Michele Cortese – “Madrugada”

MicheleCortese_ MUSICA

Nuovo singolo, per MICHELE CORTESE!
A pochi mesi dal lancio italiano di “Correndo” – il singolo che nei mesi precedenti s’era rivelato un vero successo radiofonico in Sud America – torna il giovane cantautore salentino con un pezzo che sembra quasi un omaggio (composto insieme a Franco Simone) alla cultura latina che da un anno a questa parte, quando ha vinto il Festival di Vina del Mar, lo sta accogliendo con un calore davvero inatteso…

www.youtube.com/watch?v=x_Jg6v4lmNI

 “Madrugada”, che in spagnolo vuol dire “ore piccole”, è un gioco d’amore, un corteggiamento inusuale, il ricordo di “quelle ore della notte” tra Mozart ed un blues.

In questo nuovo singolo, che anticipa il nuovo album, Michele Cortese ha al suo fianco una voce d’eccezione: RITA CAMMARANO, soprannominata il “soprano degli Oscar” (ha performato – e recitato – all’interno di “To Rome with Love” di Woody Allen, ed ha collaborato con Nicola Piovani e il Teatro dell’Opera di Roma) con la quale crea un connubio originale tra pop, lirica e un rock a tratti un po’ latino che profuma di origini ed al tempo stesso, citando parte del testo, di “terre lontane e lune piene”.

“Madrugada” è anche un videoclip (a giorni online), diretto dal giovane regista salentino Giuseppe Pezzulla che ha giocato a ricreare atmosfere magiche da cinema  d’altri tempi, tra personaggi singolari, tradizioni musicali, location e costumi da film…

Teatro – “Così tanta bellezza”

Così tanta bellezza teatro

Corrado Accordino, direttore artistico del Teatro Libero di Milano e della Compagnia La Danza Immobile, inserita all’interno del progetto TLLT che coinvolge più compagnie nella cogestione di uno spazio teatrale, torna sul palcoscenico con un nuovo allestimento che debutta martedì 2 febbraio in prima nazionale.

In scena Così tanta bellezza, uno spettacolo che affronta la bellezza, quella vera, quella che nasce nell’anima e si manifesta attraverso pensieri e sentimenti differenti in base agli avvenimenti con i quali ci si confronta.

Il lavoro si inserisce all’interno di un più ampio percorso di analisi e ricerca profonda sui grandi temi che ruotano intorno all’Arte, nel suo significato più ampio, e che ha affrontato l’amore e la rivoluzione in Mozart (2013), coraggio, fedeltà e ideali in D’Artagnan (2014) e infine la bellezza in questa nuova produzione.

«Non la bellezza delle copertine, dei tacchi o dei trucchi alla moda – spiega Corrado Accordino –   (…) non la bellezza di chi sa parlare bene e di chi vuole piacere a tutti i costi, (…) non la bellezza che brilla di diamanti, di feste e di brindisi vivaci, non queste forme di bellezza così evidenti, così appariscenti, così deludenti. Raccontare invece la bellezza accecante e devastatrice che anima la vita. La bellezza che non t’aspettavi, (…) che ispira e confonde gli uomini, che sposta il tuo punto di vista dagli occhi al fegato. (…) La bellezza come atto di resistenza poetica. L’ispirazione dell’ultima utopia, che non salverà la forma del mondo ma ne svelerà i suoi segreti.»

Cosi tanta bellezza non è l’unico spettacolo che vede quest’anno Corrado Accordino coinvolto sul palco del Teatro Libero. A fine marzo ci sarà un altro debutto con la nuova produzione … Secondo Cyrano della quale firma la regia.

