Bollate: dal Comune, nuove regole

schema
schema

Parte da lunedì 30 marzo la nuova modalità messa a punto dal Sindaco Francesco Vassallo, su proposta di due giovani ingegneri gestionali bollatesi, per snellire le code fuori dai supermercati. Si tratta di un sistema di turnazione basato sull’ordine alfabetico dei cognomi delle persone.

Ogni persona si potrà recare al supermercato due sole volte a settimana, una nei giorni feriali, nel giorno e fascia oraria corrispondente alla sua iniziale, e una la domenica, giornata libera per tutti.

Per far conoscere questa nuova modalità, l’Amministrazione comunale ha attivato una comunicazione capillare che oltre all’utilizzo dei canali social prevede la stampa e distibuzione di 5 mila volantini nei punti vendita di generi alimentari della Città.

Nuovi giochi per asilo Munari di Ospiate

Asilo Munari
Asilo Munari

Nuovi giochi nel giardino della scuola materna Munari di Ospiate. È quello che troveranno i piccoli all’inizio del nuovo anno scolastico, dal prossimo mese di settembre. Anche per ringraziare di questas bella novità, alcuni bambini della scuola, accompagnati dalle loro insegnanti, sono venuti a trovare il Sindaco Francesco Vassallo che li ha accolti in sala giunta e ha spiegato loro cosa significa fare l’Amministratore pubblico e quali e quante cose si devono e si possono fare per il bene della città.

Ma come saranno i nuovi giochi? Si tratta di un Tunnel mangia mela, del Lombrico a molla, della Piramide a corde e del Piccolo cespuglio dotato di due scivoli e altre corde per l’arrampicata. “Era una promessa che avevo fatto – dice il Sindaco Vassallo – e appena vista la possibilità, l’abbiamo concretizzata”.

L’impegno di spesa si aggira sui 10mila euro e le risorse sono state recuperate dall’avanzo di Bilancio.

Bollate: Piano asfalti

Lavori Bollate
Lavori Bollate

Il progetto è il risultato di un grosso lavoro dell’Amministrazione comunale e in particolare del Sindaco Francesco Vassallo, del Vicesindaco Alberto Grassi con delega ai Lavori pubblici e dei dirigenti di Gaia servizi.

Grazie al loro impegno, Bollate si è dotata di tutti i macchinari e le attrezzature necessarie per asfaltare in autonomia, senza dover ricorrere ai privati.

In termini economici, sarà necessario un investimento iniziale importante che però verrà ammortizzato in poco tempo, anche grazie a personale ed economie tutte interne. Senza dimenticare che la nuova gestione consentirà di reinvestire i risparmi su nuovi progetti, ampliando le strade su cui intervenire in città.

Il risparmio previsto si attesta sul 33%, ovvero la percentuale di sconto rispetto al capitolato ufficiale del Comune di Milano, punto di riferimento per i bandi di gara.

Ma oltre al risparmio e agli utili che rimarranno all’interno del Comune, l’altro importante vantaggio di questa novità sarà il coordinamento maggiormente flessibile e agile tra il Comune e Gaia, rispetto al rapporto con una ditta appaltante privata.

Questo significa che il Comune potrà, con maggior elasticità, valutare eventuali nuove esigenze che potrebbero sorgere in fase di realizzazione delle asfaltature, rimodulando o ampliando gli interventi con rapidità e senza le ingessature burocratiche tipiche di un rapporto contrattuale vincolante.

Si ricorda che il tema delle asfaltature stradali era uno dei temi centrali del programma elettorale di Vassallo,che dice: “Siamo convinti di realizzare qualcosa di assolutamente nuovo rispetto a quanto fatto da tutte le Amministrazioni checi hanno preceduto. Vogliamo dare una risposta rapida alle segnalazioni dei cittadini e rendere le strade e i marciapiedi di Bollate migliori e più sicuri rispetto a come li abbiamo trovati al nostro insediamento. L’estate 2018 e l’estate 2019 segneranno un’importante svolta; siamo certi che i cittadini apprezzeranno i risultati”.

“Si tratta di un nuovo servizio sul quale abbiamo investito molto – dice Felice Caccavale,presidente di Gaia Servizi” – che rende la nostra società unica nel panorama delle aziende multiservizi comunali. Oltre a lavorare in sintonia con il Comune di Bollate, ci proponiamo anche ad altri comuni della zona per eseguire piani di asfaltature a prezzi concorrenziali”.

Bollate: Monitoraggio ambientale

francovassallo
francovassallo

Monitoraggio ambientale a Bollate, arrivano i primi risultati relativi alle analisi sulla qualità dell’aria e sulla valutazione dello stato di salute delle persone, effettuate per la frazione di Cassina Nuova. I dati rilevati risultano in linea con lo stato dell’area vasta, che va oltre i confini regionali. Non si rilevano, quindi, particolari criticità ambientali.

Questo è quanto emerso oggi nel corso della conferenza stampa di presentazione del monitoraggio tenuta dal Sindaco Francesco Vassallo con i rappresentanti di ARPA Lombardia, ATS Milano e dell’ufficio Sostenibilità ambientale del Comune di Bollate.

Ma vediamo nel dettagli i risultati presentati.

ARPA. Monitoraggio odori fase A
Si è conclusa la fase A che ha riguardato il monitoraggio degli odori per il periodo dal 27 settembre al 26 dicembre 2017, per un totale di 2184 ore di rilevazione. Sono state raccolte le schede di segnalazione ricevute dai segnalatori, precedentemente individuati dal Comune.

