Tintoretto. Un ribelle a Venezia

Tintoretto_poster
Tintoretto_poster

In occasione dell’anniversario dei cinquecento anni dalla nascita di Tintoretto

ARRIVA IN ANTEPRIMA NEI CINEMA ITALIANI
NELL’AMBITO DELLA NUOVA STAGIONE
DELLA GRANDE ARTE AL CINEMA

TINTORETTO. UN RIBELLE A VENEZIA
LA NUOVA ESCLUSIVA PRODUZIONE INTERNAZIONALE FIRMATA SKY ARTE

Ideata da Melania G. Mazzucco e narrata da Stefano Accorsi
Il docu-film sul genio furioso e rivoluzionario che ha cambiato la storia dell’arte,
con la partecipazione straordinariadi Peter Greenaway,
sarà nelle sale solo il 25, 26, 27 febbraio

Dopo il debutto italiano, il film sarà distribuito nei cinema del mondo

Anteo Palazzo del Cinema: rassegna Cinemamme

cinemamme
cinemamme

Al via giovedì 13 dicembre, all’Anteo Palazzo del Cinema, Cinemamme, la rassegna dedicata alle neomamme che vogliono godersi un buon film in sala con i propri neonati.

Volume basso, luci soffuse, area nursery, scalda-biberon sono gli elementi che contraddistinguono le proiezioni di Cinemamme, in un ambiente accogliente per la mamma (o il papà, o i nonni o gli zii) e il neonato.

La rassegna si svolgerà dal 13 dicembre al 21 febbraio, tutti i giovedì alle ore 11.
Il primo appuntamento è con il film A STAR IS BORN di Bradley Cooper.

Da giovedì 13 dicembre 2018 a giovedì 21 febbraio 2019 // Anteo Palazzo del Cinema // ore 11

Biglietti: Intero € 4 – Ridotto € 3
Abbonamento 4 ingressi € 10

“La casa delle bambole – Ghostland”

la casa delle bambole -locandina
la casa delle bambole -locandina

Il film che sarà nelle sale italiane dal prossimo 6 dicembre, è un horror spaventoso che vi farà passare la voglia di giocare.

Le bambole forse rappresentano, nell’immaginario collettivo, il ricordo d’infanzia, il gioco che tutti abbiamo avuto da bambini e con il quale siamo cresciuti, ma La casa delle bambole – Ghostland spazzerà via tutto questo.

Sarete letteralmente trascinati all’interno di una casa in cui proprio questo oggetto, all’apparenza così innocuo, sarà simbolo del male più puro.

SINOSSI
Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l’atmosfera casalinga tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le ragazze. Pauline lotta disperatamente per la vita delle figlie e riesce ad avere la meglio sugli assalitori, ma il trauma di quella notte segnerà per sempre il destino delle ragazze. Mentre Beth riesce a reagire e a lasciarsi il passato alle spalle, diventando una scrittrice di successo, Vera invece non supera lo shock e si rinchiude nelle sue paranoie. Sedici anni più tardi Beth riceve una telefonata dalla sorella che le chiede aiuto. La ragazza ritorna così nella casa delle bambole dove scoprirà che l’incubo, in realtà, non è ancora finito…

Teatro Biblioteca Quarticciolo: “Giornata contro la violenza sulle donne”

Isabella Ferrari
Isabella Ferrari

Oggi, 25 novembre all’interno della stagione Cosa può un teatro (?) del Teatro Biblioteca Quarticciolo con la direzione artistica di Veronica Cruciani ha luogo Giornata contro la violenza sulle donne, rassegna tra teatro, cinema e incontri con Michela Murgia, Saverio La Ruina, Ascanio Celestini e Isabella Ferrari.

“Reputo molto importante questa rassegna perché il femminicidio spesso è solo l’apice tragico di vite che sono mortificanti per la mancanza di diritti, per la dipendenza economica, per la violenza psicologica, per la limitazione della libertà personale. 
In Italia e nel mondo subisce violenza mediamente una donna su tre dai quindici anni in su. La violenza avviene tra le mura di casa e avviene nella società, dove gli stereotipi di genere impattano quotidianamente sulla vita delle donne fin dall’infanzia. Nel 38 per cento dei casi di omicidi di donne, il colpevole è il partner. Un dato spaventoso. Il dislivello di potere è un fatto culturale che va affrontato. Bisogna contrastare gli stereotipi di genere nella società e promuovere il diritto per le donne a una vita senza violenza.” Veronica Cruciani

Alle ore 21.00 chiude la rassegna un appuntamento cinematrografico: Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek. Precede la proiezione l’incontro con l’attrice Isabella Ferrari a cura di Ascanio Celestini.

Teatro Biblioteca Quarticciolo Via Ostuni 8 – Roma
Direzione artistica Veronica Cruciani