“Coppa del Mondo per Club” su “20”

Coppa del Mondo per club
Coppa del Mondo per club

CALCIO, «COPPA DEL MONDO PER CLUB»:

TUTTI I MATCH IN ESCLUSIVA ASSOLUTA SU “20”

 

La rete tematica Mediaset torna a proporre i match del torneo,

che si tiene in Qatar dal 4 all’11 febbraio 2021.

Prosegue il binomio tra la rete tematica Mediaset “20” e il Grande Calcio.

Dopo le sfide della Uefa Nations League, arrivano – in esclusiva assoluta per l’Italia – i match della «Coppa del Mondo per Club Fifa 2020».

Il torneo in onda sul canale diretto da Marco Costa, inizialmente previsto nel dicembre 2020 e slittato a causa della pandemia di Covid-19, si svolge in Qatar da giovedì 4 a giovedì 11 febbraio.

Sei, le squadre partecipanti: tutte le vincitrici delle rispettive competizioni continentali, più la squadra campione nazionale del paese ospitante.

A rappresentare l’Europa c’è il Bayern Monaco, grande favorito anche di questo torneo, che ha trionfato in Champions League.

In attesa di conoscere la vincente della Copa Libertadores, tra le brasiliane Palmeiras e Santos (la finale è in programma per il 30 gennaio), proveranno a ribaltare il pronostico:

  • Al-Ahly           campione della Champions League Africana 2019-2020;
  • Ulsan Hyundai campione della Champions League Asiatica 2020;
  • Tigres campione della Champions League Centroamericana 2020;
  • Al-Duhail campione nazionale 2019-2020 del Qatar, paese ospitante.

Sempre più solido, quindi, il rapporto tra Sport e “20”. È il calcio, infatti, che ne ha segnato il debutto tra le reti italiane, il 3 aprile 2018.

Le trasmissioni, iniziate ufficialmente alle 19.30 con il prepartita di andata dei quarti di finale di Champions League, proposero l’esclusiva in chiaro di Juventus-Real Madrid. Per “20”, anche un battesimo da record e da leader degli ascolti, con 6.569.000 spettatori e il 23.35% di share.

Oggi l’accoppiata Sport – “20” prosegue con tante altre iniziative: dai match tra le Nazionali nella Uefa Nations League alle dirette degli e-prix di Formula E, fino alle partite dell’Italrugby. Nel palinsesto del canale, infine, spazio e blockbuster e action, serie mainstream e di culto.

“Gladiatori: tra storia e leggenda” su Focus

Gladiatore
Gladiatore

LUNEDÌ 16 E 23 NOVEMBRE ALLE 21.15 SPECIALE
«GLADIATORI: TRA STORIA E LEGGENDA»

L’antichista Laura Pepe racconta i veri divi dell’epoca degli Antichi Romani,
atleti venerati come Ronaldo, spettacolari come wrestler, vegetariani come Venus Williams

“Focus”, la rete tematica Mediaset diretta da Marco Costa, lunedì 16 e 23 novembre, alle ore 21.15, propone la produzione inedita e originale «Gladiatori: tra storia e leggenda», a cura Laura Pepe. Con l’antichista e docente all’Università degli Studi di Milano, numerosi storici e archeologi, tutti coinvolti in un viaggio che va da Pozzuoli al Colosseo, per dare conto di come vivessero, si allenassero e combattessero questi lottatori dell’Antica Roma.

Il documentario rilegge quel mondo, documentando – a partire dalle fonti storiche più sicure – l’origine dei giochi gladiatori, e come e perché i Romani abbiano assegnato loro valenza sociale, politica e culturale, facendone uno svago tra i più popolari: con un tifo organizzato e appassionato, a tratti violento, paragonabile a quello odierno per il calcio.

Molte informazioni storicamente fondate – però – risultano in contrasto con le convinzioni che un po’ tutti hanno sui gladiatori. L’inchiesta di Laura Pepe rivela che innanzitutto non erano schiavi, se non raramente. Che non erano soldati, semmai ex soldati fatti prigionieri. Che di fatto erano atleti contrattualizzati e con obblighi precisi di condurre una “vita da atleta”. Che erano assistiti da medici capaci e seguivano una dieta prevalentemente vegetariana.

I gladiatori, poi, non dovevano darsi la morte nelle arene. Potevano morire, ma erano incidenti. Erano molto simili ai nostri wrestler, solo che la loro funzione sociale andava ben oltre lo spettacolo e aveva implicazioni religiose, identitarie e politiche. Per certi aspetti, funzioni più assimilabili a quelle del nostro calcio. Erano veri divi: i loro allenamenti erano seguiti dal pubblico e sui loro incontri fiorivano le scommesse.