I dati sono confluiti in una tabella, suddivisi per ora e giorno. In tutto sono state raccolte 698 segnalazioni che hanno dato luogo a 1189 segnalazioni orarie (divise in base all’orario). Seguendo appositi criteri di validazione, Arpa ha individuato 59 eventi ritenuti validi, per un totale di 129 ore di disturbo olfattivo segnalato.

L’informazione che ne risulta è che il disturbo olfattivo esiste. Ora si partirà con l’avvio dell’approfondimento di indagine ambientale – fase B – che consiste nella misurazione degli odori e nell’incrocio dei dati raccolti con i modelli previsti dalla Dgr 3018/2012. In questa fase verrà effettuata l’analisi approfondita delle caratteristiche dell’origine del disturbo. Il prossimo tavolo tecnico si terrà il prossimo 1 giugno per decidere le modalità precise di avvio della fase B.

ATS. Studio sullo stato di salute dei residenti di Bollate, con focus su Cassina Nuova
Sono stati considerati tre indicatori: rischio di mortalità; incidenza dei tumori; numero ricoveri. Il periodo di osservazione riguarda gli anni dal 2010 al 2017 su un numero di 7mila abitanti circa (residenti Cassina). In linea generale, i risultati parlano di un stato di salute paragonabile a quella di tutto il territorio Ats (Città metropolitana di Milano e Provincia di Lodi).

Ma vediamo i risultati nel dettaglio.
Rischio mortalità: le analisi non evidenziano eccessi di rischio di mortalità né per la popolazione di Bollate né per quella di Cassina.
Incidenza tumori: si è rilevato un rischio maggiore a Cassina rispetto a Bollate (ma non rispetto alla Lombardia), solo per le donne, relativo ai tumori al polmoni e alla mammella.

Questo dato non è da rapportarsi a problematiche ambientali ma va correlato a condizioni socio economiche dell’area considerata. Si tratta, per lo più, di maggior propensione al fumo legato al reddito medio annuo più elevato (dato economico dimostrato anche da ISTAT).

Numero ricoveri: si rileva un maggior rischio di ricovero per entrambi i sessi su Cassina rispetto a Bollate ma non rispetto alla Regione. Si tratta per lo più di patologie respiratorie. Per ATS questo è un dato di interesse che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti, dato che può essere anche legato alle abitudini nell’uso dei ricoveri e ai comportamenti dei medici di base.
“Abbiamo avviato questi approfondimenti – dice il Sindaco Vassallo – per chiarire le dimensioni reali dei problemi segnalati a Cassina Nuova. Gli studi, attivati per verificare lo stato ambientale della frazione anche a seguito dei numerosi esposti e segnalazioni, confermano che nella frazione non abbiamo un quadro ambientale preoccupante e diverso da quanto presente nella macro area in cui viviamo. Certamente il disagio esiste e verrà affrontato nel modo corretto e nel rispetto delle normative e procedimenti”.
Tutti i dati saranno resi disponibili sul sito del Comune, non appena concluse tutte le campagne ancora in corso.

Bollate: Nuovo servizio di Navetta ospedali

Francesco Vassallo
Francesco Vassallo

Partirà l’1 febbraio 2017 il nuovo servizio sperimentale di Navetta di collegamento tra gli ospedali di Bollate e Garbagnate, voluto dall’ amministrazione comunale per aiutare gli spostamenti dei bollatesi che hanno necessità di recarsi al nosocomio di riferimento.

Due doppie corse al giorno (due andata/ritorno), per 5 giorni (da lunedì a venerdì), senza fermate intermedie.

Ecco gli orari:

Bollate (Piazza Carlo Marx) – Ospedale di Garbagnate: partenza ore 8.50, arrivo ore 9.05

Bollate (Piazza Carlo Marx) – Ospedale di Garbagnate: partenza ore 15.30, arrivo ore 15.45

Ospedale di Garbagnate – Bollate (Piazza Carlo Marx): partenza ore 11.25, arrivo ore 11.40

Ospedale di Garbagnate – Bollate (Piazza Carlo Marx): partenza ore 17.30, arrivo ore 17.45

Il servizio sarà attivo, in fase sperimentale, per tre mesi e i costi, pari a 9.000 euro, saranno sostenuti interamente dal Comune di Bollate. Uno sforzo economico importante ma certamente apprezzato dai cittadini che, per questa fase sperimentale, avranno il trasporto completamente gratuito per gli utenti.

Al termine del periodo sperimentale si valuterà il gradimento di tale servizio, confrontando anche il numero di utenti che lo hanno utilizzato.

“Si tratta di un impegno che avevo preso pubblicamente già alcuni mesi fa – dice il Sindaco Francesco Vassallo – ma l’impossibilità di avere un’area di sosta presso il nuovo ospedale di Garbagnate rendeva impossibile l’attivazione del servizio. Nel mese di novembre dello scorso anno l’azienda ospedaliera rhodense ha trovato una zona in cui autorizzare la discesa e la salita dei passeggeri e a quel punto abbiamo fatto partire le procedure di gara per aggiudicare il servizio di trasporto degli utenti. Certo, l’impegno economico per questi tre mesi è importante ma siamo certi che fornire un servizio di collegamento come questo sia un modo per favorire gli spostamenti dell’utenza anziana e in condizioni di fragilità fisica”.