Lo stato sociale: ‘Sesso, droga e lavorare’, il nuovo romanzo dal 19 settembre in libreria

Lo stato sociale_in arrivo il nuovo romanzo
Lo stato sociale_in arrivo il nuovo romanzo

S’intitola Sesso, droga e lavorare ed è edito dal Saggiatore il nuovo romanzo de Lo Stato Sociale.
Il collettivo bolognese, dopo il successo di “Il movimento è fermo” e “Andrea” torna ad affacciarsi al mondo dell’editoria a conferma della volontà di non limitarsi al solo campo musicale. L’esigenza di fare sempre cose nuove e diverse è da sempre uno dei motori della band che sceglie di tornare con un romanzo di formazione generazionale che riflette sul mondo del lavoro di oggi e cosa voglia dire crescerci dentro. Il libro sarà disponibile nelle librerie dal 19 Settembre e seguirà un tour di presentazioni nel paese arricchite da sessioni di live writing con il pubblico.

Il preorder di Sesso, droga e lavorare è disponibile a questo link:
https://www.amazon.it/Sesso-droga-lavorare-Stato-Sociale/dp/8842826286

IL LIBRO
La vita. Nascere e crescere. Andare male a scuola, occupare la scuola, fare fuga a scuola per andare al parco. Andare al parco e farsi una canna sotto il sole. Avere le allucinazioni. Pensare
a mille cose, non pensare proprio a nulla. Domandarsi che cos’è il nulla? Che forma ha, che odore fa il nulla? Pensare a quanto è bello il sesso, dentro una macchina, dietro un’aiuola. La sera starsene a casa sul letto a sognare. Le stelle, gli abissi, i buchi neri. Nella mente. I Radiohead. Nello stereo. I System of a Down. Sulla maglietta. E poi d’estate al mare. La spiaggia, gli ombrelloni, le ragazze. La vita. Nascere e crescere, e poi… E poi si va a lavoro. L’ufficio, il capo, la scrivania. Giacca e cravatta. Buongiorno e buonasera. Perdere il lavoro, trovarne un altro. Perdere l’altro, cercarne uno nuovo. Vivere per lavorare. Lavorare per vivere. Era meglio fare l’università. Fare l’università e capire che non è servita a nulla. Lo stipendio, poco o niente. Andare a ballare per non pensare al mondo. Il mondo fa schifo ma la vita è bella. Anche quella ragazza è bella. Il suo corpo, bello. La sua voce, bella. Sposarla, farci i figli, forse un giorno divorziare. L’amore. Che cos’è l’amore? L’amore non esiste, non è niente, è tutto. Ma che significa tutto? Com’è fatto il tutto? La vita. Nascere e crescere, e poi… Sesso, droga e lavorare è l’autobiografia del nostro tempo, un romanzo di formazione scritto dal gruppo che più ha saputo dare voce alle speranze e alle delusioni di un’intera generazione, che racconta chi siamo stati, chi siamo e chi forse saremo. E in cui i protagonisti, alla fine, siamo proprio noi.

SCHEDA
€ 17,00 | pp. 272

GLI AUTUORI:
Lo Stato Sociale sono cinque ragazzi bolognesi, legati dall’amicizia, dalla musica e dalla condivisione di ideali. Dopo gli ep Welfare Pop e Amore ai tempi dell’Ikea, nel 2012 arriva il primo album Turisti della democrazia, che li impone anche fuori dall’ambito della musica “indie”. Il successo cresce con L’Italia peggiore e Amore, lavoro e altri miti da sfatare. Nel frattempo, si susseguono i tour, con centinaia di date, tra le quali un trionfale concerto al Mediolanum Forum, a Milano. Tra un disco e l’altro pubblicano il loro primo romanzo, Il movimento è fermo. Nel 2018 partecipano al Festival di Sanremo con il brano Una vita in vacanza, canzone-fenomeno che raggiunge subito e stabilmente i vertici delle classifiche conquistando due dischi di platino.

