Andrea Biagioni, online il video di “Capotreno”

Andrea Biagioni 1_foto di Luca Palatresi_b
Andrea Biagioni 1_foto di Luca Palatresi_b

Andrea Biagioni

Da oggi online il video di “Capotreno”

il nuovo singolo estratto dall’ultimo album “Pranzo di famiglia”

Da oggi è online il video di “Capotreno”, il nuovo singolo del cantautore e polistrumentista Andrea Biagioni estratto dal suo ultimo album “Pranzo di famiglia” (Adesiva Discografica/Self), disponibile nei negozi, sulle piattaforme streaming e in digital download.

Il video, visibile al seguente link https://youtu.be/NO7RPbdjdFo, è parte del progetto “Colour Behind The Walls”, una live session realizzata la scorsa estate nei sotterranei del baluardo di San Paolino, all’interno della cerchia muraria di Lucca, durante la quale il cantautore toscano ha presentato in anteprima il suo album “Pranzo di Famiglia”.

«In questo brano – dichiara Andrea Biagioni – ho utilizzato l’immagine del capotreno per descrivere in modo critico la condizione di una persona che, nel proprio percorso di vita, non prova a destabilizzarsi, a rischiare, ad andare fuori dalla propria ‘’comfort zone’’ e da quelle che sono le sue sicurezze, ma resta come un treno in balia dei “binari” che le sono imposti dal sistema in cui si trova e della forma mentis che le è stata data, rassegnandosi a vivere in una struttura che non le appartiene».

“PRANZO DI FAMIGLIA” (https://open.spotify.com/album/32DwzZFMNCXbIfIDgJB16m), realizzato con il sostegno delMiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”, è il primo lavoro completamente in italiano di Andrea Biagioni, un disco che mescola con sapienza di arrangiamenti sonorità pop, folk e blues. Nel titolo è racchiuso il concept dell’intero album,che si compone di otto brani autobiograficiin cui Andrea Biagioni confessa le suedebolezze e i suoi punti di forzacon il linguaggio intimo e confidenziale di chi si racconta ai propri affetti in un momento di raccoglimento, come quello di un pranzo in famiglia.

Questa la tracklist del disco: “Alba Piena”, “Surferemo”, “Violet Peonie”, “Via Da Me”, “Capotreno”, “Leva La Rete”, “Come Si Fa”, “Angela”.

Classe 1988, Andrea nasce in provincia di Lucca e si avvicina alla musica all’età di 10 anni, avviando un percorso che lo porterà ad essere un valido polistrumentista ancor prima che un cantante. Inizia a studiare dapprima il pianoforte, per poi dedicarsi alla conquista della sua compagna di vita, la chitarra, aggiungendo con il tempo la padronanza di altri strumenti tra cui varie percussioni (cajon, bongo, djambé, udu), il basso elettrico e l’armonica a bocca. A soli 14 anni inizia la gavetta esibendosi live nei locali lucchesi. Passo dopo passo guadagna la giusta credibilità, partecipa ad alcuni festival e inizia a suonare come turnista in diverse realtà, tra cui il progetto “Voci Sole” di Paolo Ruffini. Partecipa anche a svariati musical, girando l’Italia assieme ad una compagnia teatrale per cinque anni. Ammesso al Berklee College of Music di Boston, abbandona gli studi nel 2016 per partecipare alla decima edizionedi X Factor. Gareggia nella squadra degli “Over 25” di Manuel Agnelli arrivando in semifinale e presentando l’inedito “Il Mare Dentro”. La collaborazione con Manuel Agnelliprosegue anche al di fuori della trasmissione, tanto che aprirà le prime 12 date del “Folfiri o Folfox Tour 2017” degli Afterhours. “Il Mare Dentro” è anche il titolo dell’EP pubblicato dopo la partecipazione ad X Factor, che oltre all’omonimo inedito contiene cinque cover da lui interpretate nel corso del talent show. Nel 2018 entra nel cast di Sanremo Giovani con l’inedito“Alba Piena”. Unico fra i partecipanti ad essere accompagnato da un terzetto d’archi, la sua performance risulta molto accorata e convincente e conquista il quarto posto della prima delle due serate del Festival. Il video del brano, frutto di un’idea di Augusto Titoni e di Andrea, rappresenta il passaggio, la scelta, la presa di coscienza del cambiamento radicale che avviene nella vita del protagonista, attraverso immagini che raccontano con semplicità ed eleganza, il rifiorire delle emozioni da uno stato di aridità emotiva. Un ritratto autobiografico come primo tassello di un progetto che si svilupperà nell’album “Pranzo di Famiglia”, uscito il 25 ottobre 2019.
Andrea Biagioniè un musicista raffinato e poliedrico, capace di sperimentare diversi generi tra cui il funk, rock, country, reggae e r&b, ispirandosi ad artisti diversi fra loro come Simon & Garfunkel, James Taylor, Nick Drake e Jeff Buckley, senza dimenticare Bob Marley, The Verve, Radiohead e i più attuali Blake Mills e Bon Iver.