Teatro Libero
Via Savona, 10 – Milano

BIGLIETTERIA
PREZZI BIGLIETTI
Intero € 21,00
Ridotto under26 e over60 € 15,00
Studenti universitari € 10,00
Prevendita € 1,50
Allievi Teatri Possibili con TPCard € 10,00
(prime rappresentazioni € 3,00)

ORARIO SPETTACOLI
Da lunedì a sabato ore 21.00
Domenica ore 16.00

ORARI BIGLIETTERIA
Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00
Nei giorni di spettacolo:
Da lunedì a venerdì fino alle 21.30
Sabato dalle 19.00 alle 21.30
Domenica dalle 14.00 alle 16.30

CONTATTI
02 8323126
biglietteria@teatrolibero.it

ACQUISTI ONLINE
www.teatrolibero.it

 

Iniziativa sull’autismo – “Guardami negli occhi”

guardami negli occhi attualità _cinema_ridotto_teatro_del_popolo_21

“Guardami negli occhi”: è questo il primo esercizio che viene proposto ai bambini con autistismo, la sfida di mettersi in relazione con l’altro, di superare la propria situazione di isolamento partendo da ciò che si è. Da questo nasce l’iniziativa dell’Associazione genitori A.Ge. Castelfiorentino, che propone un’incontro con i ragazzi con autistismo ospitati nel vicino centro diurno “Casa di Ventignano” di Fucecchio (FI), le loro famiglie, le istituzioni e il territorio, sabato 30 gennaio alle 17 presso il Ridotto del Teatro del Popolo, in piazza Gramsci 77 a Castelfiorentino.

“Abbiamo registrato le attese e le preoccupazioni dei genitori in rapporto alla scuola e in particolare quelle di chi ha un bambino con autistismo –dichiara Vito Colella, presidente dell’A.Ge. Castelfiorentino- Da questo è nato nell’Associazione il desiderio di fare qualcosa per questa e le altre famiglie che nella nostra comunità vivono in solitudine tutte le difficoltà che l’autismo comporta. Ma cosa?”.“La risposta –prosegue Colella- è stata quella di iniziare a far conoscere cosa accade in una famiglia quando c’è un bambino con autismo, provando a metterci nei panni dei genitori, ma soprattutto dei bambini.

E’ importante conoscere l’autismo da vicino per poter fare qualcosa, per poterlo guardare negli occhi e non aver paura, per vedere la bellezza che c’è in questi ragazzi e in queste famiglie. E allora si capisce che la relazione e il sostegno di una comunità, di una scuola, di un paese è determinante per questi ragazzi”. L’Associazione genitori A.Ge. Castelfiorentino si pone infatti come obiettivo quello di cogliere i bisogni evidenti e latenti sul territorio che riguardano le tematiche inerenti l’educazione, la famiglia e il ruolo sociale che questa ha nella comunità.

Con questo desiderio A.Ge. Castelfiorentino vi invita a partecipare, per conoscere e capire, alla serata. Questo non vuole essere un convegno per gli addetti ai lavori, ma un’occasione di incontro. Infatti i protagonisti saranno proprio loro, i ragazzi con autismo che ci dimostreranno quanto avere una comunità di persone che ti vuole bene e ti sostiene aiuta a far emergere le proprie potenzialità e la propria personalità.

Questo ce lo racconteranno innanzitutto gli operatori che quotidianamente condividono fatiche e speranze delle famiglie e di questi ragazzi. Le loro voci saranno rappresentate dalla dott.ssa Cinzia Pieraccini e dal dott. Leonardo Granchi che gestiscono, insieme ad educatori e operatori del settore, la Casa di Ventignano.

E saranno proprio i ragazzi della Casa di Ventignano che si mostreranno in uno spettacolo circense grazie alla guida di Samuele Mariotti. Ci mostreranno quanto bisogno c’è di relazione proprio attraverso la terapia circense che favorisce l’interazione, lo scambio, l’attenzione e la collaborazione. Inoltre ci aiuteranno ad entrare in questo clima di novità la Compagnia Teatrale “Passi di Luce” e la “Premiata Cinematografia Popolare” con un loro contributo artistico e di riflessione profonda ed attuale.

L’incontro sarà al Ridotto del Teatro del Popolo di Castelfiorentino gentilmente concesso dall’Amministrazione Comunale e dalla Fondazione Teatro del Popolo, i quali da subito hanno appoggiato con interesse questa iniziativa.

Per informazioni: agecastelfiorentino@age.it –  340 6134402 –  www.agetoscana.it

Sala, Candidato primarie Pd, a Mix24 su Radio 24

sala primarie -attuaòità
“I miei avversari ne dicono di ogni colore in questo momento. Il punto è (che) credo di fare abbastanza paura, in particolare al centrodestra”.