APPUNTAMENTI IN LIBRERIA:
Bologna 19 settembre | 20.30 – Oratorio S. Filippo Neri

Torino 20 settembre | 21 – Circolo dei lettori

Milano 21 settembre | 18.30 – Feltrinelli, piazza Piemonte

Firenze 23 settembre | 18.30 – Feltrinelli Red

Roma 24 settembre | 18.30 – Feltrinelli, via Appia

Velletri 25 settembre | 18.30 – Mondadori

Bari 26 settembre | 18.30 – Feltrinelli, via Melo

Napoli 27 settembre | 18.30 – Feltrinelli, piazza dei Martiri

Lo Stato Sociale: “Facile” – nuovo singolo

lo-stato-sociale
lo-stato-sociale

Da venerdì 25 Maggio sarà in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali Facile, il nuovo singolo de Lo Stato Sociale tratto da Primati, in un’inedita versione cantata esclusivamente dai ragazzi della band.

Il brano anticipa la partenza della tournée estiva dei regaz nelle principali rassegne musicali del nostro paese; 5 feste davvero speciali di oltre due ore, piene di contenuti inediti e brani che la band non suonava da tempo e che torna a suonare per riabbracciare il proprio pubblico.

Il nuovo concerto de Lo Stato Sociale: se non ci vieni non te lo spieghi. Una maratona da due ore con coriandoli, palloni, salti, karaoke, lacrime e risate. Un viaggio a spasso per il tempo dalle origini della band fino ad “Una vita in vacanza” attraverso i brani irrinunciabili dei loro live e soluzioni da occhiali da sole di notte. I regaz anche questa volta alzeranno l’asticella, per organizzare il limbo collettivo più grande d’Italia.

Il nuovo singolo, Facile, è un brano che parla di stare bene con una persona; parla di prendere il meglio da chi ti sta accanto. È una canzone che elenca i paradossi, le contradizioni e le quotidiane follie della coppia per ipotizzare una possibile sintesi di due mondi, capace di migliorare la vita di entrambi.

Facile è una canzone che racconta come insieme la vita possa diventare improvvisamente più leggera, senza mai diventare superficiale o priva di significati. In Facile l’altro è visto come una possibilità di libertà; come un luogo di protezione in cui è possibile essere fragili senza che sia una cosa negativa.

In questo brano scritto da tutti i regaz, Lo Stato Sociale fonde una scrittura cantautorale a delle sonorità anni novanta e il risultato è una canzone quasi inconsapevolmente estiva ben distante dalle più classiche “regole” del tormentone.

Dopo l’avventura sanremese la band torna e lo fa nell’unico modo che conosce; anticonvenzionale, coraggioso e soprattutto libero. Nel arrangiamento e la produzione del brano è stato fondamentale l’apporto di Fabio Gargiulo, produttore e amico dei regaz che ha saputo interpretare la voglia dei ragazzi di essere sempre imprevedibili e diversi.

Facile
Il brano anticipa cinque date speciali
8 giugno – Carroponte – Milano
4 luglio – Sherwood Festival – Padova
11 luglio – Flowers Festival – Collegno (TO)
13 luglio – Rock in Roma – Ippodromo delle Capannelle
14 luglio – Eremo – Molfetta (BA)

Berlusconi tra gli ospiti di “Che Tempo che fa”, del 18 febbraio

chetempochefa
chetempochefa

Dopo aver ospitato in studio Alessandro Di Battista, come rappresentante indicato dal Movimento 5 Stelle, questa settimana l’esponente scelto dal centrodestra che interverrà a Che Tempo che fa di Fabio Fazio – in onda domenica 18 febbraio dalle 20.35 su Rai1 – sarà Silvio Berlusconi. Domenica 25 febbraio sarà la volta invece del candidato indicato dal centrosinistra.

Inoltre, la star internazionale Ben Harper, uno dei più grandi armonicisti country blues al mondo che il 30 marzo uscirà con il suo nuovo album dal titolo “No Mercy in This Land” realizzato con Charlie Musselwhite, anche lui in studio. E ancora, Gianni Morandi, reduce dal successo dell’ultimo singolo “Una vita che ti sogno”, che canterà per il pubblico di Che tempo che fa, e ai blocchi di partenza per il nuovo tour “D’amore d’autore”, dal 24 febbraio nelle maggiori città italiane.

E ancora, direttamente dall’Ariston Ornella Vanoni, che insieme a Bungaro e Pacifico si esibirà con il brano “Imparare ad Amarsi”, con cui a Sanremo ha vinto il premio “Sergio Endrigo” per la migliore interpretazione e Lo Stato Sociale, secondi classificati al Festival grazie a “Una vita in vacanza” con cui hanno fatto ballare tutta l’Italia.