www.facebook.com/andreabiagioniofficial – www.youtube.com/user/biagioandre88

www.instagram.com/andreabiagioniofficial – www.twitter.com/biagioniandrea1

www.open.spotify.com/artist/5LHW1HcZAnB5yui9HiSKD5 – www.instagram.com/adesivadiscografica

 

“Alessandro Quarta Plays Astor Piazzolla”

LOCANDINA CONCERTO FASANO
LOCANDINA CONCERTO FASANO

Domani, giovedì 5 marzo, il violinista, polistrumentista e compositore salentino ALESSANDRO QUARTA presenterà live al TEATRO KENNEDY di Fasano – Brindisi (Via Pepe, 23 – inizio concerto ore 21:00) il suo ultimo album “ALESSANDRO QUARTA PLAYS ASTOR PIAZZOLLA”, un tributo al riformatore del tango Astor Piazzolla.

«Ho sempre creduto che per fare una grande carriera ed arrivare al successo non basti solo il talento ma ci voglia molta disciplina e un’attenzione maniacale nella cura dei dettagli – racconta Alessandro Quarta – Questo è esattamente quello che faccio nella mia musica attraverso il violino, svestendolo dal frac per impreziosirlo di emozioni, di arte e cultura e di innovazione».

Alessandro Quarta sarà affiancato dal suo quartetto, formato da Giuseppe Magagnino al pianoforte, Cristian Martina alla batteria, Michele Colaci al contrabbasso e Franco Chirivì alla chitarra.
Il quartetto sarà con lui sul palco anche nella data di martedì 24 marzo al Congress Center di Villach, Austria.

“Vecchia novità” : nuovo singolo di Angelica

Angelica_Giacomo
Angelica_Giacomo

“VECCHIA NOVITÀ” è un elegante e ariosa ballad dal sapore retrò, scritta da Angelica insieme ad Alessandro Raina e prodotta da Antonio “Cooper” Cupertino. Per l’occasione, l’artista ha voluto coinvolgere l’amico Giacomo Ferrara, creando un connubio inedito e particolare che vede protagonisti due giovani promesse rispettivamente del nuovo cantautorato e del nuovo cinema italiano.

“Avevo questo pezzo nel cassetto da un po’, aveva bisogno del momento giusto e delle persone giuste – afferma Angelica – Non riuscivo ad esprimere nel ritornello ciò che volevo dire e allora ho chiesto aiuto ad Alessandro Raina che con una nota vocale ha immediatamente creato una magia, capito e dato senso a quel che c’era già. È stata una scintilla.
Poi durante una serata romana Giacomo ha sentito il pezzo e io ho sentito lui cantare, non ci sono stati dubbi da parte di entrambi che il cerchio su Vecchia Novità si dovesse chiudere con la sua voce sul ritornello anziché la mia. Pochi giorni dopo eravamo già in studio a registrare la sua voce.”

“Stimo molto Angelica – continua Giacomo – Non appena ci siamo conosciuti è nata spontaneamente la voglia di collaborare artisticamente e questa canzone ci è sembrata l’occasione perfetta, ed è stata anche l’occasione per me di sperimentare un’altra arte che mi ha sempre affascinato. Senza dimenticare che sono un suo fan quindi non appena mi ha proposto di cantarla non c’ho pensato due volte!”

Dopo aver suonato quest’estate nei più prestigiosi festival italiani, Angelica ha annunciato le date del nuovo tour autunnale (una produzione BPM Concerti/RC Waves). Un tour che nella maggior parte delle date vedrà Angelica esibirsi in uno speciale set in solo, che mette in luce le sue doti da performer e polistrumentista. Queste le prime date annunciate:

08.11 | Milano @ ohibò FULL BAND
29.11 |Siena @ Bottega Roots
30.11 |Roma @ Le Mura FULL BAND
07.12 | Fucecchio (FI) @ Limonaia
08.12 | Carpi (MO) @ Mattatoio
28.12 | Pordenone @ Capitol

Jazz all’Atelier Musicale: il Flauto Ensemble

logo Atelier Musicale
logo Atelier Musicale

È un concerto assolutamente inedito per l’organico che lo compone quello che viene presentato in prima assoluta alla Camera del Lavoro di Milano sabato 26 ottobre (inizio live ore 17.30; ingresso 10 euro + tessera a 5 euro): per il quarto appuntamento della nuova stagione dell’Atelier Musicale, la rassegna organizzata dall’associazione culturale Secondo Maggio, Giulio Visibelli, più noto come sassofonista, ma anche eccellente flautista (lo strumento sul quale si è formato), ha riunito per l’occasione un trio di flauti, contrabbasso e percussioni.