Così il candidato alle primarie Pd di Milano, Giuseppe Sala, risponde a Giovanni Minoli a Mix24 su Radio 24, in merito ai commenti degli avversari che, sul fatto di essere stato inquisito “a sua insaputa” per gli appalti dati direttamente a Eataly di Oscar Farinetti, dicono sia semplicemente stato protetto per non rovinare il successo dell’Expo.

Ma quando Renzi ha ringraziato la procura di Milano per la sua sensibilità istituzionale perché l’ha fatto allora?, insiste Minoli e Sala risponde: “Bisognerebbe chiederlo a lui. Certo non è che non siamo stati controllati dalla procura di Milano, anzi. Per cui direi che sono stati molto tempestivi”.

“Temo “Majorino,  è un politico, sa parlare alla gente…(è) bravo” Giuseppe Sala, candidato alle primarie Pd di Milano, risponde così a una domanda di Giovanni Minoli su quale sia l’avversario che teme di più.

Immigrati, bisogna richiamarli al loro dovere. Giuseppe Sala risponde così a una domanda sul significato di “inclusione” (una delle parole chiave del suo programma, ndr) rispetto agli immigrati. Che cosa vuol dire, chiede Minoli e Sala risponde: “Vuol dire che oggi già ci sono gli immigrati, bisogna dare opportunità, bisogna lavorare col welfare, bisogna richiamarli al loro dovere”. Lei pensa che Schengen sia a rischio?, chiede Minoli. “No, no, (è una) follia”, risponde Sala.

A quale sindaco del passato ispirarsi? “Tognoli”. Così risponde Sala al conduttore.
Il candidato sindaco alle primarie PD spiega: “Grande umanità, grande capacità di dialogo, molto amato dalla città. Sarebbe un sogno uscire da sindaco amato come Tognoli”.
Qual è la qualità principale che deve avere un sindaco di Milano?, domanda allora il giornalista: “Dipende dal momento storico, in questo momento visione e relazioni internazionali e capacità di far le cose. Il tema non è individuare il problema, è farle (le cose, ndr)”, spiega Sala.

La poesia e la fontana

RONDONI ePIAZZA
Tornano, per il secondo anno, gli appuntamenti de La poesia e la fontana, la rassegna di poesia e/a teatro curata da Davide Rondoni e Laura Piazza. La fontana che è divenuta teatro, si fa spazio per incontri di poesia, conversazioni, brindisi, scoperte. Un percorso che il poeta e l’attrice affronteranno, accompagnati da un bicchiere di vino, insieme ad alcune delle più interessanti voci della poesia contemporanea.

Una serie di incontri per smentire l’idea che la poesia sia riservata a pochi. La poesia, come dice Davide Rondoni “mette a fuoco la vita”, rispondendo a una necessità primaria. La poesia e la fontana nasce dalla fiducia nei confronti della parola e, in particolare, della parola a teatro, luogo in cui la poesia, nell’essere pronunciata e condivisa, recupera la sua essenza.

PRIMO APPUNTAMENTO: 26 gennaio ore 19.30
“Nel corpo oscuro della metamorfosi”
La poesia e l’indicibile della storia

Il primo appuntamento, introdotto, insieme ai curatori, da Giancarlo Pontiggia, è dedicato al rapporto, in luce e ombra, tra poesia e storia, attraverso gli sguardi, tra gli altri, di Luzi e Majakovskij.

interventi e letture di
Giancarlo Pontiggia, Davide Rondoni e Laura Piazza

brindisi in versi di
Lorenzo Babini, Valentina Colonna da “La cadenza sospesa” (Aragno), Luigi D’Alessio da “Pompei” (CartaCanta), Tommaso Di Dio, Davide Ferrari, Lucrezia Lerro, Massimo Mandorlo, Melania Panico da “Campionature di fragilità” (La Vita Felice), Marco Pelliccioli, Giovanni Salis, Isabella Serra

PER INFO E BIGLIETTERIA
TEATRO SALA FONTANA
via Gian Antonio Boltraffio 21, Milano
Ingresso libero con aperitivo offerto da AngoloMilano
Info e prenotazioni: tel. 02/69015733 – fontana.teatro@elsinor.net
www.teatrosalafontana.it