Siiq, con il supporto di Pictet e Rai Radio2 è media partner.

Si ringrazia l’Associazione Lavoratori Comunali della Bottega del Caffè, CliccaLivorno e Porto di Livorno 2000.

IL SENSO DEL RIDICOLO – Livorno, 23-25 settembre 2016

www.ilsensodelridicolo.it

Facebook: Il senso del ridicolo | https://www.facebook.com/ilsensodelridicolo/

Twitter: @sensoridicolo | https://twitter.com/sensoridicolo

Instagram: @ilsensodelridicolo

Karto – album d’esordio: “Give me my rock’n’roll back”

Karto 1musica
Da  venerdì 5 febbraio è disponibile su iTunes, tutti gli altri store digitali, piattaforme streaming e in tutti i negozi di dischi, “GIVE ME MY ROCK’N’ROLL BACK”, l’energico album d’esordio del cantante rock alternative e chitarrista, toscano ma londinese d’adozione, KARTO (Giovanni Cartei).

L’album d’esordio di KARTO, “GIVE ME MY ROCK’N’ROLL BACK” (ThisPlay 2.0), contiene 10 energici brani in lingua inglese, registrati in studio a Londra, scritti e arrangiati dall’artista. Le canzoni, tra rock alternative, elettronica, rock‘n’roll e neo-psichedelia, hanno un sound e stile genuino e affine a quello di artisti quali Kasabian, Black Keys, Sex Pistols e Billy Idol.

Le sonorità musicali tipicamente anglofone dell’album, derivano, oltre che dal vivere tra Londra e Livorno, da un lungo periodo passato da KARTO in tour in Inghilterra e negli Stati Uniti (New York, Philadelphia, Baltimora, Portland e tutta la East Coast) che gli ha permesso di capire quale fosse il suo percorso musicale.

«Fondamentalmente – racconta Karto – sono un chitarrista, comporre questo album è stato un modo per dare sfogo alla mia pazzia. Ognuno di noi ne ha una dose dentro, fortunatamente non bisogna comprarla! Qualcuno addirittura non lo sa; qualcuno fa finta di niente; ma, in effetti, per quanto mi riguarda, non c’è nulla di più divertente che darle sfogo».
Sul profilo YouTube ufficiale dell’artista è disponibile il coinvolgente videoclip, dall’atmosfera anni ’80, del brano “THE ROCKNROLLEST” contenuto nell’album “GIVE ME MY ROCK’N’ROLL BACK”.

Il videoclip del brano è disponibile al seguente link YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=IyrnxKANL0Awww.karto.co.uk

https://www.facebook.com/KartoMusic/