Al contrario dei sassofoni, delle trombe, delle chitarre, delle batterie, in cui i “summit” e le “chase” sono comuni, il flauto jazz è sempre rimasto nell’angolo e raramente si sono
costituiti ensemble di questo strumento. Anche nelle big band è entrato di rado e sempre quale strumento aggiuntivo.

Eppure il flauto ha una storia che percorre l’intero corso del cammino del jazz, con personalità solistiche di livello quali, tra le altre, Eric Dolphy, Roland Kirk, James Newton, Jeremy Steig e Herbie Mann.

I tre protagonisti di questo concerto sono musicisti complementari tra loro, tutti provenienti da studi classici ma con percorsi differenti: Visibelli ha sviluppato un
linguaggio jazzistico che spazia dalla modernità anni Cinquanta fino al trasversalismo
contemporaneo; Carlo Nicita ha elaborato un percorso espressivo che riunisce jazz,
musica eurocolta e mondo popolare, anche di origine brasiliana; infine, Emilio Galante,
come dimostra la sua militanza nel gruppo Sonata Islands, si è mosso per lo più nel
mondo eurocolto.

La ricchezza linguistica del percussionista e vibrafonista Luca Gusella e la duttilità del
contrabbassista Tito Mangialajo completano il quintetto, che propone un repertorio
italiano con brani originali e composizioni di grandi autori articolate come una lunga e
variegata suite.

Sabato 26 ottobre, ore 17.30
Giulio Visibelli Flauto Ensemble – Flauti per il jazz italiano (prima esecuzione assoluta)
Giulio Visibelli, Carlo Nicita, Emilio Galante (flauti), Tito Mangialajo (contrabbasso), Luca Gusella (percussioni, vibrafono).

Francesca Michielin – 2640 Tour

michielin concerto
michielin concerto

Dopo aver conquistato i principali club di tutta Italia passando per sold out e raddoppi, riprende questo weekend il 2640 Tour con cui FRANCESCA MICHIELIN sarà protagonista delle line up dei più importanti festival musicali: domani a Vigevano (Estate in Castello) e domenica a Cremona (Tanta Robba Festival).

La leg estiva del tour, che è partita dal Mi Ami di Milano lo scorso 25 maggio con un’esibizione tra le più attese e apprezzate del festival, proseguirà con altri 13 live in tutta Italia, terminando il prossimo 2 settembre con uno speciale appuntamento all’Home Festival di Treviso.

Francesca sarà anche l’opening act d’eccezione al concerto di Alanis Morissette a Roma, il prossimo 9 luglio all’Auditorium Parco della Musica (Cavea).

Durante le sue performance live la cantautrice e polistrumentista porterà sul palco i brani di 2640, il suo ultimo album di inediti pubblicato su etichetta Sony Music che ha quasi raggiunto, con i singoli Vulcano, Io non abito al mare e Bolivia, i 24 milioni di stream su Spotify.

È uno spettacolo che unisce il mondo del live electronics a quello pop/rock, per una scaletta ricchissima di oltre 20 brani tutti suonati live, senza l’utilizzo di sequenze e riprodotti in una chiave di ascolto inedita.

Francesca e la sua band hanno a disposizione nella loro postazione, oltre agli strumenti tradizionali, le rispettive varianti elettroniche per dare a ogni esecuzione nuove sfumature in una dimensione unica.

Sul palco con Francesca la band che la accompagna fin dal suo esordio: alla batteria e batteria elettronica Maicol Morgotti, Luca Marchi al basso, pianoforte e synth ed Eugenio Cattini alla chitarra e synth.

In ogni tappa Francesca Michielin si porterà dietro non solo il bagaglio musicale di 2640 ma anche quello visuale. L’aspetto scenografico del live, pensato da Giò Forma insieme a Francesca, è infatti fortemente stilizzato e ruota attorno al logo del disco, i tre triangoli simbolo (il Vulcano rosso, come le parole più crude da comunicare; il Mare, blu e caotico, da imparare ad ascoltare; la Montagna, alta, dove si arriva sulla cima solo per provare a immaginare). Δ∇Δ si trasforma così in un’installazione iconica che sprigiona luminosità e che caratterizza la scena con giochi di luce, anche laser, e cromie.

Ogni triangolo al suo interno contiene tanti triangoli, in una struttura che richiama il tangram, gioco semplice ma raffinato, e che diventa anche interattiva: la loro illuminazione in alcuni momenti del live è comandata direttamente da Francesca attraverso la tastiera che sta suonando.

Le prevendite per le date del tour sono disponibili su ticketmaster.it, ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.