Nel cast anche Luciana Littizzetto, che rilegge l’attualità con la sua ironia, e Filippa Lagerback.
A seguire Il Tavolo di Che tempo che fa con la complicità di Fabio Volo, la comicità surreale di Nino Frassica, le domande impossibili di Gigi Marzullo e la simpatia di Orietta Berti.

Tra gli ospiti: i padroni di casa del Dopofestival Edoardo Leo e Sabrina Impacciatore, quest’ultima nei cinema insieme a Gianmarco Tognazzi, anche lui seduto al tavolo, con il film corale di Gabriele Muccino “A Casa tutti Bene”. Inoltre, l’ex campione di motociclismo Max Biaggi, l’attrice, cantante e conduttrice tv Rosita Celentano e Stash, che con il singolo presentato a Sanremo “Frida (Mai, Mai, Mai)” ha già ottenuto oltre 2 milioni e 500mila visualizzazioni su YouTube.

Moro e Meta vincono Sanremo 2018

Metalmoro
Metalmoro

Vince il 68° Festival di Sanremo   la coppia Ermal Meta e Fabrizio moro con la canzone “Non mi avete fatto niente”

Al secondo posto   Lo  Stato Sociale con il brano “Una vita in vacanza”

Al terzo posto  si classifica Annalisa con il brano “Il mondo prima di te”

 

Premio della Critica  votato dalla sala stampa, è andato a Ron con la canzone “Almeno Pensami”

Il Premio della Sala stampa Lucio Dalla è stato vinto da Lo Stato sociale con “Una vita in vacanza”

Il Premio Sergio Endrigo per la migliore interpretazione va ad Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico con il brano “Bisogna imparare ad amarsi”

Il Premio Sergio Bardotti per il migliore testo: Mirkoeilcane con “Stiamo tutti bene”

Il Premio Giancarlo Bigazzi  Max Gazzè  con il brano “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”

Il  Premio Tim Music è stato assegnato a Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone “Non mi avete fatto niente”

 

Davide Falco

“Primati” nuovo album de Lo Stato Sociale

primati
primati

Al via lunedì il preorder su Amazon di “Primati” (Universal Music/Garrinchia Dischi), il nuovo album de Lo Stato Sociale in uscita dappertutto il 9 Febbraio, e il presave su Spotify del singolo “Una Vita in Vacanza” (http://www.umgitaly.com/unavitainvacanza). Quasi un anno dopo l’uscita del loro ultimo album “Amore, lavoro e altri miti da sfatare”, la band bolognese torna con un progetto discografico che accompagnerà la loro partecipazione alla 68esima edizione del Festival di Sanremo.

“Primati” è una “raccolta differenziata” di singoli del collettivo bolognese; contiene i tre inediti “Una vita in vacanza”, “Fare mattina” e “Facile” scritti successivamente all’uscita dell’ ultimo disco, oltre ad una nuova versione di “Sono così indie” tutti e quattro prodotti da Fabio Gargiulo e altri tredici singoli che hanno segnato il percorso della band dalla fondazione fino alla partecipazione al Festival di Sanremo.

“Una vita in vacanza”, il brano che la band porterà sul palco dell’Ariston, è un’arguta riflessione sul mondo del lavoro di oggi, in cui i regaz mettono in discussione la tendenza sempre più diffusa ad identificare completamente l’individuo con la sua professione.

É il racconto epico dello scontro fra il lavoro e la sua nemesi di sempre; la vacanza. Attraverso un elenco di professioni improbabili, il collettivo vuole spingere il pubblico a interrogarsi sui perché della nostra ricerca di definizione attraverso le scelte professionali.

Il pezzo, scritto e arrangiato da Lo Stato Sociale, unisce la canzone d’autore alle sonorità tipiche dell’elettronica, fondendo i due generi in uno stile unisco ed originale. “Una vita in vacanza” è stato prodotto artisticamente e orchestrato da Fabio Gargiulo (F. Michielin, C.De Andrè, Arisa) e gli archi sono stati incisi e coscritti con Davide Rossi (Coldplay, U2, Goldfrapp).

Lo Stato Sociale è:
Alberto “Albi” Cazzola (voce, basso), Francesco “Checco” Draicchio (voce, sintetizzatori, percussioni), Lodovico “Lodo” Guenzi (voce, chitarra, pianoforte), Alberto “Bebo” Guidetti (voce, drum machines, programmazioni), Enrico “Carota” Roberto (voce, sintetizzatori, pianoforte, rhodes, programmazioni).